Centri Clinici

Sono gli Amici d’ Infanzia a Conoscere al meglio l’Adulto che Saremo

Nell’ infanzia vengono svolte una serie di attività che fanno emergere i tratti di personalità del futuro individuo.

ID Articolo: 21974 - Pubblicato il: 19 novembre 2012
Messaggio pubblicitario SFU 2020
Condividi

FLASH NEWS 

Rassegna Stampa - State of Mind - Il Giornale delle Scienze Psicologiche

Nell’infanzia vengono svolte una serie di attività che fanno emergere i tratti di personalità del futuro individuo.

Il gioco, lo svolgere compiti insieme (ad esempio chi fa copiare e chi, invece, si rifiuta), fare uno sport, aiutarsi, litigare, inserirsi in un nuovo ambiente, affrontare insieme una frustrazione, etc. sono una metafora della vita che permettono di rivelare l’indole di una persona.

LEGGI TUTTI GLI ARTICOLI SU: BAMBINI

Quest’ultima viene intuita al meglio dai propri coetanei grazie alla quantità e all’intensità del tempo trascorso insieme. 

Rassegna Stampa - State of Mind - Il Giornale delle Scienze Psicologiche

Articolo Consigliato: Bambini: già dai 3 mesi di vita quanto contano le interazioni con papà

In uno studio canadese conosciuto come il Concordia Longitudinal Risk Project, sono stati monitorati i tratti della personalità di oltre 700 persone, sia da bambine sia da adulte. 

La ricerca è stata iniziata nel 1976 da Alex Schwartzman e Jane Ledingham del Dipartimento di Psicologia della Concordia University. Attualmente è portata avanti da Lisa Serbin e Alexa Martin-Storey.

In una prima parte, i giovani volontari sono stati sottoposti a questionari in cui veniva chiesto di formulare un auto-valutazione sui loro principali tratti di personalità (aggressività, lealtà, timidezza, ambizione, socievolezza) e successivamente veniva domandato di esprimersi in merito alle stesse caratteristiche sui compagni di scuola e di giochi. Per più di vent’anni i ricercatori hanno poi continuato a seguire gli intervistati, monitorandone le esperienze di vita, delineando la loro realtà e ripetendo i questionari nel tempo. A conclusione dello studio, tra il 1999 e il 2003, i ricercatori hanno attribuito un punteggio ad alcuni tratti della personalità dei volontari, prendendo in esame l’estroversione, l’affidabilità, la socievolezza, la correttezza, le nevrosi e la coscienziosità. In totale i ricercatori hanno collezionato 30 anni di dati per concludere che le valutazioni date dal gruppo di coetanei erano strettamente associate con gli eventuali esiti nell’età adulta, a scapito delle proprie percezioni di personalità effettuate durante l’ infanzia.

Messaggio pubblicitario Ad esempio, i bambini che sono percepiti come socialmente ritirati dai coetanei, crescendo e divenendo adulti, sviluppano livelli più bassi di estroversione. Dai risultati è emerso che quest’ultimo aspetto è un’associazione più accurata rispetto alle altre.

LEGGI ANCHE ARTICOLI SU: RAPPORTI INTERPERSONALI

Concludendo, i bambini hanno maggiori occasioni di frequentazione, sia dal punto di vista qualitativo che quantitativo, inoltre non hanno ancora sviluppato le sovrastrutture proprie dell’età adulta. Ciò permette l’immediatezza e l’istintività dei comportamenti senza ricorrere a filtri, facendo così emergere la vera natura dell’individuo: la timidezza, la propensione al successo, la socievolezza, l’aggressività. Tutto questo si rivela soprattutto con i nostri compagni di infanzia che localizzano i punti forti e deboli, presenti e futuri con giudizi veritieri e vicini alla realtà della persona adulta.

LEGGI ANCHE ARTICOLI SU: BAMBINIRAPPORTI INTERPERSONALI 

 

BIBLIOGRAFIA: 

VOTA L'ARTICOLO
(voti: 1, media: 5,00 su 5)
State of Mind © 2011-2021 Riproduzione riservata.
Condividi
Messaggio pubblicitario

Messaggio pubblicitario

Scritto da

Sono citati nel testo

Università e centri di ricerca

Categorie

Messaggio pubblicitario