Infertilità inspiegabile? Se la tiroide funziona poco può influenzare le capacità di concepire

Uno studio ha evidenziato la relazione esistente tra una tiroide lievemente poco attiva e l'infertilità, non spiegata da altre cause.

ID Articolo: 151379 - Pubblicato il: 29 gennaio 2018
Infertilità inspiegabile? Se la tiroide funziona poco può influenzare le capacità di concepire
Messaggio pubblicitario SFU 2020

Sul Journal of Clinical Endocrinology & Metabolism è stato pubblicato un nuovo studio che evidenzia la relazione tra una tiroide lievemente poco attiva (anche se la ghiandola funziona ai limiti bassi, ma all’interno di un range di normalità) e la possibile infertilità.

 

L’infertilità idiopatica

Messaggio pubblicitario ISFAR EFT Quando una coppia non riesce a concepire, senza che vi sia alcuna causa precisa, essa viene definita infertilità idiopatica o inspiegabile.

L’infertilità, sia essa spiegabile o idiopatica è motivo di forte stress e di sofferenze emotive e relazionali. L’impossibilità di una genitorialità biologica può influire sulla qualità della vita ed il benessere di una persona o della coppia: ad ogni ciclo mestruale o ad ogni nuova nascita si rivive una forte sofferenza capace di segnare la quotidianità.

La tiroide e gli ormoni TSH

Gli ormoni TSH sono gli ormoni della ghiandola pituitaria o ipofisi, ghiandola che, oltre ad altre funzioni, si occupa della stimolazione della tiroide. Alti livelli degli ormoni TSH sono un buon segnale di una ghiandola tiroide ipoattiva (anche a livello lieve, ovvero subclinico). Questo avviene perché la funzione inibitoria degli ormoni tiroidei sulla secrezione di TSH risulta indebolita.

Lo studio sulla connessione tra la tiroide e la difficoltà a concepire

Lo studio ha rilevato che le donne che presentano infertilità inspiegabile hanno quasi il doppio delle probabilità di avere livelli più elevati dell’ormone TSH, rispetto alle donne che non presentano infertilità inspiegabile.

I ricercatori hanno analizzato i dati di pazienti di genere femminile di età compresa tra i 18 ed i 39 anni, diagnosticate con infertilità inspiegabile presso gli ospedali del sistema sanitario Health Partners di Boston. I fattori di inclusione sono stati i cicli mestruali regolari.

I ricercatori hanno esaminato e confrontato i livelli di TSH di queste 187 pazienti con quelli di 52 pazienti i cui partner riportavano una grave infertilità da fattore maschile.

I risultati mostrano come le donne con infertilità inspiegabile avevano livelli di TSH nel sangue significativamente più alti rispetto ai livelli delle donne con infertilità dovuta a causa nota. In particolare, il valore dell’ormone, nel doppio delle donne con infertilità inspiegabile rispetto alle altre, presentava un livello superiore a 2,5 mlU/L.

Futuri sviluppi

Messaggio pubblicitario Il ricercatore Fazeli P.K. riassume i risultati nel seguente modo “Dal momento che ora sappiamo dal nostro studio che esiste un’associazione tra i livelli di TSH all’estremità superiore del range normale e infertilità inspiegabile, è possibile che un livello di TSH alto-normale possa avere un impatto negativo sulle donne che stanno cercando di rimanere incinte“. In base a quanto emerso, possibili futuri trattamenti per l’infertilità inspiegabile potranno considerare l’abbassamento dei livelli di TSH. La ricerca dovrà prima valutare quanto questo abbassamento sarà utile nel favorire il concepimento.

Consigliato dalla redazione

Infertilità: l'importanza di fornire interventi di sostegno psicologico alle coppie

Interventi psicologici per le coppie con problematiche di infertilità

Per le coppie che affrontano le difficoltà dell' infertilità è opportuno che siano messi a disposizione degli interventi di sostegno psicologico.

Bibliografia

State of Mind © 2011-2022 Riproduzione riservata.

Messaggio pubblicitario

Argomenti

Scritto da

Sono citati nel testo

Categorie

Messaggio pubblicitario