Messaggio pubblicitario Master DA 2020

Adolescenti antisociali: cosa succede a livello cerebrale?

Gli adolescenti antisociali hanno mostrato meno attivazione nelle aree del cervello responsabili di funzioni come “mettersi nei panni di un altro”.

ID Articolo: 41384 - Pubblicato il: 28 marzo 2014
Messaggio pubblicitario SFU 2020
Condividi

 

 

– FLASH NEWS-

Rassegna Stampa - State of Mind - Il Giornale delle Scienze Psicologiche

Gli adolescenti antisociali hanno mostrato meno attivazione rispetto al gruppo di controllo nella giunzione temporoparietale e nel giro frontale inferiore . Queste aree del cervello sono responsabili di funzioni come “mettersi nei panni di un altro” e il controllo degli impulsi.

Gli adolescenti con disturbo antisociale di personalità infliggono gravi danni fisici e psicologici a se stessi e gli altri. Tuttavia, poco si sa ancora sui processi neurali sottostanti.

I ricercatori dell’Università di Leiden e del Max Planck Institute for Human Development hanno individuato una possibile spiegazione: le aree cerebrali responsabili della elaborazione delle informazioni sociali e del controllo degli impulsi sono meno sviluppate del normale.

Lo studio si è concentrato su detenuti adolescenti di età compresa tra i 15 e i 21 anni dei Paesi Bassi, che avevano ricevuto una diagnosi di disturbo di personalità antisociale.

Messaggio pubblicitario I ricercatori hanno chiesto agli adolescenti di giocare a mini-ultimatum, un gioco cooperativo che simula considerazioni sull’equità, in cui al giocatore viene offerta una somma di denaro da un altro giocatore. Al giocatore viene anche detto che l’avversario potrebbe aver fatto un’offerta equa o che non aveva alternative. L’attività cerebrale durante la partita è stata misurata utilizzando la risonanza magnetica funzionale ( fMRI ) . Confrontando i risultati con quelli di un gruppo di controllo di adolescenti non delinquenti , i ricercatori sono stati in grado di determinare ciò che stava accadendo nei cervelli dei partecipanti nel contesto di considerazioni di equità .

Gli adolescenti antisociali hanno mostrato meno attivazione rispetto al gruppo di controllo nella giunzione temporoparietale e nel giro frontale inferiore . Queste aree del cervello sono responsabili di funzioni come “mettersi nei panni di un altro” e il controllo degli impulsi.

In entrambi i gruppi i ricercatori hanno osservato livelli simili di attivazione della corteccia cingolata anteriore dorsale e della insula anteriore – le aree del cervello associate ai processi affettivi .

I risultati indicano che , sebbene entrambi i gruppi mostravano gli stessi livelli di reattività emozionale in risposta a offerte inique , gli adolescenti delinquenti hanno rifiutato queste offerte più spesso. In contrasto con il gruppo di controllo, gli adolescenti antisociali non hanno tenuto conto delle intenzioni dell’avversario o del fatto che non avesse alternative.

Gli adolescenti con disturbo antisociale di personalità sembrano quindi avere difficoltà a prendere in considerazione tutte le informazioni pertinenti nelle interazioni sociali, come le intenzioni delle altre persone. I ricercatori ipotizzano che questo incrementi il comportamento antisociale e sperano che le loro scoperte aiuteranno a lo sviluppo di trattamenti psicoterapeutici adeguati.

ARGOMENTI CORRELATI:

ADOLESCENTI DISTURBO ANTISOCIALE DI PERSONALITA’NEUROPSICOLOGIA

 

 

BIBLIOGRAFIA:

 

VOTA L'ARTICOLO
(voti: 3, media: 5,00 su 5)
State of Mind © 2011-2020 Riproduzione riservata.
Condividi
Messaggio pubblicitario

Messaggio pubblicitario

Scritto da

Categorie

Messaggio pubblicitario