State of Mind

ACHESS: un app in aiuto dei Disturbi da Uso di Alcool – Psicologia

ID Articolo: 42124
aprile 18
10:00 2014
Modificato il: 18/04/2014 (10:21)
(voti: 6, media: 5,00 su 5)
Condividi

 

 

- FLASH NEWS-

Rassegna Stampa - State of Mind - Il Giornale delle Scienze Psicologiche

Addiction-Comprehensive Health Enhancement Support System (ACHESS), una app per smartphone, potrebbe aiutare i pazienti con Disturbi da Uso di Alcool (Abuso di Alcool e Alcool Dipendenza) a rimanere lontani dall’alcol e a gestire meglio il rischio di ricadute.

Centrale nell’alcolismo, e in generale nelle dipendenze, infatti, è il problema delle ricadute, tanto che la dipendenza da alcol ha tassi di recidiva simili ad altre malattie psichiatriche croniche.

Le ricadute riducono la qualità della vita delle persone, peggiorano i rapporti familiari e sono spesso associati alla criminalità, questo inoltre ha costi sanitari e sociali molto alti.

Sappiamo anche che la continuità nella cura per i pazienti che lasciano il trattamento residenziale è fondamentale a garantire esiti migliori a breve e lungo termine.

Messaggio pubblicitarioÈ in quest’ottica che è stata pensata ACHESS, un app che i pazienti possono imparare a usare nelle due settimane che precedono la dimissione dal centro per il trattamento residenziale, e che è stata pensata per permettergli di:

  • comunicare con gruppi di sostegno tra pari ed esperti di dipendenza;
  • monitorare tempestivamente per valutare il rischio di recidiva;
  • avere a disposizione un promemoria e avvisi per incoraggiare l’aderenza agli obiettivi terapeutici (per esempio avvisi che segnalano la vicinanza pericolosa di bar o locali);
  • usufruire di materiale didattico e strumenti di misurazione personalizzati sulle esigenze individuali
  • avere accesso in rete a risorse selezionate
  • disporre della comunicazione one-touch con il curante

Durante lo studio 349 pazienti con dipendenza da alcol sono stati assegnati, per un anno, in modo casuale a un programma di trattamento residenziale standard ( n = 179) o a un trattamento standard a cui era aggiunto l’uso di ACHESS ( n = 170 ).

I risultati indicano che i pazienti che hanno utilizzato l’applicazione hanno riferito un minor numero di giorni a rischio di consumo alcolico (quando il paziente beve nell’arco di due ore più di 4 bevande alcoliche standard, tre per le donne) rispetto ai controlli, con una media di 1,37 giorni a rischio in meno nel gruppo ACHESS. Una bevanda standard è una birra piccola, un bicchiere di vino o un misurino di distillato. I pazienti che hanno utilizzato ACHESS hanno anche avuto maggiori probabilità di rimanere lontani dall’alcol.

ARGOMENTI CORRELATI:

ALCOOL - DIPENDENZE - PSICOLOGIA & TECNOLOGIA

ARTICOLO CONSIGLIATO:

Dream: On – un App per fare sogni d’oro – Psicologia & Tecnologia

 

 

BIBLIOGRAFIA:

 

State of Mind © 2011-2014 Riproduzione riservata.
Argomenti
Categorie
Tags
Condividi
Messaggio pubblicitario
Messaggio pubblicitario

Argomenti

Iscriviti alla Newsletter

Consigliaci su Facebook

Messaggio pubblicitario

Seguici su Twitter

Guardaci su Youtube

Messaggio pubblicitario

Messaggio pubblicitario

Articoli consigliati del mese

Chi sta visualizzando questa pagina

1 utente