Inquinamento atmosferico e l’effetto sulla morfologia cerebrale dei bambini in età scolare

Uno studio ha dimostrato come l'esposizione all'inquinamento atmosferico durante la vita fetale è associata a un maggiore assottigliamento nei bambini della corteccia cerebrale in diverse regioni.

ID Articolo: 152924 - Pubblicato il: 16 marzo 2018
Inquinamento atmosferico e l’effetto sulla morfologia cerebrale dei bambini in età scolare
Messaggio pubblicitario SFU Magistrale
Condividi

Un nuovo studio condotto nei Paesi Bassi ha collegato l’esposizione all’inquinamento atmosferico residenziale durante la vita fetale con le differenze strutturali-morfologiche cerebrali dei bambini in età scolare; tali conformazioni morfologiche possono contribuire a compromettere le funzioni cognitive.

Lucia Marangia

 

Gli effetti dell’inquinamento atmosferico sullo sviluppo del cervello nei bambini

Messaggio pubblicitario Lo studio, pubblicato su Biological Psychiatry, riporta che i livelli di inquinamento atmosferico, correlati alle alterazioni del cervello, sono inferiori a quelli considerati sicuri.

I ricercatori hanno osservato gli effetti sullo sviluppo del cervello in relazione a livelli di particelle fini al di sotto dell’attuale limite UE. Questa scoperta si aggiunge agli studi precedenti che hanno collegato livelli comunque accettabili di inquinamento atmosferico con altre complicazioni, tra cui difficoltà nello sviluppo e nella crescita fetale.

L’esposizione a particelle fini durante la vita fetale era associata a un maggiore assottigliamento della corteccia cerebrale in diverse regioni. Per questo studio sono state arruolate donne incinte e dopo sono stati seguiti i bambini dalla vita fetale in poi. Il dottor Guxens e colleghi hanno valutato i livelli di inquinamento atmosferico a casa durante la vita fetale di 783 bambini. I dati sono stati raccolti da campagne di monitoraggio dell’inquinamento atmosferico e includevano livelli di biossido di azoto (un importante inquinante atmosferico causato dal traffico e dal fumo di sigaretta), particelle grossolane e particelle fini.

L’imaging cerebrale eseguito quando i bambini avevano tra 6 e 10 anni ha rivelato anomalie nello spessore della corteccia cerebrale del precuneo e della regione frontale media rostrale. Nonostante la relazione tra queste alterazioni della struttura cerebrale e l’esposizione a particelle fini, i livelli medi residenziali di particelle fini nello studio erano ben al di sotto dell’attuale limite accettabile fissato dall’UE . Solo lo 0,5% delle donne in gravidanza nello studio erano esposte a livelli considerati pericolosi. I livelli medi residenziali di biossido di azoto erano giusti al limite di sicurezza.

Messaggio pubblicitario John Krystal, direttore di Biological Psychiatry, ha dichiarato che: “L’inquinamento atmosferico è così evidentemente negativo per i polmoni, il cuore e altri organi che molti di noi non hanno mai considerato i suoi effetti sul cervello in via di sviluppo, ma forse dovremmo aver imparato dagli studi sul fumo materno, che inalare le tossine può avere effetti duraturi sullo sviluppo cognitivo.”

Il cervello fetale è particolarmente vulnerabile durante la gravidanza, non ha ancora sviluppato i meccanismi per proteggere o rimuovere le tossine ambientali. I risultati dello studio suggeriscono che l’esposizione a livelli anche inferiori a quelli considerati sicuri potrebbe causare deficit e danni nella funzionalità cerebrale.

VOTA L'ARTICOLO
(voti: 2, media: 5,00 su 5)

Consigliato dalla redazione

State of Mind - Il Giornale delle Scienze Psicoogiche - Flash News

Inquinamento atmosferico & rischio di autismo e schizofrenia

L' esposizione all'inquinamento potrebbe causare l'ingrandimento di un'area cerebrale che negli esseri umani è implicata nei casi di autismo e schizofrenia.

Bibliografia

State of Mind © 2011-2019 Riproduzione riservata.
Condividi
Messaggio pubblicitario

Messaggio pubblicitario

Argomenti

Scritto da

Sono citati nel testo

Riviste scientifiche

Categorie

Messaggio pubblicitario