inTherapy

Story-Writing ed Emozioni nelle Scuole Inglesi

Story-Writing: Il potere della scrittura per il benessere emotivo e fisico. Scrivere storie aiuta le persone a esplorare e comprendere le proprie emozioni.

ID Articolo: 29338 - Pubblicato il: 18 aprile 2013
Messaggio pubblicitario SFU 2020
Condividi

FLASH NEWS Rassegna Stampa - State of Mind - Il Giornale delle Scienze Psicologiche

Scrivere storie può aiutare le persone a esplorare e comprendere le proprie emozioni.

Già Pennebaker (1997a; 1997b) con il metodo del diario sottolineava il potere benefico della scrittura in termini di benessere emotivo e fisico. Un nuovo progetto in atto presso quattro scuole della Gran Bretagna e coordinato dalla fondazione Young Minds si fonda sull’assunto che scrivere storie possa aiutare le persone a esplorare e comprendere le proprie emozioni. Una sessione tipica di questa attività prevede diversi step. Si inizia con un esercizio di rilassamento o midfulness, seguito da un breve assessment dello stato emotivo presente.

La costruzione di narrative personali in terapia cognitiva #2 - Immagine: © frenta-Fotolia.com_.jpg

Articolo consigliato: La costruzione di narrative personali in terapia cognitiva #2

 

LEGGI ANCHE ARTICOLI SU: MINDFULNESS

Arriva quindi l’indicazione di scrivere una storia a partire da un’indizio emotivamente connotato quale “c’era una volta un drago molto arrabbiato…”: i ragazzi iniziano a scrivere la loro storia in completa fantasia.

LEGGI ANCHE ARTICOLI SU: BAMBINI & ADOLESCENTI

  Se l’indizio emotivo fornito non corrisponde allo stato emotivo del ragazzo, si adatta la consegna affinchè vi sia concordanza. Viene poi loro richiesto di condividere le loro storie con il resto della classe, e al termine vi è nuovamente una breve valutazione dello stato emotivo del momento. Messaggio pubblicitario  E’ fondamentale avere un facilitatore di questa attività che possa validare il lavoro di scrittura e di espressione emotiva dei ragazzi. I vissuti personali dei ragazzi sono comunque mantenuti riservati in tale setting poichè viene data loro la consegna soltanto di identificare lo stato emotivo.   Sembrerebbe che il progetto – così semplice da attuare-  abbia effetti positivi nel senso che gli studenti coinvolti avrebbero l’opportunità di esprimere le emozioni negative durante e attraverso l’esercizio di scrittura delle storie riportando quindi maggiori emozioni positive al termine dell’esperienza.

LEGGI: 

MINDFULNESS – BAMBINI & ADOLESCENTI

BIBLIOGRAFIA:

 

VOTA L'ARTICOLO
(voti: 5, media: 5,00 su 5)
State of Mind © 2011-2021 Riproduzione riservata.
Condividi
Messaggio pubblicitario

Messaggio pubblicitario

Categorie

Messaggio pubblicitario