Depressione: Riflessioni sul sé e attività cerebrale

Depressione: le persone che fanno esperienza di episodi depressivi mostrano un aumento dell’attività cerebrale quando pensano a sé stessi.

ID Articolo: 37564 - Pubblicato il: 11 dicembre 2013
Condividi

– FLASH NEWS-

Rassegna Stampa - State of Mind - Il Giornale delle Scienze Psicologiche

Una ricerca condotta dalla University of Liverpool ha scoperto che le persone che fanno esperienza di episodi depressivi durante tali episodi mostrano un aumento dell’attività cerebrale nel momento in cui viene loro chiesto di pensare a sé stessi.

Utilizzando la risonanza magnetica funzionale i ricercatori hanno scoperto che le persone con episodio depressivo processano differentemente l’informazione non solo nella loro mente ma anche nel loro cervello rispetto alle persone non depresse.

Ai soggetti è stato richiesto di scegliere alcuni aggettivi positivi, negativi e neutri sia per descrivere sé stessi che la Regina d’Inghilterra (una figura popolare e ben conosciuta ma distante dalla loro quotidianità).

Messaggio pubblicitario Come ci si poteva aspettare i partecipanti con umore depresso scelsero in misura significativamente minore parole positive e un maggior numero di parole negative per descrivere sé stessi rispetto ai soggetti non depressi.

Il punto più interessante è però che a livello cerebrale durante il compito di autodescrizione di sé si è registrato un maggiore livello di attivazione nella corteccia frontale mediale superiore (area solitamente associata all’elaborazione di informazioni sul sé e sulla propria identità) nei pazienti depressi rispetto ai non depressi; tale effetto inoltre non si verifica se è in gioco la descrizione della Regina.

Lungi dal riduzionismo neurobiologico, gli autori auspicano futuri studi mirati a connettere maggiormente gli aspetti psicologici con quelli neurobiologici nella continua comprensione dei fenomeni depressivi.

LEGGI:

DEPRESSIONENEUROPSICOLOGIA – DEPRESSIONE MAGGIORE

 

 

 

BIBLIOGRAFIA:

VOTA L'ARTICOLO
(voti: 2, media: 5,00 su 5)
State of Mind © 2011-2020 Riproduzione riservata.
Condividi
Messaggio pubblicitario

Messaggio pubblicitario

Argomenti

Università e centri di ricerca

Categorie

Messaggio pubblicitario