L’importanza del pointing per i bambini in età prescolare.

Il pointing, l'indicare con il dito qualcosa per condividere l'attenzione, è un gesto particolarmente importante per i bambini in età scolare

ID Articolo: 6586 - Pubblicato il: 06 marzo 2012
Condividi

– Rassegna Stampa – 

Rassegna Stampa - State of Mind - Il Giornale delle Scienze PsicologicheAlcuni gesti sono utilizzati per comunicare su un piano cooperativo e rivestono un significato particolarmente importante nei contesti di insegnamento e apprendimento in cui i bambini si aspettano che gli adulti siano ben informati e pronti a condividere ciò che sanno con loro. Il pointing, cioè l’indicare con il dito qualcosa invitando l’interlocutore a condividere l’attenzione, sembra essere un gesto particolarmente significativo per i bambini in età scolare.

Carolyn Palmquist e Vikram K. Jaswal della University of Virginia hanno scoperto che è possibile indurre in errore bambini in età prescolare semplicemente usando il gesto di indicare: l’esperimento effettuato consisteva nel mostrare ai bambini un filmato con due donne, tre tazze e una pallina; una delle due donne nascondeva la pallina dentro una tazza mentre l’altra si copriva il viso per non vedere; i bambini invece potevano vedere che la donna nascondeva la pallina, ma non in quale tazza. Seguivano tre diversi epiloghi: le due donne rimangono sedute con le mani in grembo, oppure entrambe prendono una tazza in mano o entrambe indicano una tazza. Ai bambini veniva quindi chiesto quale donna sapesse dove si trovava la pallina. Quando le due donne prendono una tazza o stanno con le mani in grembo i bambini hanno hanno dato la risposta corretta tre volte su quattro, mentre quando le due donne fanno il gesto di indicare i bambini rispondono correttamente la metà delle volte, indicando statisticamente che viene effettuata una scelta casuale.

Questi risultati indicano che il gesto di indicare è per i bambini così significativo da indurli a considerare l’informazione così ottenuta più importante di quella già in loro possesso, anche quando questa li induce in errore.

 

 

BIBLIOGRAFIA: 

VOTA L'ARTICOLO
(voti: 2, media: 3,50 su 5)
State of Mind © 2011-2020 Riproduzione riservata.
Condividi
Messaggio pubblicitario

Messaggio pubblicitario

Scritto da

Categorie

Messaggio pubblicitario