Messaggio pubblicitario

Il ruolo della speranza e dell’ottimismo nelle malattie croniche

La psicologia positiva sostiene che la speranza e l'ottimismo abbiano un ruolo importante rispetto al decorso delle malattie croniche.

ID Articolo: 145219 - Pubblicato il: 19 aprile 2017
Il ruolo della speranza e dell’ottimismo nelle malattie croniche
Messaggio pubblicitario Università di Psicologia Milano - SFU 01-2017
Condividi

Psicologia positiva e malattie croniche: La psicologia positiva, movimento creato alla fine degli anni ’90 da Seligman, ha fra i costrutti principali del suo statuto epistemologico lo spiegare come una condizione di positività mentale possa influire sullo stato di salute di un individuo, concorrendo a determinare il suo benessere. Archetipi importanti della psicologia positiva sono la speranza, la saggezza, la creatività, il coraggio, la spiritualità, la responsabilità e l’ottimismo (Seligman e Csikszentmihalyi, 2000).

 

La psicologia positiva, movimento creato alla fine degli anni Novanta da Seligman, ha fra i costrutti principali del suo statuto epistemologico lo spiegare come una condizione di positività mentale possa influire sullo stato di salute di un individuo, concorrendo a determinare il suo benessere.

Archetipi importanti della psicologia positiva sono la speranza, la saggezza, la creatività, il coraggio, la spiritualità, la responsabilità e l’ottimismo. La speranza può essere definita come uno stato di motivazione positiva, basato su tre componenti, ovvero obiettivi da raggiungere, strategie per il raggiungimento degli obiettivi e motivazione a raggiungerli. Essa può essere misurata con la Hope Scale. L’ottimismo può essere indicato come la tendenza a credere che si possano raggiungere dei risultati positivi, piuttosto che negativi. Perché ci possa essere l’ottimismo, è necessario avere un’aspettativa positiva nei confronti del futuro. L’ottimismo può essere misurato con il Life Orientation Test (LOT). Da tempo, diversi studi hanno messo in evidenza l’impatto positivo che la speranza e l’ottimismo, fra i costrutti fondamentali della psicologia positiva, hanno sulla salute fisica dell’individuo.

Keywords: psicologia positiva, speranza, ottimismo, benessere, malattie croniche.

 

I costrutti della psicologia positiva

La psicologia positiva, movimento creato alla fine degli anni ’90 da Seligman, ha fra i costrutti principali del suo statuto epistemologico lo spiegare come una condizione di positività mentale possa influire sullo stato di salute di un individuo, concorrendo a determinare il suo benessere. Archetipi importanti della psicologia positiva sono la speranza, la saggezza, la creatività, il coraggio, la spiritualità, la responsabilità e l’ottimismo (Seligman e Csikszentmihalyi, 2000).

Messaggio pubblicitario Attraverso questi parametri, si determina quella che Seligman (2008) definisce la salute positiva, che ha come paradigma fondante la salute mentale dell’individuo, da intendersi non come assenza di malattia, ma come una condizione caratterizzata dal provare emozioni positive, dall’avere degli impegni finalizzati al raggiungimento di obiettivi positivi, dall’essere in grado di relazionarsi positivamente con l’alterità. Il benessere provato, frutto della salute mentale sopra delineata, incrementa la longevità degli individui e migliora il loro invecchiamento; migliora la prognosi delle malattie; riduce l’entità delle spese sanitarie affrontate dagli Stati (Seligman, 2008).

Da tempo, diversi studi hanno messo in evidenza l’impatto positivo che la speranza e l’ottimismo, fra i costrutti fondamentali della psicologia positiva, hanno sulla salute fisica dell’individuo (Schiavon, Marchetti, Gurgel, Busnello e Reppold, 2017). La speranza può essere definita come uno stato di motivazione positiva, basato su tre componenti, ovvero obiettivi da raggiungere, strategie per il raggiungimento degli obiettivi e motivazione a raggiungerli (Snyder e al., 1991).

La speranza può essere misurata con la Hope Scale, messa a punto da Snyder e al. (1996). Questa scala è composta da 12 items, costituiti da affermazioni, a cui l’intervistato deve rispondere con dei numeri che vanno da 1 (completamente falso) ad 8 (completamente vero). Alti punteggi indicano che la persona ha un alto livello di speranza.

L’ottimismo può essere indicato come la tendenza a credere che si possano raggiungere dei risultati positivi, piuttosto che negativi (Scheier e Carver, 1985). Perché ci possa essere l’ottimismo, è necessario avere un’aspettativa positiva nei confronti del futuro (Carver e al., 2010). L’ottimismo determina nell’individuo degli atteggiamenti proattivi finalizzati alla protezione della sua salute, cosa che non si verifica nel soggetto pessimista (Carver e al., 2010).

Nell’ambito dell’ottimismo, un ruolo chiave lo rivestono gli eventi stressanti e la loro durata. A questo proposito le ricerche di Cohen e al. (1999) e Segerstrom (2005) hanno dimostrato che quando gli eventi stressanti sono di breve durata (meno di una settimana) l’ottimismo funge da barriera protettiva nei loro confronti. Cosa che non si verifica quando i fattori stressanti sono di lunga durata: in questo caso, anche le persone ottimiste diventano immunologicamente più vulnerabili. In generale, chi è pessimista ha una salute fisica più scadente, una tendenza maggiore a soffrire di depressione, un incremento dei fattori di rischio relativi alla mortalità, condizioni che non accadono per l’ottimista, che vive più a lungo e ha una migliore qualità della vita (Urcuyo e al., 2005).

L’ottimismo può essere misurato con il Life Orientation Test (LOT), messo a punto da Scheier e Carver nel 1985. Esso è un questionario composto da 12 items, che misurano l’orientamento di vita, ovvero se le persone percepiscono la loro vita in termini positivi o negativi.

Il ruolo dell’ottimismo nelle malattie croniche

L’ottimismo svolge un ruolo positivo in molte malattie croniche. DuBois e al. (2012) sottolineano che esistono delle evidenze relative all’associazione fra ottimismo e prognosi migliore nelle malattie cardiache. In questo ambito, l’ottimismo è associato ad un miglioramento delle condizioni cardiache (Shepperd e al., 1996), ad una minore probabilità di ricovero per patologie cardiache (Scheier e al., 1999), ad una riduzione del rischio di malattia coronarica nella popolazione anziana (Kubzansky e al., 2001) e ad una diminuzione della mortalità per cause cardiovascolari negli anziani (Giltay e al., 2004).

Messaggio pubblicitario centro psicoterapia Relativamente al cancro, l’ottimismo aumenta l’aspettativa di vita nei pazienti con tumore cerebrale e con neoplasie localizzate nel distretto del collo (Allison e al, 2003).
L’ottimismo, inoltre, svolge un ruolo positivo nei malati di sclerosi multipla, determinando una variazione positiva nel vissuto psicologico e un miglioramento delle condizioni fisiche (Hart e al., 2008). Importante è anche l’impatto positivo che l’ottimismo ha nella colite ulcerosa (Flett, 2011).

Nel controllo del peso, le persone ottimiste sono più propense ad adottare i cambiamenti salutari che servono a riportare l’Indice di Massa Corporea (BMI) nella norma (Boehm e al., 2013).

In rapporto alla speranza, le persone che nutrono speranza hanno una minore probabilità che possa essere loro diagnosticata un’infezione dell’apparato respiratorio (Richman e al., 2005). Negli individui che sono sottoposti a trattamenti riabilitativi a lungo termine, la speranza permette una buona adesione alla riabilitazione e l’abbandono di abitudini nocive nel campo della salute (Halding e Heggdal, 2012). Altri benefici effetti della speranza sono stati trovati nelle malattie croniche di natura mentale: infatti, Waynor e al. (2012) hanno dimostrato che la speranza è inversamente proporzionale alla ricomparsa di sintomi.

VOTA L'ARTICOLO
(voti: 3, media: 5,00 su 5)

Articolo consigliato dall'autore

L’intervento psicologico nelle malattie croniche e degenerative

L’intervento psicologico nelle malattie croniche e degenerative

Sono numerose le evidenze scientifiche in merito all’efficacia e all’utilità dei trattamenti psicologici in caso di malattie croniche e degenerative

Bibliografia

  • Allison, P., J., Guichard, C., Fung, K., Gilain, L. (2003). Dispositional optimism predicts survival status 1 year after diagnosis in head and neck cancer patients. J. Clin. Oncol., 21, 543–548. DOI:10.1200/JCO.2003.10.092
  • Boehm, J., K., Williams, D., R., Rimm, E., B., Ryff, C., Kubansky, L., D. (2013). Relation between optimism and lipids in midlife. Am. J. Cardiol., 111, 1425–1431. DOI:10.1016/j.amjcard.2013.01.292
  • Carver, C., S., Scheier, M., F., Segerstrom, S., C. (2010). Optimism. Clin. Psychol. Rev., 30, 879–889. DOI:10.1016/j.cpr.2010.01.006
  • Cohen, F., Kearney, K., A., Zegans, L., S., Kemeny, M., E., Neuhaus, J., M., Stites, D., P. (1999). Differential immune system changes with acute and persistent stress for optimists vs. pessimists. Brain Behav. Immun., 13, 155–174. DOI:10.1006/brbi.1998.0531
  • DuBois, C., M., Beach, S., R., Kashdan, T., B., Nyer, M., B., Park, E., R., Celano, C., M., (2012). Positive psychological attributes and cardiac outcomes: associations, mechanisms, and interventions. Psychosomatics, 53, 303–318. DOI:10.1016/j.psym.2012.04.004
  • Flett, G., L., Baricza, C., Gupta, A., Hewitt, P., L., Endler, N., S. (2011). Perfectionism, psychosocial impact and coping with irritable bowel disease: a study of patients with Crohn’s disease and ulcerative colitis. J. Health Psychol., 16, 561–571. DOI:10.1177/1359105310383601
  • Giltay, E., J., Geleijnse, J., M., Zitman, F., G., Hoekstra, T., Schouten, E., G. (2004). Dispositional optimism and all-cause and cardiovascular mortality in a prospective cohort of elderly dutch men and women. Arch. Gen. Psychiatry, 61, 1126–1135. DOI:10.1001/archpsyc.61.11.1126
  • Halding, A., G., Heggdal, K. (2012). Patients’ experiences of health transitions in pulmonary rehabilitation. Nurs. Inq., 19, 345–356. DOI:10.1111/j.1440-1800.2011.00573.x
  • Hart, S., L., Vella, L., Mohr, D., C. (2008). Relationships among depressive symptoms, benefit-finding, optimism, and positive affect in multiple sclerosis patients after psychotherapy for depression. Health Psychol., 27, 230–238. DOI:10.1037/0278-6133.27.2.230
  • Kubzansky, L., D., Sparrow, D., Vokonas, P., Kawachi, I. (2001). Is the glass half empty or half full? A prospective study of optimism and coronary heart disease in the normative aging study. Psychosom. Med., 63, 910–916. DOI:10.1097/00006842-200111000-00009
  • Richman, L., S., Kubzansky, L., Maselko, J., Kawachi, I., Choo, P., Bauer, M. (2005). Positive emotion and health: going beyond the negative. Health Psychol., 24, 422–429. DOI:10.1037/0278-6133.24.4.422
  • Scheier, M., F., Carver, C., S. (1985). Optimism, coping, and health: assessment and implications of generalized outcome expectancies. Health Psychol., 4, 219–247. DOI:10.1037/0278-6133.4.3.219
  • Scheier, M., F., Matthews, K., A., Owens, J., F., Schulz, R., Bridges, M., W., Magovern, G., J. (1999). Optimism and rehospitalisation after coronary artery bypass graft surgery. Arch. Intern. Med., 159, 829–835. DOI:10.1001/archinte.159.8.829
  • Schiavon, C., C., Marchetti, E., Gurgel, L., G., Busnello, F., M., Reppold, C.T. (2017). Optimism and Hope in Chronic Disease: A Systematic Review. Front. Psychol., 7: 2022. DOI: 10.3389/fpsyg.2016.02022
  • Segerstrom, S., C. (2005). Optimism and immunity: do positive thoughts always lead to positive effects? Brain Behav. Immun., 19, 195–200. DOI:10.1016/j.bbi.2004.08.003
  • Seligman, M., E., Csikszentmihalyi, M. (2000). Positive psychology. An introduction. Am. Psychol., 55, 5–14. DOI:10.1037/0003-066X.55.1.5
  • Seligman, M., E. (2008). Positive health. Appl. Psychol., 57, 3–18. DOI:10.1111/j.1464-0597.2008.00351.x
  • Shepperd, J., A., Maroto, J., J., Pbert, L., A. (1996). Dispositional optimism as a predictor of health changes among cardiac patients. J. Res. Pers., 30, 517–534. DOI:10.1006/jrpe.1996.0038
  • Snyder, C., R., Irving, L., M., Anderson, J., R. (1991). Handbook of Social and Clinical Psychology: The Health Perspective. Pergamon General Psychology Series, 162. Richmond, VA: Pergamon.
  • Snyder, C., R., Sympson, S., C., Ybasco, F., C., Borders, T., F., Babuak, M., A., Higgins, R., L. (1996). Development and validations of the state of hope scale. J. Pers. Soc. Psychol., 70, 321–335. DOI:10.1037/0022-3514.70.2.321
  • Urcuyo, K., R., Boyers, A., E., Carver, C., S., Antoni, M., H. (2005). Finding benefit in breast cancer: relations with personality, coping, and concurrent well-being. Psychol. Health, 20, 175–192. DOI:10.1080/08870440512331 317634
  • Waynor, W., R., Gao, N., Dolce, J., N., Haytas, L., A., Reilly, A. (2012). The relationship between hope and symptoms. Psychiatr. Rehabil. J., 35, 345–348. DOI:10.2975/35.4.2012.345.348
State of Mind © 2011-2017 Riproduzione riservata.
Condividi
Messaggio pubblicitario SCUOLA DI PSICOTERAPIA
Messaggio pubblicitario centro psicoterapia

Argomenti

Iscriviti alla Newsletter

Consigliaci su Facebook

Messaggio pubblicitario

Seguici su Twitter

fluIDsex – Identità & Sessualità

fluIDsex sessualità fluida

Messaggio pubblicitario

Segui il canale Youtube

Messaggio pubblicitario

Chi sta visualizzando questa pagina

2 utenti