Disturbi del comportamento alimentare – Definizione Psicopedia

Si parla di disturbo del comportamento alimentare quando una persona mostra un'estrema riduzione o aumento del consumo di cibo e preoccupazioni per il peso.

ID Articolo: 104417 - Pubblicato il: 05 febbraio 2015
Disturbi del comportamento alimentare – Definizione Psicopedia
Messaggio pubblicitario SFU Magistrale
Condividi

 LE DEFINIZIONI DI PSICOPEDIA

Psicopedia - Immagine: © 2011-2012 State of Mind. Riproduzione riservata

Un disturbo del comportamento alimentare è caratterizzato dagli estremi. È presente quando una persona presenta gravi disordini nel comportamento alimentare, come un’estrema riduzione del cibo che consuma o un’alimentazione eccessiva, o sensazioni di forte stress o preoccupazioni per il peso o la forma.

Una persona con un disturbo alimentare potrebbe avere iniziato semplicemente mangiando una quantità di cibo inferiore o superiore rispetto al solito, ma a un certo punto, l’impulso a mangiare di meno o di più aumenta senza controllo.

Cosa sono i disturbi del comportamento alimentare?

  • I disturbi del comportamento alimentare sono gravi problemi psicologici. Sono trattabili, e prima una persone intraprende il trattamento di cui ha bisogno più ci sono possibilità di una buona guarigione.
  • I disturbi del comportamento alimentare non sono scelte, manie o fasi che passano. I disturbi alimentari sono gravi e possono essere fatali.
  • I disturbidel comportamento alimentare possono essere riconosciuti da uno schema persistente di alimentazione non sana o da un comportamento alimentare che può causare problemi di salute e/o disagio emotivo e sociale.
  • Le tre categorie formali di disturbi alimentari sono anoressia nervosa, bulimia nervosa, e disturbo alimentare non altrimenti specificato (DANAS). I DANAS includono diversi tipi di disturbi alimentari, compresi i comportamenti di eliminazione senza le abbuffate, i comportamenti che soddisfano alcuni ma non tutti i criteri di anoressia o bulimia nervose, e il comportamento di masticare cibo e poi sputarlo. Il disturbo da alimentazione incontrollata rientra ufficialmente nella categoria DANAS ed è connotato da episodi di abbuffate ricorrenti in assenza di comportamenti di compensazione.
  • Anche se esistono linee guida ufficiali che i professionisti della salute utilizzano per definire il tipo di alimentazione del soggetto, i comportamenti alimentari non sani si presentano su un continuum. Anche se una persona non soddisfa i criteri formali per un disturbo alimentare, potrebbe comunque avere comportamenti alimentari non sani che sono causa di un forte disagio e che potrebbero danneggiare la sua salute sia fisica che psicologica.
  • I disturbi del comportamento alimentare sono complessi e sono influenzati sia da fattori genetici che ambientali (per es., la spinta alla magrezza, traumi, etc.). I disturbi alimentari non sono semplicemente causati dai valori di magrezza della cultura occidentale, anche se questi fattori sono presenti.

Messaggio pubblicitario Chi potrebbe soffrirne?

  • Chiunque potrebbe soffrirne. I disturbi alimentari non discriminano per sesso, età o origine etnica. Possono essere riscontrati in entrambi i sessi, in tutti i gruppi di età, e in una grande varietà di ambienti etnici e culturali in tutto il mondo. Tuttavia, esistono gruppi che presentano un maggiore rischio di sviluppare disturbi alimentari.
  • I disturbi alimentari sono più comuni tra le donne, ma si presentano anche tra gli uomini. Il disturbo da alimentazione incontrollata è presente circa allo stesso modo tra le femmine e tra i maschi.

Quanto sono comuni i disturbi alimentari?

  • I disturbi del comportamento alimentare compaiono con la maggiore frequenza durante l’adolescenza o la prima età adulta, ma possono anche svilupparsi durante l’infanzia o nella tarda età adulta. Le donne e le ragazze hanno maggiori probabilità dei maschi di sviluppare un disturbo alimentare, ma anche i ragazzi e gli uomini possono presentare qualsiasi tipo di disturbo alimentare.
  • Anoressia nervosa: tra lo 0.3 e l’1% delle giovani donne sono anoressiche (il che rende l’anoressia diffusa quanto l’autismo).
  • Bulimia nervosa: dall’1 al 3% delle giovani donne presenta bulimia nervosa.
  • Disturbo da alimentazione incontrollata: circa il 3% della popolazione presenta questo disturbo. 
  • Tra il 4% e il 20% delle giovani donne presenta schemi alimentari non sani come stare a dieta, mettere in atto comportamenti di eliminazione e abbuffarsi.
  • Attualmente, circa una giovane donna su 20 nella popolazione generale ha un disturbo alimentare.

Quanto sono devastanti i disturbi alimentari?

  • Per le donne con un’età compresa tra i 15 e i 24 anni, i disturbi alimentari sono tra le prime quattro cause di disagio in termini di anni di vita persi a causa della morte o di disabilità.
  • In tutti i disturbi del comportamento alimentare la qualità della vita è gravemente compromessa.
  • Le conseguenze sulla salute come l’osteoporosi (ossa fragili), complicazioni gastrointestinali, e problemi dentali sono danni significativi sia economici che di salute nel corso della vita.
  • L’anoressia nervosa ha uno dei più alti tassi di mortalità complessivi tra tutti i disturbi psichiatrici. Il rischio di morte è tre volte più alto rispetto alla depressione, alla schizofrenia o all’alcolismo e 12 volte più alto di quello presente nella popolazione generale.
  • In generale, un’identificazione e un trattamento precoci sono associati a una maggiore probabilità di guarigione.

 

  LEGGI ANCHE:

Anoressia Nervosa – Definizione Psicopedia

Binge Eating Disorder: Disturbo da Alimentazione Incontrollata – Definizione Psicopedia

Bulimia Nervosa – Definizione Psicopedia

 

TUTTE LE DEFINIZIONI DI PSICOPEDIA

VOTA L'ARTICOLO
(voti: 3, media: 4,00 su 5)
State of Mind © 2011-2019 Riproduzione riservata.
Condividi

Articoli che trattano questo argomento

Anoressia Nervosa e Neuroscienze – Introduzione alla Psicologia
Neuroscienze Psichiatria Psicologia

Anoressia Nervosa e Neuroscienze – Introduzione alla Psicologia

L’Anoressia Nervosa fa parte dei Disturbi dell’Alimentazione e della nutrizione ed è caratterizzato, secondo il DSM-5, da una restrizione dell’apporto energetico relativo al fabbisogno quotidiano che induce una evidente perdita di peso, in relazione a sesso ed età. Queste persone mostrano, inoltre, una evidente paura di aumentare di peso e un

Le traiettorie di peso nell’infanzia e nella prima adolescenza come fattori di rischio per lo sviluppo dei disturbi dell’alimentazione 
Psicologia

Le traiettorie di peso nell’infanzia e nella prima adolescenza come fattori di rischio per lo sviluppo dei disturbi dell’alimentazione 

Diversi studi hanno valutato l’associazione tra l’indice di massa corporea (IMC) premorboso e la presenza di disturbi dell’alimentazione e hanno trovato risultati, non sempre confermati, che vanno nella direzione di un IMC premorboso più basso per l’anoressia nervosa e un IMC premorboso più alto per la bulimia nervosa e il disturbo da binge-eating.

Briciole. Storia di un’anoressia (1994) – La stigmatizzazione dell’anoressia nervosa
Psicologia

Briciole. Storia di un’anoressia (1994) – La stigmatizzazione dell’anoressia nervosa

“Comincia con tre polpette al sugo questa storia. Tre polpette di carne di vitello vomitate nel bagno di casa con la porta spalancata. Anoressia mentale, sarebbe stata la diagnosi psichiatrica.” Germana Celentano – OPEN SCHOOL Studi Cognitivi Modena   L’ anoressia nervosa in Briciole  Briciole: storia di un’anoressia, di Alessandra

Anoressia nervosa: disturbo metabolico oltre che psicologico
Psichiatria

Anoressia nervosa: disturbo metabolico oltre che psicologico

I risultati del recente studio di Watson e colleghi, di cui parlerà il seguente articolo, hanno susicitato un notevole impatto mediatico. Qualche giorno fa la redazione di State of Mind ha pubblicato un altro articolo sull’argomento, in cui l’autore, il Dott. Riccardo Dalle Grave, uno dei maggiori esperti in Italia di

Disturbi alimentari: incidenza e prognosi
Psichiatria Psicologia Psicoterapia

Disturbi alimentari: incidenza e prognosi

I disturbi alimentari presentano un’alta morbilità, tuttavia possono essere difficili da diagnosticare. Solitamente sono caratterizzati da comportamenti alimentari disturbati che si associano alla preoccupazione del peso e della forma corporea.   Comunemente le persone affette dai disturbi alimentari sono giovani e molto vulnerabili, si mostrano incerti sulla loro possibile guarigione

L’influenza dei processi di memoria nella formazione dell’immagine corporea
Psicologia Psicoterapia

L’influenza dei processi di memoria nella formazione dell’immagine corporea

Al terapeuta si apre una nuova strada nel lavoro sull’ immagine corporea con pazienti affetti da disturbi alimentari attraverso interventi sui ricordi, volti al consolidamento di un’immagine di magrezza che possa essere investita di significati maggiormente realistici e allo stesso tempo di un’ immagine corporea più sana.   L’ immagine

Disturbi alimentari e maggior rischio di sintomi depressivi nelle madri
Psichiatria Psicologia

Disturbi alimentari e maggior rischio di sintomi depressivi nelle madri

Diversi studi dimostrano che le donne con disturbi alimentari, come anoressia nervosa e bulimia nervosa, dopo la gravidanza sperimentano più sintomi depressivi (40-60%) rispetto alla popolazione generale (5-13%).   Altri studi hanno rilevato che circa 1/3 delle donne soffrono di depressione post-partum, e che tra le donne che hanno sofferto

La stimolazione transcranica a corrente diretta (tDCS) modula gli atteggiamenti impliciti verso il cibo nei disturbi alimentari – Riccione, 2019
Neuroscienze

La stimolazione transcranica a corrente diretta (tDCS) modula gli atteggiamenti impliciti verso il cibo nei disturbi alimentari – Riccione, 2019

Nel seguente articolo presentiamo il lavoro premiato come “Miglior poster di ricerca” al Forum di Ricerca in Psicoterapia 2019 di Riccione   Nel corso di questo studio la tDCS è stata applicata sulla corteccia prefrontale mediale (mPFC) sinistra e sull’extrastriate body area (EBA) destra di pazienti con disturbi del comportamento

Esperienza artistica e mente incarnata – Il dare forma in Terapia espressiva
Psicologia Psicoterapia

Esperienza artistica e mente incarnata – Il dare forma in Terapia espressiva

Nella pratica delle Terapie Espressive la creazione artistica aiuta a dare forma e parola all’esperienza interna, facilitando l’incontro e il confronto con la realtà affettiva, incarnata, della propria e altrui mente. Lorena Garzotto   Un intervento integrato di Arte Terapia e Danzamovimento Terapia sostiene i pazienti con difficoltà di regolazione

Ortoressia nervosa: quali i fattori di rischio?
Psicologia Psicoterapia

Ortoressia nervosa: quali i fattori di rischio?

Nel corso degli ultimi anni l’attenzione rispetto al tema dell’alimentazione è progressivamente aumentata, portando una parte più ampia della popolazione ad interrogarsi più frequentemente sulla qualità della propria dieta.   Il mantenimento di un’alimentazione sana ed equilibrata è infatti uno degli elementi fondamentali per il raggiungimento di uno stile di

Messaggio pubblicitario

Messaggio pubblicitario

Argomenti

Scritto da

Categorie

Messaggio pubblicitario