expand_lessAPRI WIDGET

Venerdì 23-09-2011

Di Linda Confalonieri, Flavio Ponzio

Pubblicato il 23 Set. 2011

Aggiornato il 30 Mar. 2012 18:00

rassegna stampaUomini e donne sono ugualmente collaborativi? I nostri stereotipi e la psicologia del senso comune generalmente ci portano a credere che le donne sarebbero più cooperative degli uomini. Una meta analisi effettuata su più di 50 anni di studi e pubblicata su Psychological Bulletin evidenzia come uomini e donne cooperano in ugual misura se posti in situazioni in cui obiettivi individuali e di gruppo sono in opposizione. Attenzione però: gli uomini sarebbero più cooperativi tra di loro rispetto a quanto non lo siano donne con altre donne! A quali condizioni le donne tenderebbero a collaborare maggiormente rispetto agli uomini? Solo se in gruppo con il sesso opposto!

Ridi che ti passa l’agitazione. Secondo uno studio che è stato presentato ieri presso il National Dementia Research Forum 2011, la cosiddetta “humour therapy” sarebbe efficace tanto quanto gli ampiamente usati farmaci antipsicotici, per la gestione dell’agitazione e dei disturbi comportamentali in pazienti con demenza. SMILE study, così il nome del progetto di ricerca in questione, ha infatti dimostrato una diminuzione dei comportamenti agitati e una flessione del tono dell’umore nei pazienti affetti da demenza non solo durante le 12 settimane del programma di Humor Therapy, ma anche un mantenimento di tali miglioramenti anche a 26 settimane di follow-up.

Disturbo ossessivo-compulsivo: non solo pillole, ma anche parole. Psychiatric News riporta oggi i risultati di una ricerca pubblicata sul Journal of the American Medical Association in cui si illustrano i risultati di un trial clinico effettuato su 124 pazienti pediatrici (età compresa tra i 7 e i 17 anni) con una diagnosi di disturbo ossessivo-compulsivo (OCD). I risultati dopo 12 settimane mostrano come i pazienti sottoposti a una terapia cognitivo-comportamentale affiancata al trattamento farmacologico, abbiano risposto in maniera significativamente più positiva rispetto a quelli  trattati unicamente con i farmaci.

Più responsabilità per le donne, ma…meno sesso. L’aumento di responsabilità nella donna potrebbe portare a un calo dell’attività sessuale. E’ quanto suggerisce uno studio condotto dalla Johns Hopkins Bloomberg School of Public Health. Ad ogni modo, tranquille occidentali: per ora lo studio ha analizzato donne residenti nei paesi dell’Africa Sub-Sahariana, evidenziando come l’aumento di autonomia della donna e maggior responsabilità nelle decisioni della vita familiare possa essere correlato a una diminuzione dell’attività sessuale.

La segregazione di genere a scuola: effetti sulla performance scolastica e stereotipi di genere. Science pubblica in questi giorni un interessante articolo in merito all’ educazione scolastica “separata” per femmine e maschi all’interno di classi omogenee. L’educazione basata sulla segregazione di genere non presenterebbe differenze significative in termini di esiti di apprendimento e performance scolastiche rispetto a programmi scolastici eterogenei dal punto di vista del genere. D’altro canto, secondo Fabes, autore dell’articolo, la separazione di maschi e femmine nei programmi scolastici renderebbe più salienti proprio gli stereotipi di genere.

Si parla di:
Categorie
SCRITTO DA
Linda Confalonieri
Linda Confalonieri

Redattrice di State of Mind

Tutti gli articoli
Flavio Ponzio
Flavio Ponzio

Direttore operativo di State of Mind

Tutti gli articoli
ARTICOLI CORRELATI
WordPress Ads
cancel