Comportamenti antisociali e punizioni: Evoluzione, Autoconservazione

Un nuovo studio dell' University of British Columbia e pubblicato su Proceedings of National Academy of Sciences suggerisce che I bambini di appena otto mesi siano a favore di punizioni o comportamenti negativi nei confronti di chi si comporta in modo antisociale e provino invece antipatia per chi è tenero con i “cattivi”.

ID Articolo: 3729 - Pubblicato il: 03 dicembre 2011
Messaggio pubblicitario SFU Magistrale
Condividi

– Rassegna Stampa –

Rassegna Stampa - State of Mind - Il Giornale delle Scienze PsicologicheUn nuovo studio dell’ University of British Columbia e pubblicato su Proceedings of National Academy of Sciences suggerisce che I bambini di appena otto mesi siano a favore di punizioni o comportamenti negativi nei confronti di chi si comporta in modo antisociale e provino invece antipatia per chi è tenero con i “cattivi”.
L’esperimento:
100 bambini hanno partecipato alla ricerca, nel corso della quale dovevano esprimere la loro preferenza per alcuni pupazzi che punivano o premiavano dei burattini definiti dai ricercatori “cattivi”; quando è stato chiesto ai bambini di scegliere i loro personaggi preferiti, questi hanno scelto proprio quei pupazzi che avevano punito i burattini cattivi rispetto a quelli che li avevano premiati.
In un esperimento simile bambini poco più grandi, di 21 mesi, hanno premiato comportamenti prosociali e punito comportamenti antisociali.
Considerazioni:
Questo studio aiuta a rispondere alle domande che hanno assillato per decenni gli psicologi evoluzionisti, dice il Prof. Kiley Hamlin: “come siamo sopravvissuti come creature intensamente sociali se la nostra socialità ci rende vulnerabili a essere sfruttati e truffati?”
La risposta suggerita dai risultati della ricerca è che già a partire da otto mesi di età facciamo attenzione alle persone che potrebbero metterci a rischio e preferiamo vedere i comportamenti antisociali regolamentati, come dire quindi che la tendenza a costruire alleanze per proteggersi socialmente ha le sue radici evolutive in meccanismi di autoconservazione.
VOTA L'ARTICOLO
(Nessun voto)
State of Mind © 2011-2019 Riproduzione riservata.
Condividi
Messaggio pubblicitario

Messaggio pubblicitario

Scritto da

Categorie

Messaggio pubblicitario