Messaggio pubblicitario

I social media e il loro utilizzo notturno: gli effetti negativi

Una ricerca ha dimostrato che i ragazzi che utilizzano di notte i social media sono più stanchi il giorno dopo e questo ha degli effetti anche sul benessere

ID Articolo: 142911 - Pubblicato il: 29 gennaio 2017
I social media e il loro utilizzo notturno: gli effetti negativi
Messaggio pubblicitario Università di Psicologia Milano - SFU 01-2017
Condividi

Secondo una nuova ricerca, un ragazzo su cinque si sveglia nel mezzo della notte per inviare o controllare un messaggio proveniente da qualche social media. Questa iper-attività notturna porta questi ragazzi ad esser sempre più stanchi e poco reattivi nelle attività scolastiche rispetto ai loro coetanei che la notte preferiscono dormire senza interrompere il loro riposo, e potrebbe compromettere la loro felicità e il loro benessere.

Mariagrazia Zaccaria

 

 

L’utilizzo notturno dei social media e gli effetti che ne derivano

Sono stati reclutati oltre 900 alunni, di età compresa tra i 12 e i 15 anni ed è stato chiesto loro di compilare un questionario su quanto spesso si svegliano nel cuore della notte per usare i social media. E’ stato chiesto loro anche quanto sono felici dei vari aspetti della loro vita, compresa la vita scolastica, le amicizie e quanto sono soddisfatti del loro aspetto fisico.

1 ragazzo su 5 ha affermato che “quasi sempre” si sveglia di notte per verificare se ha ricevuto un messaggio da una ragazza. Tutti quei ragazzi che hanno ammesso di svegliarsi nella notte, o comunque in un momento che non corrisponde all’ora della sveglia mattutina per utilizzare i social media, hanno constatato che erano costantemente stanchi a scuola rispetto ai loro coetanei che hanno affermato di avere un sonno continuo senza risvegli.
Inoltre, quegli stessi studenti che hanno ammesso di essere sempre stanchi a scuola sono, in media, meno felici rispetto ai loro coetanei.

Messaggio pubblicitario Master - Positive Press Questa ricerca mostra che un significativo numero di ragazzi affermano che molto spesso si recano a scuola con una sensazione di stanchezza, e questi sono gli stessi giovani che hanno livelli più bassi di benessere.

Circa un terzo dei ragazzi intervistati si svegliano almeno una volta a settimana nel cuore della notte per controllare eventuali messaggi. L’utilizzo, sempre più massiccio, dei social media invade sempre più quello che per decenni è stato definito il “santuario” della camera da letto.

I risultati di questo studio supportano le crescenti preoccupazioni circa l’utilizzo notturno dei social media. Tuttavia, a causa della complessa gamma di possibili cause e spiegazioni per il quale i ragazzi hanno questa sensazione di stanchezza a scuola, saranno necessari ulteriori studi prima di giungere a conclusioni definitive.

VOTA L'ARTICOLO
(voti: 1, media: 4,00 su 5)

Articolo consigliato dall'autore

Lo sviluppo dei social network: fenomeno di socializzazione o alienazione? - Immagine: 94220856

Lo sviluppo dei social network: fenomeno di socializzazione o alienazione?

L’avvento dei Social Network crea effetti concreti sul modo di pensare degli utenti, che modificano così le loro pratiche di interazione sociale usuali. %%page%%

Bibliografia

State of Mind © 2011-2017 Riproduzione riservata.
Condividi
Messaggio pubblicitario SCUOLA DI PSICOTERAPIA
Messaggio pubblicitario centro psicoterapia

Argomenti

Scritto da

Iscriviti alla Newsletter

Consigliaci su Facebook

Messaggio pubblicitario

Hai una domanda?

Chiedi agli Psicologi

Seguici su Twitter

fluIDsex – Identità & Sessualità

fluIDsex sessualità fluida

Messaggio pubblicitario

Segui il canale Youtube

Messaggio pubblicitario

Chi sta visualizzando questa pagina

1 utente