Messaggio pubblicitario

Alessitimia – Definizione Psicopedia

Letteralmente significa non avere parole per le emozioni e indica un insieme di caratteristiche di personalità riscontrabili nei pazienti psicosomatici

ID Articolo: 105176 - Pubblicato il: 23 dicembre 2014
Alessitimia – Definizione Psicopedia
Messaggio pubblicitario SFU Presentazioni Settembre 2019
Condividi

Elisabetta Virginia Marinucci

LE DEFINIZIONI DI PSICOPEDIA

Psicopedia - Immagine: © 2011-2012 State of Mind. Riproduzione riservata

Il termine Alessitimia è stato introdotto  agli inizi degli anni settanta da John Nemian e Peter Sifneos (1976) per definire un insieme di caratteristiche di personalità riscontrabili nei pazienti psicosomatici. Deriva dal greco “Alexis thymos” e letteralmente  significa non avere parole per le emozioni.

Nello specifico Peter Sifneos coniò questo termine per indicare un disturbo delle funzioni affettive e simboliche che spesso rende sterile e incolore lo stile comunicativo dei pazienti psicosomatici.

L’alessitimia si manifesta attraverso una serie di difficoltà rispetto a:

identificare, descrivere e interpretare i propri e gli altrui sentimenti;

distinguere gli stati emotivi dalle percezioni fisiologiche;

individuare quali siano le cause che determinano le proprie emozioni;

utilizzare il linguaggio come strumento per esprimere i sentimenti, con conseguente tendenza a sostituire la parola con l’azione fisica.

Taylor, Bagby e Parker (2000) a tal proposito, hanno considerato l’alessitimia un disturbo dell’elaborazione degli affetti che interferisce con i processi di auto-regolazione e riorganizzazione delle emozioni. Questo potrebbe spiegare la tendenza dei soggetti alessitimici ad assumere alcuni comportamenti compulsivi quali: l’abbuffarsi di cibo, l’abuso di sostanze o il vivere in modo perverso la sessualità per liberarsi dalle tensioni causate da stati emotivi non elaborati.

Solo apparentemente ben inseriti nella società, i soggetti alessitimici assumono una postura rigida, presentano processi immaginativi coartati e tendono ad avere esplosioni di collera o di pianto incontrollato e, se interrogati sui motivi di queste manifestazioni, sono incapaci di dare spiegazioni. Questo perché i  soggetti alessitimici, pur mostrando una normale attivazione fisiologica in presenza di emozioni, hanno ridotte capacità di riorganizzare gli elementi che caratterizzano la loro esperienza corporea in una rappresentazione mentale intrapsichica (Parker J.D.A., Taylor G.J., Bagby R.M. 1993; Kristal H. 2007).

Per molto tempo i tratti alessitimici, poiché altamente riscontrati nei pazienti psicosomatici, sono stati considerati fattori predittivi per lo sviluppo delle malattie psicosomatiche in senso stretto.  Attualmente, invece, studi e ricerche dimostrano che  l’alessitimia è uno dei fattori di rischio per diversi disturbi sia fisici quali coronaropatie, ipertensione, disturbi gastrointestinali (Porcelli P., Bagby R.M., Taylor G.J., De Carne M., Leandro G., Todarello O. 2003) che psicologici: anoressia e bulimia nervosa, depressione, disturbi d’ansia. Caratteristiche alessitimiche sono state individuate anche in pazienti con: dipendenza da sostanze, disturbo post-traumatico da stress, depressione (Honkalampi K, Hintikka J, Laukkanen E, Lehtonen J, Viinamaki H. 2001). Infine l’alessitimia è stata evidenziata nei pazienti cha hanno subito un trapianto, che sono in dialisi o  in terapia intensiva (Porcelli P. 2009).

Messaggio pubblicitario Diverse teorie neurofisiologiche (Nemiah J.C., Freyberger H., Sifneos P.E. 1976; ·    MacLean PD (1952) Some psychiatric implications of physiological studies onMacLean Paul D. 1952) sono state proposte negli anni per spiegare l’eziologia dell’alessitimia. Gli studi hanno ampiamente dimostrato che  l’emisfero destro è coinvolto maggiormente nell’elaborazione del comportamento emotivo, mentre l’emisfero sinistro è implicato nell’articolazione del linguaggio. Questo fa ipotizzare che l’interruzione della comunicazione interemisferica tramite corpo calloso e un cattivo funzionamento dell’emisfero cerebrale destro possano essere due  possibili cause dello sviluppo dell’alessitimia.

Alcuni studi neurologici (Dizionario di Medicina Treccani, 2010) inoltre, confermano la distinzione tra: Alessitimia di tipo I caratterizzata dall’assenza stessa di esperienza emotiva, e Alessitimia di tipo II che, invece, conserva l’integrità dell’esperienza emotiva da un lato, ma evidenzia un deficit specifico rispetto all’espressione e alla valutazione cognitiva delle emozioni  (Parker JDA, Taylor GJ, Bagby RM. 1993). Questo deficit può essere conseguenza di eventi traumatici o di uno sviluppo inadeguato delle funzioni di mentalizzazione (Kristal H. 2007).

Tutto ciò porta i soggetti alessitimici ad assumere un pensiero operatorio e ad avere una ridotta o inesistente capacità onirica (Marty P., De M’uzan M., David C. 1971).

Paul Mac Lean (1967, 1984) sostiene che quando le emozioni vengono vissute  per via somatica, si incanalano direttamente negli organi attraverso le vie neuroendocrine e autonome. Questo fa sì che i soggetti con tratti di personalità elessitimici abbiano un deficit nel  verbalizzare e interpretare gli stati emotivi che vengono confusi con le sensazioni corporee.

Tra le varie definizioni possibili,  l’alessitimia può essere considerata  un deficit della funzione riflessiva del Sé per la mancanza di consapevolezza emotiva che la caratterizza (Kout H. 1982, 2003). I soggetti che ne soffrono tendono al conformismo sociale e generalmente stabiliscono relazioni di forte dipendenza o, viceversa, preferiscono l’isolamento (Harris J.C. 2003,  Lambert KG, Gerlai R (2003) The neurobiological relevance of social behavior:Lambert K.G., Gerlai R .2003). Questo riconduce a ciò che Winnicott (Winnicott D.V. 1974) definisce stile di attaccamento insicuro- evitante con una immagine materna non interiorizzata.

Da quanto finora detto emerge che l’alessitimia delinea un fenomeno molto articolato, risultato della compresenza di fattori genetici, neurofisiologici , intrapsichici, nonché di modelli di comunicazione  familiare e fattori socioculturali.

Possiamo rintracciare una importante chiave di lettura dell’alessitimia anche  dagli studi condotti da Titchener negli anni venti (Legrenzi P. 1997). Questi infatti non solo osserva che  sin dai primi giorni di vita i neonati  sono turbati dal pianto di un altro bambino, ma rileva che già ad un anno di età i bambini sono capaci di mimetismo motorio per imitare, e verosimilmente comprendere,  la sofferenza degli altri. Tali evidenze porteranno Titchener a considerare il mimetismo motorio il precursore dell’empatia. Questo porta a ritenere che le capacità empatiche si  strutturino nell’individuo già a partire dall’infanzia.

Winnicott, d’altro canto, pone l’accento sulla madre empaticamente sintonizzata come base da cui il bambino può costruire il suo sviluppo emotivo. Al contrario, quando un genitore non riesce sistematicamente a sintonizzarsi con alcune specifiche emozioni del bambino, questi  evita di esprimerle con un costo notevole in termini emozionali (Winnicott D.W. 2000).

Sappiamo infatti che quanto più una persona è consapevole delle proprie emozioni, tanto più riuscirà ad essere empatico. Il retaggio culturale che spinge ad insegnare più favorevolmente  agli uomini capacità pratiche piuttosto che affettive, sembra spiegare il loro maggior numero tra i soggetti alessitimici rispetto alle donne (Pasini A. Delle Chiaie R. Seripa S. Ciani N. 1992; Mattila A. K. , Keefer  K.V. , Taylor J.G.e al, 2010) 2010 | 49 | 3 | 216-221.

Goleman (Goleman D. 1997) sostiene quanto detto individuando proprio nell’empatia e nell’autocontrollo le due fondamentali competenze sociali che consentono di costruire una vita relazionale ricca ed emotivamente soddisfacente alla base del benessere psico-fisico della persona.

Messaggio pubblicitario NETWORK CLINICA Ad oggi il test più diffuso per la diagnosi di alessitima è la TAS-20 (Toronto Alexithymia Scale) del 1985. Questa scala psicometrica di autovalutazione, si compone di 20 items che servono a rintracciare le presenza delle tre caratteristiche principali del distrurbo:

la difficoltà nell’identificare i sentimenti;

la difficoltà nel descrivere i sentimenti altrui;

il pensiero orientato quasi solo all’esterno, e raramente verso i propri processi endopsichisi.

Il Tematic Apperception Test (TAT) di Murray nel 1935 e gli studi di Reusch tra il 1948 e il 1957  evidenziano che i pazienti alessitimici hanno fantasie primitive e stereotipate e confermando la difficoltà dei paziente ad accedere al proprio mondo pulsionale inconscio.

Il  SAT9 (Objective Scored Archetypale Test) è un’altra tecnica proiettiva di disegno che valuta la caratteristica centrale dell’alessitimia: la funzione simbolica e la capacità del soggetto di creare fantasie.

Come già detto l’alessitimia è significativamente correlata a diverse condizioni patologiche di natura psicosomatica e psicologica ma, per una corretta diagnosi differenziale, và distinta dai sintomi negativi della schizofrenia (ottundimento affettivo, alogia, depressione, anedonia..), e considerata un tratto stabile di personalità.

Studi e osservazioni hanno dimostrato infatti che dopo un anno di trattamento psicofarmacologico appropriato, i pazienti schizofrenici vedono migliorate le sindromi schizofreniche e depressive così come il funzionamento psicosociale, mentre le caratteristiche principali dell’alessitimia restano stabili (Blanchard J.J., Mueser K.T, Bellack A.S. 1998). Questo dimostra che l’alessitimia non è in relazione  ai disturbi dell’Asse I ma è legata alle caratteristiche dell’Asse II ed è quindi una dimensione della personalità indipendente dalle categorie psichiatriche.

Una ipotesi è che la schizofrenia e l’alessitimia possano avere gli stessi meccanismi neurobiologici (Stanghellini G, Ricca V. 1995). Studi recenti ostengono la possibilità che una disfunzione della corteccia cingolata anteriore possa essere il meccanismo neurobiologico comune ai deficit cognitivi responsabili sia di alcuni sintomi della schizofrenia che della manifestazione comportamentale dell’alessitimia (Sanders G.S., Gallup G.G., Heinsen H., Hof P.R., Schmitz C. 2002).

Da un punto di vista terapeutico, si evidenzia la necessità di ristrutturare la sfera cognitivo-affettiva della personalità. Le esperienze cliniche finora raccolte sottolineano l’importanza di un trattamento che integri l’approccio farmacologico con quello psicoterapeutico con l’intento di intervenire sinergicamente sia sulla struttura neurobiologica che sui fattori di matrice psicosociale (Bateson G. 1972, Marty P., De M’uzan M., David C. 1971; Caretti V., La Barbera D. 2005).

 

TUTTE LE DEFINIZIONI DI PSICOPEDIA

ARTICOLO CONSIGLIATO:

Mindfulness, Alessitimia e Self-differentiation nei Disturbi di personalità

 

BIBLIOGRAFIA:

  • Bateson G. (1972). Verso un’ecologia della mente, Adelphi, Milano, 1977.
  • Blanchard, J.J., Mueser, K.T, Bellack, A.S. (1998). Anhedonia, positive and negative affect, and social functioning in schizophrenia. Schizophr Bull; 24:413-424.
  • Bowlby, J. (1969), Attaccamento e perdita, volume 1: L’attaccamento alla madre, Boringhieri Torino, 1972.
  • Bowlby J. (1988): Una base sicura. Raffaello Cortina, Milano 1989.
  • Caretti V., La Barbera, D. (2005). Alessitimia. Valutazione e trattamento. Ed. Astrolabio
  • Carter  C.S., MacDonald A.W., Ross L.L., Stenger, V.A. (2001). Anterior cingulate cortex activity and impaired self-monitoring of performance in patients with schizophrenia: An event-related fMRI study. Am J Psychiatry, 158:1423-1428.
  • Dizionario di Medicina Treccani, 2010.
  • Gazzaniga M. S. (1999). La mente inventata. Le basi biologiche dell’identità e della coscienza. Ed. Guerini e Associati
  • Goleman, D. (1995). Intelligenza emotiva, Rizzoli Milano
  • Honkalampi K, Hintikka, J., Laukkanen, E., Lehtonen, J., Viinamaki, H. (2001). Alexithymia and depression. A prospective study of patients with major depressive disorder. Psychosomatics
  • Harris J.C. (2003). Social neuroscience, empathy, brain integration, and neurodevelopmental disorders. Physiol Behav. 79:525-531
  • Kout, H. (1978). La ricerca del Sé. Bollati Boringhieri, Torino. ACQUISTA ONLINE
  • Kout, H. (2003). Introspezione ed empatia. Raccolta di Scritti (1959-1982). Bollati Boringhieri, Torino. ACQUISTA ONLINE
  • Joukamaa, M., Mattila, A. (2007). Epidemiologia dell’alexithymia. Psychomedia, 2007
  • Kristal, H. (2007). Affetto, trauma, alessitimia. Magi Edizioni  Roma
  • Kokkonen, P, Karvonen, J, Veijola, J, Lksy K, Jokelainen, J, Jarvelin, M-R, Joukamaa, M. Prevalence and sociodemographic correlates of alexithymia in a population sample of young adults. Compr Psychiatry 2001; 42: 471-476.
  • Lambert, KG, Gerlai, R. (2003) The neurobiological relevance of social behavior.
  • Lambert K.G., Gerlai R. La rilevanza neurobiologico del comportamento sociale: Eredità di Paul MacLean. Physiol Behav. 79:341–342. 79: 341-342. J Nerv Ment Dis.
  • Le Doux, J.  (1996). Il cervello emotivo Ed. Baldini e Castoldi, Milano
  • Legrenzi, P (a cura di) (1997). Manuale di Psicologia Generale, Il Mulino, Bologna
  • MacLean, P.D. (1984). Evoluzione del cervello e comportamento umano. Studi sul cervello trino, con un saggio introduttivo di Luciano Gallino, Torino, Einaudi
  • MacLean, P.D. (1952). Some psychiatric implications of physiological studies onMacLean Paul D. (1952) Alcune implicazioni psichiatriche di studi fisiologici su parte fronto-temporale del sistema limbico Electroenceph Clin Neurophysiol. 4:407–418.
  • MacLean, P. D. (1967). Il cervello in relazione alla empatia e la formazione medica. J Nerv Ment Dis. 144:374 –382. 144: 374 -382.
  • Marty P., De M’uzan M., David C.  (1971). L’indagine psicosomatica. Boringhieri, Torino
  • Mattila A. K., Keefer, K. V., Taylor, G.J., Joukamaa, M., James,  A. J.,  Parker J.D.A..Michael Bagby Bagby R.M. (2010). Taxometric di alessitimia in un campione di popolazione generale dalla Finlandia. Personality and Individual  Differences, 49,  3, 216-221 2010.
  • Nemiah, J.C., Freyberger, H., Sifneos, P.E. (1976). Alexithymia: A view of the psychosomatic process. In Hill O.W., Modern Trends in Psychosomatic Medicine, Vol. 3, Butterworths, London, pp. 430-439.
  • Parker, JDA, Taylor, GJ, Bagby, RM. (1993). Alexithymia and the recognition of facial expressions of emotions. Psychother Psychosom, 59:197-202.
  • Pasini A., Delle Chiaie, R. Seripa, S. Ciani,N. (1992). Alexithymia as related to sex, age, and educational level: results of the Toronto Alexithymia Scale in 417 normal subjects. Compr Psychiatry,  33: 42-46.
  • Porcelli, P., Bagby, R.M., Taylor, G.J., De Carne, M., Leandro, G., Todarello, O. (2003). Alexithymia as a predictor of treatment outcome in patients with functional gastrointestinal disorders. Psychosom Med;65:911-918.
  • Porcelli P. (2008). Epidemiologia dell’alessitimia. Costrutti distinti o sovrapposti – V Congresso Nazionale GRP, Foligno, 2008
  • Porcelli P. (2009). Medicina psicosomatica e psicologia clinica. Modelli teorici, diagnosi, trattamento. Raffaello Cortina (Psichiatria psicoterapia neuroscienze), Milano. ACQUISTA ONLINE
  • Porcelli P. (2004), Update sul costrutto di alexithymia. 1° Convegno Internazionale sull’Addiction Palermo il 28-29 ottobre 2004.
  • Sanders, G.S, Gallup, GG, Heinsen, H, Hof P.R, Schmitz, C. (2002). Cognitive deficits, schizophrenia, and the anterior cingulate cortex. Trends Cogn Sci;6:190-192
  • Stanghellini, G, Ricca, V. (1995). Alexithymia and schizophrenias. Psychopathology;28:263-272.
  • S.G Lee, A. Neiman, S. Kim (1998). Coherence resonance in a Hodgkin-Huxley neuron, Phys. Rev. E 57, 3292-3297.
  • Taylor G.J., Parker J.D.A  Bagby R.M., (1997). Disturbi della regolazione affettiva. L’alessitimia nelle malattie mediche e psichiatriche. Giovanni Fioriti Editore, Roma 2000.
  • Winnicott, D.W. (1951). Gioco e realtà. Armando Ed. Roma, 1974.
  • Winnicott, D.W. (2000). Sviluppo affettivo e ambiente. Studi sulla teoria dello sviluppo affettivo. Armando Editore
VOTA L'ARTICOLO
(voti: 6, media: 3,50 su 5)
State of Mind © 2011-2019 Riproduzione riservata.
Condividi

Articoli che trattano questo argomento

Piacere, Alessitimia e Priopriocettività: come la capacità di cogliere i segnali del proprio corpo può risultare determinante nel funzionamento sessuale
Psicologia

Piacere, Alessitimia e Priopriocettività: come la capacità di cogliere i segnali del proprio corpo può risultare determinante nel funzionamento sessuale

Lo stretto legame tra alessitimia e funzionamento sessuale suggerisce l’importanza nella pratica clinica di implementare quelle tecniche volte all’aumento della consapevolezza corporea, come ad esempio la Mindfulness.   Il piacere sessuale richiede la capacità di rivolgere la propria attenzione sulle sensazioni provate dal corpo durante l’attività erotica (Costa, Pestana, Costa,

Sto bene, sto male: questione di alessitimia
Psicoterapia

Sto bene, sto male: questione di alessitimia

Una delle prime domande che di solito si fa ai pazienti è cosa prova in determinate occasioni oppure come si sente in quello specifico momento, magari proprio mentre sta parlando con noi. La risposta tipica è bene o male.    Alessitimia. Potremmo procedere con tutte le formule che i pazienti

Aggressività e mentalizzazione: possiamo curare il disturbo antisociale?
Psicologia Psicoterapia

Aggressività e mentalizzazione: possiamo curare il disturbo antisociale?

Capire gli antecedenti del comportamento aggressivo è fondamentale per pianificare il trattamento e individuare chi ne può beneficiare. Un fattore candidato a spiegare, in parte, le tendenze aggressive, è la scarsa capacità di mentalizzazione. Giancarlo Dimaggio e Patrizia Velotti   L’idea è che persone con ridotte abilità di comprendere i

Tenere a mente le emozioni. La mentalizzazione in psicoterapia (2018) – Recensione del libro
Psicoterapia

Tenere a mente le emozioni. La mentalizzazione in psicoterapia (2018) – Recensione del libro

Il testo Tenere a mente le emozioni. La mentalizzazione in psicoterapia racconta la difficoltà di molte persone nel riconoscere le proprie emozioni e di come la terapia possa stimolare una curiosità aperta e onesta per quello che si sta provando verso una maggiore conoscenza di sé.   Tenere a mente

Emotional Eating, Binge Eating Disorder e intolleranza alle emozioni negative
Psicologia Psicoterapia

Emotional Eating, Binge Eating Disorder e intolleranza alle emozioni negative

Per i pazienti con Binge Eating Disorder non è sufficiente il solo intervento nutrizionale o chirurgico, diventa indispensabile una psicoterapia ad orientamento prevalentemente cognitivo comportamentale o un percorso di educazione terapeutica per affrontare il delicato tema delle emozioni che questi pazienti in genere non riescono a gestire.   Tutto ha inizio con il

Identikit del paziente con alessitimia – Le ricadute sulla relazione terapeutica
Psicologia Psicoterapia

Identikit del paziente con alessitimia – Le ricadute sulla relazione terapeutica

I soggetti con alessitimia dimostrano un’attivazione fisiologica alla presenza di emozioni, ma presentano scarse competenze rispetto alla possibilità di riorganizzare l’esperienza corporea vissuta, come se mancassero di una rappresentazione mentale di quanto accaduto. Chiara Polizzi, Alessandra Rossi – OPEN SCHOOL, Psicoterapia Cognitiva e Ricerca    Cosa si intende per alessitimia

Disturbo Ossessivo Compulsivo e rischio di suicidio
Psicologia Psicoterapia

Disturbo Ossessivo Compulsivo e rischio di suicidio

E’ credenza comune che i pazienti con Disturbo Ossessivo Compulsivo (DOC) non siano a rischio di suicidio. Vari studi contraddicono tale convinzione, suggerendo che una percentuale compresa tra il 5% e il 25 % di soggetti con DOC ha tentato il suicidio almeno una volta nella vita. I pazienti con

Alessitimia, disregolazione emotiva, impulsività e aggressività: un modello di mediazione multipla
Psicologia

Alessitimia, disregolazione emotiva, impulsività e aggressività: un modello di mediazione multipla

La letteratura ha cercato in questi anni di definire la relazione presente tra alessitimia, disregolazione emotiva, impulsività e aggressività, con risultati che evidenziano la necessità di approfondire tale legame. La disregolazione emotiva predice agiti aggressivi negli autori di reato e nei pazienti con Disturbo Borderline di Personalità e media la

Alessitimia e Disturbi del Comportamento Alimentare: quale relazione?
Psicologia

Alessitimia e Disturbi del Comportamento Alimentare: quale relazione?

I pazienti con disturbi del comportamento alimentare esperiscono le emozioni in maniera sconcertante, risultando incapaci di descriverle e presentando una disconnessione tra componente fisiologica e sentimentale soggettiva dell’emozione, tipica degli individui con alessitimia. Elisa Poidomani – OPEN SCHOOL Studi Cognitivi     Introduzione Se consideriamo la prospettiva cognitiva, possiamo definire i disturbi alimentari, in

La prevenzione del sovrappeso e dell’obesità infantile: è sufficiente occuparsi dello stile di vita?
Psicologia

La prevenzione del sovrappeso e dell’obesità infantile: è sufficiente occuparsi dello stile di vita?

Prevenzione della obesità infantile: I paradigmi attuali in tema di prevenzione della obesità infantile, sembrano operare una riduzione della complessità delle condizioni di sovrappeso ed obesità infantile e di sottostimare le variabili emotive e relazionali implicate nella regolazione dei comportamenti alimentari e del peso. Introduzione In Italia, secondo i risultati

Messaggio pubblicitario DEFAULT SU NETWORK FORMAZIONE
Messaggio pubblicitario DEFAULT SU NETWORK FORMAZIONE

Si parla di

Diventare Psicoterapeuta

Messaggio pubblicitario

Argomenti

Scritto da

Categorie