Centri Clinici

L’opera del politico Napolitano dietro lo stile tecnocratico di Monti

ID Articolo: 3774 - Pubblicato il: 05 dicembre 2011
Messaggio pubblicitario SFU 2020
Condividi

Articolo di Giovanni Maria Ruggiero pubblicato su Affaritaliani.

Rassegna Stampa - State of Mind - Il Giornale delle Scienze PsicologichePer conquistare il potere occorrono talenti diversi da quelli richiesti per ben governare. Sia in democrazia che non. Non si scappa da questo dilemma. La conquista del potere, anche non democratica, è arte della convinzione e della persuasione, vicina all’illudere e all’indulgere. Il governare è invece arte del deludere e, nonostante questo, del saper mantenere il timone nonostante le delusioni inflitte. Non si sfugge a questa ironia della realtà (o- se si vuole- di Dio, supremo ironista).
E sempre così sarà. Non esiste governo tecnico, governo che cioè non debba aver convinto e mediato opposte passioni. Il confliggere degli interessi non può generare scelte disinteressate. Occorre convincere, non dimostrare. In situazioni eccezionali si scelgono governi cosiddetti tecnici, e così pare sia il governo Monti. O forse non è così…CONTINUA A LEGGERE SU AFFARITALIANI

VOTA L'ARTICOLO
(Nessun voto)
State of Mind © 2011-2021 Riproduzione riservata.
Condividi
Messaggio pubblicitario

Messaggio pubblicitario

Scritto da

Categorie

Messaggio pubblicitario