Gli indignati di Wall Street non convincono. Ma la colpa è solo degli americani

ID Articolo: 1807 - Pubblicato il: 03 ottobre 2011
Messaggio pubblicitario SFU 2022

Questo articolo è pubblicato su affaritaliani.it il giorno 3-10-2011

english © asiln - Fotolia.comLe notizie dagli Stati Uniti lasciano perplessi. Le agitazioni degli indignati davanti Wall Street. Il presidente Obama pessimista sulla sua rielezione per la crisi economica. La crisi stessa. Insomma, concluso il grande periodo di sviluppo economico da Reagan a Clinton, l’esplosione finale con Bush jr. sembra aver lasciato macerie. Eppure questo quadro depressivo non è esauriente. L’egemonia culturale americana e anglo-sassone continua la sua marcia. Marcia a volte inclusiva e accogliente, altre volte arrogante.  Leggendo, ad esempio, le ultime righe di un articolo di Simon Kuper sul Financial TimesContinua a leggere su Affari Italiani.

State of Mind © 2011-2022 Riproduzione riservata.

Messaggio pubblicitario

Categorie

Messaggio pubblicitario