Messaggio pubblicitario

Caratteristiche di personalità e disturbi alimentari: uno studio clinico con il Millon Clinical Multiaxial Inventory – Report dal Forum di Psicoterapia e Ricerca di Riccione

Una ricerca condotta da Studi Cognitivi e presentata a Riccione ha indagato le caratteristiche di personalità predittive dei disturbi alimentari.

ID Articolo: 145629 - Pubblicato il: 08 maggio 2017
Caratteristiche di personalità e disturbi alimentari: uno studio clinico con il Millon Clinical Multiaxial Inventory – Report dal Forum di Psicoterapia e Ricerca di Riccione
Messaggio pubblicitario SFU MAGISTRALE 09-2017 2
Condividi

La seconda presentazione proposta il 5 maggio presso il Forum di Psicoterapia e Ricerca di Riccione riguardava il progetto di ricerca intitolato “Caratteristiche di personalità e disturbi alimentari: uno studio clinico con il Millon Clinical Multiaxial Inventory”, condotto dai Dott. Lambertucci, Cotugno, Marsero, Milioni, Ponzio, Zizak e Sapuppo. I discussant sono stati i Prof. Angelo Compare e Laura Parolin e il chair il Dott. Carmelo La Mela.

 

Tale ricerca è stata ideata, dopo aver consultato la letteratura che ha fatto emergere come alcune caratteristiche di personalità siano maggiormente associate allo sviluppo di disturbi alimentari anche se non risulta ancora chiaro in maniera assoluta quali siano tali tratti di personalità.

L’obiettivo dello studio era, dunque, quello di verificare se i risultati emersi in precedenti ricerche fossero confermati anche su un ampio campione e lo strumento utilizzato è stato il Millon Clinical Multiaxial Inventory per la definizione dei profili di personalità.

Messaggio pubblicitario Il campione era composto da 238 pazienti con diagnosi di anoressia nervosa o bulimia nervosa o Binge Eating disorder e l’età dei soggetti era compresa tra i 18 e i 60 anni.

Oltre al Millon, è stato utilizzata anche la SCL-90 per la misurazione dei sintomi psicopatologici.

L’analisi dei dati ha previsto delle analisi descrittive e di regressione sul valore predittivo dei risultati. Le variabili indipendenti erano gli stili di personalità e la variabile dipendente i disturbi alimentari (anoressia, bulimia, BED). I risultati hanno evidenziato, in particolare come vi siano 2 stili di personalità maggiormente associati allo sviluppo di disturbi alimentari: il primo stile di personalità comprende la presenza di tratti antisociali-compulsivi, del disturbo delirante e l’uso di sostanze; mentre il secondo stile di personalità è caratterizzato da elevate oscillazioni dell’umore (in particolare risultano frequenti tratti depressivi, anedonia, insonnia, sintomi bipolari, ecc).

Messaggio pubblicitario centro psicoterapia Tali tratti personologici sarebbero, dunque, maggiormente predittivi di un disturbo alimentare.

I limiti della ricerca riguardano l’utilizzo di questionari self report e la necessità di condurre più studi su più campioni per confermare tali risultati.

Tuttavia, lo studio resta molto interessante e conferma l’importanza di considerare i tratti di personalità quando si effettua la diagnosi di disturbo alimentare, in modo tale da includerli nel trattamento.

La presentazione è risultata davvero magistrale e di notevole interesse.

 

Palermo - Personalita e disturbi alimentari

VOTA L'ARTICOLO
(voti: 6, media: 3,67 su 5)

Articolo consigliato dall'autore

La personalità nei pazienti con BED o disturbi alimentari NAS

Disturbi dell’alimentazione e personalità: la personalità nei disturbi alimentari NAS, nel BED e nell’obesità

Recenti studi hanno dimostrato che i pazienti con BED  e disturbi alimentari NAS presentano spesso tratti di personalità borderline. 
State of Mind © 2011-2017 Riproduzione riservata.
Condividi
Messaggio pubblicitario SCUOLA DI PSICOTERAPIA
Messaggio pubblicitario centro psicoterapia

Messaggio pubblicitario

Argomenti

Scritto da

Università e centri di ricerca

Categorie