EFT-NOVEMBRE-2022

L’effetto paradossale dei complimenti sui Bambini con bassa Autostima

Complimenti estremi ed esagerati possono creare un eccesso di tensione e di pressione proprio in coloro che hanno scarsa autostima.

ID Articolo: 38757 - Pubblicato il: 28 gennaio 2014
Messaggio pubblicitario SFU 2022

 

 

– FLASH NEWS-

Rassegna Stampa - State of Mind - Il Giornale delle Scienze Psicologiche

Complimenti estremi ed esagerati possono creare un eccesso di tensione e di pressione – in termini alte aspettative da soddisfare- proprio in coloro che hanno scarsa autostima.

Come e quanto lodare i propri figli, tema  rilevante e delicato su cui pone l’attenzione una nuova ricerca che a  breve verrà pubblicata su Psychological Science. Punto primo sembra che i genitori e altri adulti significativi ricoprano di lodi proprio quei bimbi che sono più sensibili alle lodi e ai complimenti, e cioè a coloro che hanno una bassa autostima.

Mentre i bambini con elevati livelli di autostima sembrano beneficiare di queste lodi in un’ottica di aumento di self-confidence, i piccoli con bassa autostima nel momento in cui si ritrovano investiti di lodi battono in ritirata come se volessero sfuggire da nuove sfide e alte aspettative implicitamente veicolate dai complimenti dell’adulto. Proprio come se, per un effetto paradosso, l’esagerazione delle lodi andasse a colpire criticamente chi –secondo l’agire comune – ne avrebbe più bisogno. 

Ma cosa si intende esattamente per “una mole di lodi e complimenti esagerata”? Non immaginatevi grandi sviolinate, basta poco nelle interazioni quotidiane tra adulto e bambino per rendere un complimento eccessivo. Spesso basta una sola parola, ad esempio un avverbio come “incredibilmente” oppure il fantomatico aggettivo “perfetto”.

Messaggio pubblicitario MASTER DSA Dunque gli studiosi hanno anzitutto identificato un dato di frequenza: gli adulti esprimevano il doppio di lodi e complimenti esagerati ai bimbi con bassi livelli di autostima rispetto ai bimbi con elevati livelli di autostima.

In un altro studio – parte della stessa ricerca- circa un centinaio di famiglie sono state reclutate e videoregistrate nelle loro case, durante una sessione sperimentale in cui ai genitori è stato chiesto di presenziare durante alcuni esercizi di matematica effettuati dai loro figli, e in seguito di fornire un feedback rispetto all’esecuzione dell’esercizio.

I risultati hanno dimostrato che circa il 25% delle lodi erano di fatto classificabili nella categoria di eccessive, nuovamente i genitori erano portati a rivolgere tali lodi eccessivi in misura maggiore nei confronti dei bambini con bassi livelli di autostima.

Una possibile credenza naif dei genitori– magari neppure tanto consapevole- che supporta tale fenomeno è che “i bambini che credono meno in sé stessi necessitano di extra complimenti per sentirsi meglio”.

Il punto è che tali dosi extra di lodi e complimenti possono essere addirittura controproducenti. In un altro esperimento ai bambini veniva richiesto di creare una copia di un famoso dipinto, a seguito del quale gli sperimentatori consegnavano dei feedback sotto forma di un complimento esagerato oppure un feedback positivo adeguato. Dopo questi step ai bambini veniva nuovamente richiesto di applicarsi nella copia di un dipinto lasciando però loro liberi di scegliere tra un range di figure esplicitamente definite come più semplici o più difficili.

Dai dati è emerso che i bambini con bassa autostima erano più facilmente portati a scegliere di eseguire le figure definite come più semplici se avevano ricevuto una lode eccessiva, al contrario dei soggetti con elevata autostima che  – aseguito della lode esagerata – decidevano di riprodurre proprio i disegni più difficili. 

In conclusione complimenti estremi ed esagerati possono creare un eccesso di tensione e di pressione – in termini alte aspettative da soddisfare- proprio in coloro che hanno scarsa autostima. 

LEGGI:

BAMBINIGRAVIDANZA & GENITORIALITA’

 

 

BIBLIOGRAFIA:

 

State of Mind © 2011-2022 Riproduzione riservata.

Messaggio pubblicitario

Riviste scientifiche

Categorie

Messaggio pubblicitario