Ottimismo & Felicità: Fattori Protettivi per Malattie Cardiovascolari

Lo studio mostra che il benessere psicologico ed emotivo può ridurre il rischio di attacchi cardiaci, ictus e altre malattie cardiovascolari

ID Articolo: 8373 - Pubblicato il: 20 aprile 2012
Messaggio pubblicitario SFU Magistrale
Condividi

– Rassegna Stampa –

Rassegna Stampa - State of Mind - Il Giornale delle Scienze PsicologicheSecondo l’American Heart Association negli Stati Uniti muore a causa di malattie cardiovascolari una persona ogni 39 secondi.

Un gruppo di ricercatori di Harvard sostiene che emozioni e stati mentali positivi, come l’ottimismo e la felicità, siano importanti fattori protettivi per la salute del cuore: secondo i risultati dello studio in questione, frutto della prima e più ampia rassegna sistematica del suo genere, sembra infatti che il benessere psicologico ed emotivo possa ridurre il rischio di attacchi cardiaci, ictus e altri eventi cardiovascolari e in generale rallentare la progressione delle malattie cardiovascolari. Per esempio, gli individui più ottimisti hanno il 50% di rischio in meno di vivere un evento iniziale cardiovascolare rispetto ai loro coetanei meno ottimisti.

Mentre numerosi studi si sono concentrati sugli effetti negativi di rabbia, ansia, ostilità e depressione sulla salute del cuore, sappiamo ben poco della relazione tra stati positivi e malattie cardiovascolari. Le autrici principali dello studio, Julia Boehm e Laura Kubzansky, sottolineano che l’assenza di stati negativi non è uguale alla presenza di stati positivi, infatti fattori come l’ottimismo, la soddisfazione di vita, e la felicità sembrano essere associati a un più basso rischio di malattia cardiovascolare indipendentemente da variabili quali l’età, lo stato socio-economico, il peso corporeo e dai tradizionali fattori di rischio e malessere, come il fare uso di tabacco o alcol.

Inoltre il senso di benessere rende le persone più propense a seguire una dieta equilibrata, a dormire a sufficienza ed è legato a una più bassa pressione sanguigna, meno grassi nel sangue e ad un peso corporeo normale.

Questi risultati hanno implicazioni importanti rispetto a come si può intervenire nella prevenzione delle malattie cardiovascolari e nella cura dei pazienti cardiopatici, infatti non basta limitarsi a ridurre il malessere psicologico che accompagna queste malattie, ma è anche importante lavorare sulle risorse individuali per promuovere e rafforzare stati di benessere psicologico ed emotivo.

 

 

BIBLIOGRAFIA:

VOTA L'ARTICOLO
(voti: 1, media: 5,00 su 5)
State of Mind © 2011-2019 Riproduzione riservata.
Condividi
Messaggio pubblicitario

Si parla di

Messaggio pubblicitario

Scritto da

Sono citati nel testo

Riviste scientifiche

Categorie

Messaggio pubblicitario