Le competenze dei bambini bilingue nel riconoscimento delle voci

Secondo un recente studio, i bambini bilingue, rispetto ai coetanei monolingue, discriminerebbero meglio i suoni e identificherebbero meglio le voci.

ID Articolo: 147047 - Pubblicato il: 04 luglio 2017
Le competenze dei bambini bilingue nel riconoscimento delle voci
Messaggio pubblicitario SFU Magistrale
Condividi

Secondo un nuovo studio i bambini bilingue avrebbero delle capacità in più rispetto ai loro coetanei monolingue.

 

I risultati, pubblicati sulla rivista Bilingualism: Language e Cognition, suggeriscono che la capacità di saper parlare più di una lingua va ben oltre i vantaggi cognitivi.

Messaggio pubblicitario Secondo la Dottoressa Susannah Levi, i bambini bilingue hanno un vantaggio sui coetanei monolingue quando si tratta di elaborare informazioni sulla voce durante un colloquio. Questo vantaggio si verifica nell’aspetto della percezione del linguaggio: non vengono elaborate solo informazioni linguistiche, ma anche informazioni su chi sta parlando e su come lo sta facendo

Nel suo studio la Dottoressa Levi ha esaminato come i bambini elaborano informazioni mentre una persona parla. Quarantuno bambini hanno partecipato allo studio: 22 bambini monolingue e 19 bambini bilingue. I bambini bilingue parlavano inglese e sono stati quotidianamente esposti ad una seconda lingua (di solito il tedesco). Inoltre, essi sono stati divisi per età in due gruppi: un gruppo di bambini fino ai 9 anni, e un gruppo di bambini dai 10 anni in poi.

Bambini bilingue: la capacità di ascolto e riconoscimento vocale

I bambini hanno compiuto una serie di compiti di ascolto. In un primo compito i bambini, monolingue, dovevano ascoltare una serie di parole in una lingua che conoscevano (inglese, parlato con un accento tedesco) e in un linguaggio sconosciuto (tedesco). Ai bambini fu poi chiesto se le parole che avevano ascoltato provenissero, basandosi su sintomi vocali, dalla stessa persona o da persone diverse.

Messaggio pubblicitario In un secondo compito, ai bambini fu chiesto di identificare le voci interpretate da personaggi dei cartoni animati. Dopo aver ascoltato i personaggi dire una serie di parole, i bambini hanno successivamente ascoltato una sola parola e hanno in seguito indicato quale dei personaggi avesse parlato. Questi compiti hanno rivelato che i bambini più grandi hanno eseguito i compiti meglio dei bambini più giovani, confermando gli studi precedenti i quali affermano che si migliora con l’età.

La Dottoressa Levi ha anche scoperto che i bambini bilingue eseguono questo tipo di compiti meglio dei bambini monolingue. Quando ascoltavano persone parlare in inglese, i bambini bilingue sapevano discriminare meglio e identificare meglio le voci. Lo studio, continua la Dottoressa, evidenzia i vantaggi del bilinguismo nell’apprendimento e nello sviluppo cognitivo. Altri studi in letteratura dimostrano che i bambini bilingue possono apprendere più conoscenze ascoltando i discorsi, presentano un miglior controllo cognitivo e un maggior grado di concentrazione.

Lo studio fornisce un esempio di quelli che sono i vantaggi del parlare e comprendere più lingue contemporaneamente anche se serviranno ulteriori ricerche per comprenderne i meccanismi sottostanti.

VOTA L'ARTICOLO
(voti: 2, media: 4,50 su 5)

Consigliato dalla redazione

Il ruolo della memoria di lavoro nell' apprendimento di una seconda lingua

Il ruolo della memoria di lavoro nell'apprendimento di una seconda lingua

L' apprendimento di una seconda lingua e il suo uso sembrerebbero facilitati da una vasta gamma di processi cognitivi, tra i quali la memoria di lavoro.

Bibliografia

State of Mind © 2011-2019 Riproduzione riservata.
Condividi
Messaggio pubblicitario

Messaggio pubblicitario

Argomenti

Sono citati nel testo

Categorie

Messaggio pubblicitario