expand_lessAPRI WIDGET

Gli Effetti Psicologici della “Politica del Figlio Unico” ( OCP ) in Cina

Piccoli imperatori crescono: gli effetti collaterali psicologici della politica del figlio unico in Cina ( OCP )

Di Linda Confalonieri

Pubblicato il 15 Gen. 2013

FLASH NEWS

Rassegna Stampa - State of Mind - Il Giornale delle Scienze Psicologiche

Piccoli imperatori crescono: gli effetti collaterali psicologici della politica del figlio unico in Cina

Non solo effetti demografici ma anche psicologici per la controversa One Child Policy (OCP) – in italiano politica del figlio unico- cinese che dal 1979 mira a regolamentare le nascite in Cina.

LEGGI ANCHE ARTICOLI SU: FAMIGLIA

In una ricerca pubblicata il 10 Gennaio su Science sono state analizzate coorti di bambini nati immediatamente prima e immediatamente dopo l’introduzione della OCP, valutando alcune variabili psicologiche quali per esempio la fiducia verso gli altri e il risk-taking.

Dietro alle Teorie del Complotto, Cosa si Nasconde?. - Immagine: Costanza Prinetti - 2012
Articolo Consigliato: Dietro alle Teorie del Complotto, Cosa si Nasconde?

Ritroviamo quindi nella ricerca due gruppi: il gruppo pre-OCP composto da soggetti che sono cresciuti con fratelli prima dell’introduzione della OCP, e il gruppo post-OCP costituito da individui cresciuti figli unici ma che avrebbero plausibilmente avuto fratelli se non fosse stato per la policy imposta. I ricercatori hanno coinvolto nello studio più di 400 soggetti sottoponendoli a compiti sperimentali nella forma di giochi a carattere economico.

Dalle analisi riportate risulta che gli individui cresciuti come figli unici a seguito della OCP erano significativamente meno fiduciosi, meno affidabili, meno pronti ad assumersi rischi, meno competitivi, più pessimisti e meno coscienziosi rispetto a coloro che, nati precedentemente all’introduzione della OCP, erano cresciuti al fianco di fratelli o sorelle. 

LEGGI ANCHE ARTICOLI SU: SOCIETA’ &  ANTROPOLOGIA

Sono in gioco qui i fondamentali della relazione con l’altro. Sembrerebbe che tali effetti si mantengano anche in individui figli unici che durante l’infanzia abbiano avuto contatti significativi con i pari (siano essi amici o cugini o parenti).

A ragion veduta gli autori contemplano altri presumibili fattori come con-cause di tali differenze, tra cui l’età dei partecipanti allo studio (inevitabilmente diversa nei due gruppi) e l’incremento del capitalismo nel corso degli anni, anche se chiaramente la variabile maggiormente esplicativa di tali differenze psicologico-comportamentali sembra proprio l’essere nati prima o dopo l’introduzione della politica cinese del figlio unico.

Ci preme però ricordare ai lettori di non cedere alla facile generalizzare questi risultati agli altri figli unici del pianeta, ove non sia stata applicata una politica di controllo delle nascite e ove le differenze cross-culturali sono innegabili.

LEGGI ANCHE ARTICOLI SU: FAMIGLIA – SOCIETA’ &  ANTROPOLOGIA

 

 

BIBLIOGRAFIA:

Si parla di:
Categorie
SCRITTO DA
Linda Confalonieri
Linda Confalonieri

Redattrice di State of Mind

Tutti gli articoli
cancel