Lavoro e Potere: Dinamiche della Violenza Domestica

Quando entrambi i partners hanno un'occupazione la violenza domestica risulta raddoppiata rispetto a quando era solo l'uomo a lavorare.

ID Articolo: 23313 - Pubblicato il: 11 dicembre 2012
Messaggio pubblicitario SFU Magistrale
Condividi

FLASH NEWS 

Rassegna Stampa - State of Mind - Il Giornale delle Scienze Psicologiche

Nei casi in cui entrambi i partners avevano un’occupazione la violenza domestica è risultata raddoppiata rispetto a quando era solo il partner maschile ad avere un impiego.

LEGGI ANCHE ARTICOLI SU: VIOLENZA

La violenza domestica ha il doppio delle probabilità di verificarsi in nuclei familiari in cui entrambi i partners lavorano, rispetto a quando lavora solo un partner. È quanto emerso da un recente studio condotto alla Sam Houston State University.

Lo studio, condotto da Cortney A. Franklin e Tasha A. Menaker e sostenuto dal Crime Victims’ Institute, è partito dall’ipotesi che la violenza domestica e la vittimizzazione potessero essere correlate a differenze nel livello di istruzione e status lavorativo tra i partners.

Femminicidio, il Ruolo dell’Impulsività. - Immagine: © fabianaponzi - Fotolia.com

Articolo Consigliato: Femminicidio, il Ruolo dell’Impulsività.

Invece da quanto emerso in questo studio le differenze nei livelli di istruzione sembrano avere poca influenza sulla violenza domestica, mentre è la variabile lavoro a risultare significativa: infatti nei casi in cui entrambi i partners avevano un’occupazione la violenza domestica è risultata raddoppiata rispetto a quando era solo il partner maschile ad avere un impiego.

Lo studio si è basato su interviste telefoniche fatte a un campione di 303 donne con un età compresa tra i 18 e 81 anni e sentimentalmente impegnate con un uomo: il 67 per cento di loro ha riferito una qualche forma di vittimizzazione fisica o psicologica da parte del partner durante i due anni precedenti; gli atti violenti si riferivano al lancio di oggetti, spinte e spintoni, essere afferrate, colpite, prese a calci o a morsi e l’essere state minacciate con una pistola o un coltello.  

LEGGI ANCHE ARTICOLI SU: AMORE E RELAZIONI SENTIMENTALI

Messaggio pubblicitario L’ipotesi dei ricercatori è che l’occupazione lavorativa femminile può rappresentare una sfida all’autorità e al potere maschile all’interno del rapporto di coppia.

Quando le donne sono costrette a casa nel ruolo di casalinghe, non godono dei contatti con colleghi di lavoro, di un salario proprio, del prestigio legato ad alcune posizioni lavorative e quindi più in generale di risorse che possono metterle in una posizione di autonomia e potere individuale all’interno della coppia;la condizione di dipendenza economica invece valorizza il partner lavoratore all’interno della coppia, valore che rischia di essere messo in crisi nei casi in cui questa dipendenza economica e sociale non esiste perchè anche la donna lavora. 

Rassegna Stampa - State of Mind - Il Giornale delle Scienze Psicologiche

Articolo Consigliato: Violenza Domestica: Quando i Pregiudizi Condizionano il Verdetto

Altri fattori che possono contribuire alle dinamiche di vittimizzazione sono lo stress relazionale e l’essere stati testimoni di atti di violenza domestica nell’infanzia.

LEGGI ANCHE ARTICOLI SU: BAMBINI

Infine, lo studio ha trovato che le donne ispaniche avevano significativamente meno probabilità rispetto alle donne caucasiche di denunciare la violenza domestica e che le donne anziane di tutte le etnie avevano meno probabilità di essere vittimizzate rispetto a quelle più giovani.

A seguito di questi risultati, Franklin e Menaker raccomandano che chi si occupa professionalmente delle vittime di violenza domestica impari strategie specifiche per affrontare i fattori di rischio e le differenze culturali. In particolare le giovani che sono state testimoni di violenza domestica nell’infanzia dovrebbero essere aiutare con dei programmi ad hoc che le aiutino a sviluppare strategie efficaci di risoluzione dei conflitti che insorgono nelle relazioni di coppia. 

LEGGI ARTICOLI SU: VIOLENZA – AMORE E RELAZIONI SENTIMENTALI

 

 

BIBLIOGRAFIA:

VOTA L'ARTICOLO
(voti: 1, media: 5,00 su 5)
State of Mind © 2011-2019 Riproduzione riservata.
Condividi
Messaggio pubblicitario

Messaggio pubblicitario

Scritto da

Sono citati nel testo

Categorie

Messaggio pubblicitario