inTherapy

Le credenze sulla nicotina influiscono sul livello di soddisfazione dei fumatori

Il livello di soddisfazione dei fumatori mentre fumano una sigaretta sembra essere legato alla convinzione che sia presente nicotina nella sigaretta

ID Articolo: 140500 - Pubblicato il: 21 ottobre 2016
Le credenze sulla nicotina influiscono sul livello di soddisfazione dei fumatori
Messaggio pubblicitario SFU 2020
Condividi

Un nuovo studio condotto presso il Center for Brain Health dell’Università del Texas (Dallas), mostra come il modo in cui il cervello risponde all’assunzione di nicotina, dipenda almeno in parte dalle credenze che il fumatore ha a proposito della sigaretta stessa.

I risultati dell’indagine sono stati pubblicati sulla rivista Frontiers in Psychiatry e hanno rivelato che fumare una normale sigaretta, credendo che non sia presente nicotina, viene percepito come meno soddisfacente rispetto al fumare una sigaretta credendo che sia presente. Dunque per soddisfare il loro desiderio di nicotina, i fumatori hanno non solo bisogno di fumarla, ma di credere di assumerla fumando.

Questi risultati suggeriscono che i farmaci contro la dipendenza da nicotina per avere effetto sulla persona, devono anche soddisfare l’idea che la sostanza sia presente
dice il Dottor Xiaosi Gu, professore presso la scuola di Behavioral and Brain Sciences e principale autore dello studio.

Lo studio

Nello specifico, i ricercatori hanno utilizzato la risonanza magnetica funzionale (fMRI), per monitorare l’attività neurale nella corteccia dell’insula, una regione del cervello coinvolta nei comportamenti di dipendenza e di craving. Questa regione riveste anche un ruolo importante per altre funzioni, come la percezione corporea e la consapevolezza di sé.

Messaggio pubblicitario Lo studio condotto in doppio cieco, ha visto la partecipazione di 24 fumatori dipendenti dalla nicotina. Nel corso di quattro visite, ai pazienti è stata fatta fumare per due volte una sigaretta normale contenente nicotina, e due volte si è dato loro del placebo. Ai partecipanti venivano fornite informazioni talvolta vere, talvolta false a proposito di ciò che stavano fumando (presenza di nicotina o meno).

Abbiamo così esaminato l’impatto delle credenze. Sulla sensazione di soddisfazione esperita, e anche analizzando i dati provenienti dal neuroimaging
sottolinea Gu.

Sottoposti a scansione mediante fMRI, in ogni visita i partecipanti fumavano una sigaretta, nelle seguenti quattro condizioni sperimentali: il partecipante ritiene che la sigaretta contenga nicotina, ma riceve placebo; il partecipante ritiene che la sigaretta non contiene nicotina, mentre essa ne contiene; il partecipante ritiene che contenga nicotina e la sigaretta ne contiene oppure il partecipante ritiene che la sigaretta non contenga nicotina e riceve del placebo.

I risultati

Messaggio pubblicitario Dai risultati provenienti dalla fMRI, si è potuto notare come il fumare una sigaretta, credendo che fosse senza nicotina, produca a livello neurale un’attivazione minore delle aree coinvolte nelle sensazioni di soddisfazione e appagamento.

Questo nuovo studio risulta essere molto importante nella strutturazione di nuovi programmi di trattamento per le tossicodipendenze, rivendicando la necessità di soffermarsi maggiormente sul ruolo delle credenze per aumentare le possibilità di successo.

VOTA L'ARTICOLO
(voti: 3, media: 4,67 su 5)

Consigliato dalla redazione

Dipendenza da nicotina: possibili interventi terapeutici

La dipendenza da nicotina e possibili interventi terapeutici

Dipendenza da nicotina: interventi terapeutici cognitivi e metacognitivi associati alla terapia farmacologica possono aiutare a superare la dipendenza

Bibliografia

State of Mind © 2011-2021 Riproduzione riservata.
Condividi
Messaggio pubblicitario

Messaggio pubblicitario

Argomenti

Sono citati nel testo

Università e centri di ricerca

Riviste scientifiche

Categorie

Messaggio pubblicitario