Elementi di psicologia clinica di Franco Del Corno e Margherita Lang – Recensione

Il testo descrive la teoria di riferimento, l’ambito di applicazione, le tecniche di assessment e le terapie ad oggi disponibili in psicologia clinica.

ID Articolo: 43261 - Pubblicato il: 20 maggio 2014
Messaggio pubblicitario SFU 2020
Condividi

Elementi di psicologia clinica di Franco Del Corno e Margherita LangCoprendo a 360 gradi il ruolo della psicologia clinica e la figura dello psicologo clinico all’interno del contesto di cura, il libro prende in considerazione sia la teoria di riferimento e l’ambito di applicazione, sia le tecniche di assessment, che le terapie ad oggi disponibili sulla scena italiana e internazionale, da un punto di vista teorico e di setting (individuale, famigliare o di gruppo).

Elementi di Psicologia Clinica è un libro curato da Franco del Corno e Margherita Lang, edito da FrancoAngeli e uscito in una seconda edizione riveduta e ampliata alla fine dello scorso anno, dopo la prima fortunata edizione del 2005.

Il volume si propone come un utile strumento di lavoro e di apprendimento, sia da parte di un pubblico studentesco, che può così acquisire i primi concetti e le basi della psicologia clinica, sia da parte di un pubblico già “operativo” di psicologi clinici e psicoterapeuti. Coprendo a 360 gradi il ruolo della psicologia clinica e la figura dello psicologo clinico all’interno del contesto di cura, prende infatti in considerazione sia la teoria di riferimento e l’ambito di applicazione, sia le tecniche di assessment, che le terapie ad oggi disponibili sulla scena italiana e internazionale, da un punto di vista teorico e di setting (individuale, famigliare o di gruppo).

Il fatto di mantenere un approccio essenziale, permette agli autori di costruire un libro di agevole consultazione e utilizzo, che possa in 500 pagine toccare tutti i temi di cui abbiamo detto, senza entrare eccessivamente nello specifico, ma riportando per ogni capitolo la bibliografia necessaria a chi volesse approfondire i diversi aspetti.

Il libro si apre con una prima sezione che introduce alla storia della psicologia clinica, raccontando come è nata a partire dalla filosofia e cercando un’applicazione più concreta delle teorie sull’uomo nella cura e nel trattamento dei disturbi, per poi passare attraverso i mutamenti storici e legislativi alla concezione della psicologia cinica odierna, che caratterizza una distinzione tra psicologi e psicoterapeuti, attraverso formazioni albi di riferimento differenti.

Infine, si apre un paragrafo ipotetico su come potrebbe svilupparsi in futuro la figura dello psicologo clinico, anche alla luce del calo di investimenti nella cura, prevenzione e riabilitazione di tutte le malattie, comprese quelle psichiche, sia per i professionisti singoli che per le strutture sanitarie, che devono scegliere in un modo sempre più mirato dove e quanto investire. Per questo, lo psicologo clinico di domani è una figura che per poter sopravvivere dovrà formarsi rapidamente su quelle che sono le first choice per i diversi problemi e ambiti di applicazione della psicologia clinica e del counselling. La parola chiave sembra essere l’approccio integrato di figure professionali, interventi e tecniche differenti, al fine di assicurare all’utenza l’ottimizzazione delle risorse e del denaro.

Messaggio pubblicitario Sempre nella prima parte del volume, gli Autori forniscono informazioni circa l’inquadramento diagnostico e gli strumenti utilizzati e riconosciuti come validi anche dal servizio pubblico e dall’APA. Dopo aver introdotto il DSM e averne illustrato la nascita e l’evoluzione, si soffermano sulle modifiche che sono state introdotte negli ultimi anni, anche alla luce della recente edizione aggiornata del DSM-5 (2014).

La seconda parte del libro è dedicata ai procedimenti di indagine diagnostica, a tutte quelle buone prassi e agli strumenti specifici che permettono di approdare a un corretto inquadramento del singolo paziente. A questo scopo, vengono esposte le diverse fasi dell’accertamento, dall’incontro con il paziente alla restituzione finale di quanto emerso, dedicando anche un intero capitolo alle difficoltà che possono sorgere in questo delicato momento di assessment con i pazienti che vengono definiti “difficili” per diagnosi o per problemi nell’alleanza con lo psicologo stesso.

Gli Autori affrontano le diverse componenti del colloquio in psicologia clinica, a partire dalle informazioni basilari sulle buone prassi e sui possibili problemi nella fase di contatto iniziale (richiesta di appuntamento, tipo di invio, raccolta di informazioni di base), per poi approfondire meglio le modalità per condurre una prima raccolta dei dati del paziente attraverso il colloquio, anche sulla base della teoria a cui il clinico fa riferimento. In quest’ottica, si scorgono diversi metodi di raccolta di informazioni, dalle interviste strutturate e semi-strutturate ai riepiloghi da compilare a cura del clinico una volta terminato il primo colloquio.

Messaggio pubblicitario Nella terza sezione vengono approfonditi gli strumenti diagnostici, scorrendo in circa 150 pagine le motivazioni per cui utilizzare o non utilizzare i test e le diverse tipologie di assessment disponibili per la valutazione dell’intelligenza e della personalità secondo le diverse teorie (test di Rorschach, test proiettivi, scale cliniche, MMPI e MCMI). Per ogni strumento vengono illustrate le motivazioni che possono portare a sceglierlo, il campo di utilizzo e le modalità di somministrazione e di lettura dei risultati. Viene inoltre affrontata in modo approfondito la modalità di restituzione di quanto emerso.

Infine, la quarta sezione è quella più consistente, sia da un punto di vista quantitativo (impiega quasi metà libro) che da un punto di vista tematico. È infatti la sezione in cui vengono illustrate, in ogni capitolo (15 in tutto) i diversi orientamenti ad oggi presenti sulla scena Italiana e mondiale. A partire dalla psicoanalisi e dagli approcci psicodinamici, gli autori riportano per ogni corrente i presupposti fondanti, la teoria della cura e della malattia che sottendono e le metodologie di intervento, seppur ovviamente non potendo approfondire in modo esaustivo ogni singolo indirizzo.

In questa seconda edizione, gli Autori hanno avuto la possibilità di aggiornare le diverse tecniche e i diversi approcci, aggiungendo quelli che fanno parte della cosiddetta terza ondata, come l’Acceptance and Commitment Therapy (ACT) e la Dialectical Behavior Therapy (DBT), oltre alla CBT standard (comportamentismo e cognitivismo). Inoltre, vengono riportate tecniche che combinano la componente cognitiva e la componente neuro-biologica, come l’Eye Movement Desensitization and Reprocessing (EMDR) e la Sensorymotor Psychotherapy. Infine, vengono presentate terapie con setting non individuali, come la terapia famigliare e il lavoro con i gruppi clinico-terapeutici. Il capitolo che chiude il volume presenta altre psicoterapie diffuse e utilizzate come la Terapia della Gestalt e la Programmazione Neurolinguistica.

 

ARGOMENTI CORRELATI:

PSICOTERAPIA COGNITIVARECENSIONI

ARTICOLO CONSIGLIATO:

Psicoterapia: Intervista a Franco Del Corno – I Grandi Clinici Italiani

 

BIBLIOGRAFIA:

  • Del Corno, F., Lang, M. (2013). Elementi di psicologia clinica. Franco Angeli Editore.  ACQUISTA ONLINE
VOTA L'ARTICOLO
(voti: 4, media: 4,75 su 5)
State of Mind © 2011-2021 Riproduzione riservata.
Condividi
Messaggio pubblicitario

Messaggio pubblicitario

Argomenti

Scritto da

Sono citati nel testo

Messaggio pubblicitario