expand_lessAPRI WIDGET

The Baby illusion – come i genitori sottovalutano l’altezza dei figli – Psicologia & Genitorialità

Baby illusion: Secondo una recente ricerca australiana molti genitori pensano che i loro bambini siano più piccoli di quello che realmente sono. Psicologia

Di Serena Mancioppi

Pubblicato il 24 Gen. 2014

 

 

– FLASH NEWS-

Rassegna Stampa - State of Mind - Il Giornale delle Scienze Psicologiche

Secondo una recente ricerca australiana molti genitori pensano che i loro bambini siano più piccoli di quello che realmente sono.

Quando i ricercatori della Swinburne University of Technology di Melbourne hanno chiesto alle madri di indicare su un muro l’altezza del loro figlio più piccolo queste hanno indicato sempre un altezza inferiore a quella effettiva del bambino, e non di poco.

In media, infatti, lo scarto tra l’altezza reale e quella percepita era di 3 centimetri, e per bambini tra i due e i 6 anni questa è una grande differenza: per un bambino di 4 anni, ad esempio, 3 centimetri di altezza in meno significano che la mamma lo vede come uno di 3.

Le madri però non avevano alcun problema ad indovinare l’altezza dei loro figli più grandi. Questa “baby illusion”  infatti scompare nel momento in cui un nuovo nato arriva in famiglia. 

I ricercatori hanno fatto questa scoperta dopo avere condotto un sondaggio online su 747 madri che avevano appena avuto un bambino, il 70% di loro ha riferito di percepire il figlio più piccolo come improvvisamente più grande all’arrivo in famiglia di un nuovo nato. I ricercatori hanno deciso di capire meglio questo fenomeno e hanno reclutato 77 madri con almeno un figlio di età compresa tra i 2 e 7 per fare il test dell’altezza percepita sul muro.

Più grande era il figlio minore più era probabile che la madre sottovalutasse la sua altezza e complessivamente i figli minori ricevevano sempre stime inferiori alle loro altezze reali, addirittura molte di loro hanno dato stime inferiori di 10 centimetri.

La “baby illusion” motiva  le cure parentali, dicono i ricercatori: esagerando la piccolezza del figlio minore i genitori sono spinti a dedicare particolari attenzioni al piccolo di casa, indipendentemente dalla sua età reale, un po’ come se le mamme tenessero una mano sulla testa dei loro figli più piccoli a dire…“smetti di crescere!”

ARGOMENTI CORRELATI:

GRAVIDANZA & GENITORIALITA’BAMBINI

 

 

BIBLIOGRAFIA:

 

Si parla di:
Categorie
SCRITTO DA
Serena Mancioppi
Serena Mancioppi

Psicologa Psicoterapeuta Sistemico Relazionale e Cognitivo-Evoluzionista

Tutti gli articoli
cancel