Messaggio pubblicitario

Depressione Reattiva

La depressione reattiva consegue ad un evento psicosociale scatenante. In alcune persone, l'evento scatena una reazione depressiva che può persistere più a lungo di quanto ci si aspetterebbe, e può iniziare a interferire con la capacità di una persona di funzionare nel proprio lavoro o nelle proprie relazioni personali

Depressione Reattiva - per approfondire l'argomento:
Condividi

La depressione reattiva consegue ad un evento psicosociale scatenante, come può essere un lutto, una separazione o un fallimento.

Depressione Reattiva: caratteristiche e inquadramento diagnostico

Messaggio pubblicitario In alcune persone, tali eventi scatenano una reazione depressiva che può persistere molto più a lungo di quanto ci si aspetterebbe, e può iniziare a interferire con la capacità di una persona di funzionare nel proprio lavoro o nelle proprie relazioni personali.

Come la depressione maggiore, anche la depressione reattiva è caratterizzata da sentimenti di disperazione, inutilità e tristezza. Ulteriori sintomi possono includere ansia, fluttuazioni del peso e disturbi alimentari, irritabilità, problemi di memoria e difficoltà di concentrazione. In casi estremi, essa può essere accompagnata da sintomi somatici come dolore diffuso, mal di testa e problemi digestivi. Conseguenze più gravi riguardano l’abuso di droghe e alcol e pensieri o comportamenti suicidari (Taylor, 2012)

Come è inquadrata la depressione reattiva nel DSM? Il DSM IV-Tr nella definizione di Depressione Maggiore indicava:

Dopo la perdita di una persona amata, anche se i sintomi depressivi sono sufficienti per durata e per numero a soddisfare i criteri per l’Episodio Depressivo Maggiore, essi dovrebbero essere attribuiti al Lutto (DSM IV-Tr, 2000).

La diagnosi di Depressione Maggiore in concomitanza al lutto veniva contemplata solo in presenza di specifici sintomi aggiuntivi elencati nel criterio E:

  • una durata equivalente o maggiore a due mesi
  • una compromissione marcata del funzionamento
  • ideazione suicidaria, sintomi psicotici o rallentamento psicomotorio (DSM IV-TR, 2000).

Messaggio pubblicitario NETWORK CLINICA Il razionale di queste indicazioni è quello di differenziare una reazione considerata normale – il lutto – da una condizione psicopatologica – la Depressione Maggiore.

Il DSM 5 ha eliminato questa discriminazione, non senza numerose critiche, e al suo interno non c’è traccia del criterio E, sostituito da una nota che suggerisce al clinico di valutare con attenzione se in caso di eventi legati alla perdita (come lutto, gravi problemi economici, disastri naturali, grave malattia o disabilità) il soggetto presenta i sintomi di un Episodio Depressivo Maggiore in aggiunta alla reazione naturale – senza specificare cosa si intenda per ‘naturale’. Il paragrafo introduttivo sui disturbi depressivi ricorda inoltre che la compresenza di lutto e sintomi depressivi si associa a prognosi peggiore (DSM 5, 2013).

Depressione Reattiva - per approfondire l'argomento:

Depressione: i sintomi, le cause e i trattamenti possibili

Depressione: i sintomi, le cause e i trattamenti possibili
La depressione è uno dei disturbi psichici più comuni e invalidanti, derivante spesso a seguito di una sensazione di perdita o di una perdita effettiva

Depressione Maggiore ed Episodi depressivi

Depressione Maggiore ed Episodi depressivi
Il Disturbo Depressivo Maggiore si caratterizza per la presenza di uno o più Episodi Depressivi Maggiori. L'Episodio Depressivo Maggiore è un periodo di almeno due settimane durante il quale è presente: umore depresso per la maggior parte del giorno e perdita di interesse o di piacere per quasi tutte le attività

Nel tunnel della depressione: uno sguardo alle prinicipali spiegazioni biologiche e psicologiche dell’insorgenza del disturbo
Psichiatria Psicologia

Nel tunnel della depressione: uno sguardo alle principali spiegazioni biologiche e psicologiche dell’insorgenza del disturbo
Le ricerche mostrano la presenza di due fattori di rischio principali come cause della depressione: il fattore biologico e il fattore psicologico

Depressione e il rischio di suicidio

Depressione e il rischio di suicidio
Il termine suicidalità comprende ideazione suicidaria e comportamenti associati al suicidio. Questi includono: suicidio, tentativi di suicidio e autolesione

Depressione: ritornare a stare bene grazie alla psicoterapia
Psicoterapia

Psicoterapia della depressione: dai primi approcci psicoterapici agli attuali interventi
Dagli approcci di Campbell e Kraines alla MCT, diversi sono stati gli sviluppi della psicoterapia della depressione nel corso degli anni..
Messaggio pubblicitario DEFAULT SU NETWORK FORMAZIONE
Messaggio pubblicitario NETWORK CLINICA 2 - footer right

Messaggio pubblicitario