Come conquistare una donna? Fatevi crescere la barba!

Attenzione ai dettagli! Per assicurarsi fascino e mistero non è sufficiente una barba incolta, al contrario occorre calibrare lunghezza e forma. Psicologia

ID Articolo: 38870 - Pubblicato il: 24 gennaio 2014
Messaggio pubblicitario SFU 2020
Condividi

VOLETE CONQUISTARE UNA DONNA? FATEVI CRESCERE LA BARBA!  Eclissa il modello dell’uomo sbarbato, dall’aria innocente e fanciullesca, per lasciare spazio all’uomo rude e virile. Ma attenzione ai dettagli! Per assicurarsi fascino e mistero non è sufficiente una barba incolta, al contrario occorre calibrare lunghezza e forma.

Lo conferma una curiosa ricerca condotta in Australia presso la University of New South Wales e pubblicata sulla rivista Evolution and Human Behavior, che ha coinvolto 177 donne e 351 uomini, tutti eterosessuali.

Gli amanti dello stile glabro si devono arrendere alle preferenze delle donne, che ancora una volta dettano legge in materia di estetica e sex appeal. Eclissa il modello dell’uomo sbarbato, dall’aria innocente e fanciullesca, per lasciare spazio all’uomo rude e virile. Ma attenzione ai dettagli! Per assicurarsi fascino e mistero non è sufficiente una barba incolta, al contrario occorre calibrare lunghezza e forma. Niente basettoni e baffi a manubrio, la barba che assicura irresistibilità  non deve incontrare il rasoio per 10 giorni. Superato questo limite di tempo, ecco che da maschi avvenenti e virili potreste trasformarvi in potenziali genitori affettuosi e accudenti.

Lo conferma una curiosa ricerca condotta in Australia presso la University of New South Wales e pubblicata sulla rivista Evolution and Human Behavior, che ha coinvolto 177 donne e 351 uomini, tutti eterosessuali. Ai partecipanti è stato chiesto di esprimere un parere rispetto a quanto trovassero attraenti barbe di diverso taglio: completamente rasato, barba di 5 giorni, barba di 10 giorni, barba lunga. Quella più apprezzata  è risultata la barba di 10 giorni.

 

Tipi di barba. VOLETE CONQUISTARE UNA DONNA? FATEVI CRESCERE LA BARBA!

Le donne, oltre ad esprimere pareri favorevoli in termini di estetica, hanno anche sottolineato il senso di sicurezza e protezione emanato dal look bohemien. Secondo i ricercatori, le preferenze femminili non avevano alcun legame con la fase del ciclo mestruale, anche se le donne in fase di ovulazione hanno considerato questa tipologia di uomo come estremamente affascinante.

Messaggio pubblicitario La nuova tendenza era già emersa nel 2012 in un’indagine condotta da Found!, la prima agenzia in Italia di mood marketing comunication,  attraverso un monitoraggio on line sui principali social network, blog e community interattive, coinvolgendo circa 1300 utenti femminili tra i 25 e i 55 anni per indagare le caratteristiche dell’uomo ideale. Anche in questa indagine è stato messo in luce l’imperativo categorico della barba incolta.

Le passerelle e i rotocalchi non si sono resi immuni al cambio di rotta, sfoggiando modelli e attori del piccolo e grande schermo con un look che asseconda pienamente le aspettative femminili, basti pensare al Red Carpet o ai volti noti nelle pubblicità, scenari privilegiati dell’elogio alla barba incolta. Superati i miti dell’uniformità tra i sessi, dove uomini e donne fanno a gara per accaparrarsi un appuntamento dall’estetista, assistiamo dunque a un ritorno alla differenziazione, alla riscoperta dell’altro e del suo valore nella diversità, che sottolinea una verità intramontabile, ovvero il bisogno delle donne di sentirsi protette e rassicurate dal proprio partner. Quindi uomini, se volete conquistare una donna, fatevi crescere la barba!

 

ARGOMENTI CORRELATI:

AMORE E RELAZIONI SENTIMENTALISESSO E SESSUALITA’

GENDER STUDIES

ARTICOLO CONSIGLIATO:

Stimoli Erotici in uomini e donne: CULTURA VS EVOLUZIONE

 

BIBLIOGRAFIA:

 

 

 

VOTA L'ARTICOLO
(voti: 7, media: 4,43 su 5)
State of Mind © 2011-2020 Riproduzione riservata.
Condividi
Messaggio pubblicitario

Messaggio pubblicitario

Scritto da

Università e centri di ricerca

Riviste scientifiche

Categorie

Messaggio pubblicitario