Messaggio pubblicitario

La simulazione di patologia in ambito giuridico – Psicologia

Simulazione: Simulare e dissimulare come due facce di una realtà, due processi che compromettono il nucleo significativo della relazione medico-paziente.

ID Articolo: 41949 - Pubblicato il: 23 aprile 2014
Messaggio pubblicitario Università di Psicologia Milano - SFU 01-2017
Condividi

Cristina Fratini

 

 

La simulazione di patologia in ambito giuridico. -Immagine: © ra2 studio - Fotolia.comSimulare e dissimulare come due facce di una realtà nascosta e unica, due processi che compromettono il nucleo significativo della relazione medico-paziente.

Mettere in scena una malattia mentale, mostrare in modo esagerato dei sintomi psichici, fingere di non avere problemi quando invece si è afflitti da una condizione morbosa a carattere psichiatrico, sono tutti comportamenti accomunati dal fatto che il soggetto che li mette in atto, riferisce una menzogna rispetto alla malattia presentata, con motivazioni e finalità che possono essere completamente differenti.

La possibilità che un paziente manifesti un quadro clinico che non ha un’effettiva corrispondenza con la sua realtà psicologica, oppure presenti dei sintomi che non corrispondono alla sua esperienza sensoriale, è certamente più frequente di quanto il clinico ritenga di solito.

Il problema della simulazione va ben al di là del fenomeno in sé e per sé considerato e investe il nucleo significativo della relazione medico-paziente: il contratto basato su un rapporto di reciproca fiducia.

In un setting valutativo come quello peritale è normale che il periziando/vittima/convenuto faccia il suo gioco autotutelante e cerchi di ottenere il massimo vantaggio con il minimo rischio. Simulare una malattia psichiatrica è azione dai molti risvolti positivi per l’interessato: in ambito penale, non dover rispondere agli interrogatori; non dover partecipare al processo; invalidare la credibilità di testimonianze; godere di trasferimenti in reparti clinici o psichiatrici o di misure diverse dalla custodia cautelare in carcere; vedersi riconosciuto un vizio di mente al momento del fatto e via dicendo.

In ambito civile i vantaggi possono essere il vedersi riconosciuto un danno biologico di natura psichica a varia genesi e dinamica; ottenere una pensione; godere di un favorevole riconoscimento del danno e via discorrendo. Porre un’ipotesi di simulazione crea facilmente una condizione di conflitto tale da far precipitare la relazione medico-paziente. Da questa situazione si generano le innumerevoli difficoltà che s’incontrano, sia sotto il profilo medico-legale sia sotto il profilo prettamente psichiatrico, quando ci si trova nella condizione di dovere differenziare una patologia vera da una patologia simulata (Ferracuti S., Parisi L. & Coppotelli A., 2007).

L’analisi psicopatologica è l’unica che può dimostrare se è per lo meno lecito dubitare del “significato di malattia” e discriminare i veri malati da quelli che tali non sono (Fornari, 2011). Una definizione di simulazione che tutt’oggi può essere ritenuta valida a livello operativo è quella di Callieri e Semerari (1959): “un processo psicologico caratterizzato dalla decisione cosciente di riprodurre, imitandoli, sintomi patologici, e di mantenere tale imitazione per un tempo più o meno lungo e con l’aiuto di uno sforzo continuo fino al conseguimento dello scopo, quando il simulatore non si renda conto dell’inutilità del suo atteggiamento”.

Il concetto di simulazione porta con sè il tema della dissimulazione in cui chi mente nasconde, minimizza certe informazioni senza dire effettivamente nulla di falso, fa trasparire solo in parte la propria sofferenza e i segni della malattia.

Come afferma Bruno (2000): “simulare e dissimulare possono essere considerati due facce di una realtà nascosta e unica, due soci che sono tutt’uno come la patologia e il benessere. Negare la realtà e affermare i desideri: non sempre illegale è la simulazione. Ottenere un beneficio e conservare un ruolo: non sempre immorale è la simulazione. Divenire quello che non si è, o che si pensa di non essere”.

Messaggio pubblicitario Da un punto di vista pratico le difficoltà sono legate alla varietà di tipologie cliniche di simulazione messe in atto dal soggetto. Verranno di seguito elencate le patologie che maggiormente vengono simulate senza però entrare nello specifico dei comportamenti che il simulatore mette in atto.

La simulazione di schizofrenia è rara e la si osserva in contesti psichiatrico-forensi a carattere penale, di solito per reati gravi e ci si riferisce al simulatore cosciente, ossia alla persona che in piena lucidità attua una serie di comportamenti e riferisce dei sintomi che hanno come scopo quello di accreditare la presenza di una schizofrenia. Le motivazioni sono varie: valutazione di pericolosità sociale e, in ambito civile, evitare licenziamenti, cambi di ruolo lavorativo, mobbing. Molto frequente è la dissimulazione nei procedimenti di adozione o affidamento dei minori.

La sindrome di Ganser: stato crepuscolare isterico durante il quale il detenuto cerca di recitare la parte del malato di mente, in conformità con quello che egli ritiene essere la malattia mentale.

I quadri depressivi sono simulati per finalità medico-legali che rientrano prevalentemente nella possibilità di ottenere un beneficio in relazione alla detenzione o al riconoscimento di un danno biologico. In sedi civilistiche si osserva anche la dissimulazione di condizioni depressive in corso di perizie di affidamento di minori da parte di uno dei genitori.

La simulazione di amnesia la troviamo molto spesso negli indagati o imputati di fatti di sangue che affermano di essere amnesici del fatto oppure nei casi di valutazioni di danno biologico a seguito di traumi. 

Il Disturbo Post-traumatico da Stress è simulato maggiormente per ragioni economiche. I sintomi principali sono ben conosciuti per la loro frequente rappresentazione attraverso i media e sono facilmente simulabili perché non verificabili.

I disturbi fittizzi e la sindrome di Munchausen sono condizioni cliniche non direttamente determinate da agenti patogeni esterni o processi degenerativi interni; questi pazienti “scelgono” di rendersi malati per una “necessità psicologica” che appare slegata dall’idea di ottenere da tale scelta vantaggi materiali riconoscibili.

In conclusione, si evidenzia come la simulazione di patologia sia un campo che a tutt’oggi necessita di approfondimenti poichè ricco di fenomeni che non consentono una facile soluzione e che richiedono necessariamente l’interazione di diversi punti di vista. Alla luce di tutto ciò appare idonea la frase di Lunghi “il limite della simulazione è l’immaginazione umana”.

ARGOMENTI CORRELATI:

PSICOLOGIA GIURIDICA E PERITALE – LINGUAGGIO E COMUNICAZIONE

ARTICOLO CONSIGLIATO:

Smascherare il bugiardo si può: tecniche facial action coding system e body coding system

 

 

 

BIBLIOGRAFIA:

VOTA L'ARTICOLO
(voti: 4, media: 5,00 su 5)
State of Mind © 2011-2017 Riproduzione riservata.
Condividi
Messaggio pubblicitario SCUOLA DI PSICOTERAPIA
Messaggio pubblicitario centro psicoterapia
  • Rob

    Secondo me non è ben definibile cosa sia la simulazione in ambito
    psichiatrico. Per stabilire cosa è falso bisognerebbe riuscire a
    delineare oggettivamente cosa è vero, e in ambito psichiatrico si è in
    alto mare. Se la malattia mentale fosse costituita da una sorta di
    agente patogeno che invade il cervello o cose del genere potremmo
    stabilire chi è il vero malato avendo a disposizione una specie di
    cartina di tornasole, ma se la malattia che si vuol definire è
    costituita da una serie di atteggiamenti, pensieri e comportamenti come
    si fa a stabilire chi è il vero malato?
    Ad esempio la depressione…
    Cos’è? Il set di comportamenti, azioni, pensieri che definiscono cosa
    significhi “essere depressi” può avere molteplici cause motivazionali, e
    tra queste potrebbero esserci anche quelle che hanno a che fare con
    vantaggi e svantaggi sociali.
    Alla fine non è che un depresso è
    falsamente depresso se sta così perché ogni giorno deve andare a
    lavorare e “non vuole andarci più”, non è meno depresso di altri dal mio
    punto di vista, sono solo i motivi che inducono la mente di quella
    persona a farla comportare in certi modi che possono essere diversi, ma i
    comportamenti possono essere molto simili.
    Si osserva la cosa solo
    dal punto di vista legale, ma se ci pensiamo bene anche una famiglia può
    rappresentare un piccolo tribunale in cui si esprimono giudizi e via
    dicendo e la persona si trova costretta in qualche modo a tenere certi
    atteggiamenti per ottenere quello che davvero desidera o per minimizzare
    certi danni.
    Potremmo dire ad un qualsiasi cosiddetto “malato di
    mente” che fa il malato e che non lo è davvero malato… poi insomma la
    malattia di mente cos’è?
    Per me rappresenta un modo di agire e di
    porsi socialmente che dipende da un disagio esistenziale perciò “chi
    simula è malato di mente” comunque e “chi è malato simula”, non sono
    nettamente distinguibili queste opzioni per me.
    Quando davvero “non
    conviene più” al soggetto, ossia sono venute meno le varie tendenze che
    spingevano la mente di questa persona a funzionare in certi modi e
    comportarsi in certi modi, la persona non si comporterà più così. La
    malattia mentale non si può disgiungere dal contesto sociale
    descrivendola come se esistesse un agente patogeno ben identificabile
    che ha invaso il cervello o come se fosse la frattura di una
    struttura ossea sottostante.
    Provate a dare molti soldi gratis a un gruppo di depressi
    scelti a caso nella popolazione, osserverete che rispetto al gruppo di
    controllo una parte di questi inizierà a star meglio, ma io non
    concluderei che questa parte di persone in realtà non era depressa,
    riterrei solo che la depressione di questi soggetti qua era legata
    soprattutto a motivazioni di tipo economico e direi anche che una cura
    del genere risulterebbe efficace per questi soggetti, anche se
    dispendiosa.
    Io direi anzi che i malati di mente non sono malati
    affatto, vivono la loro vita in modo disagiato e cercano equilibri
    migliori, ma in tal senso sono un po’ malati tutti quanti, solo questo
    può essere vero.

Argomenti

Scritto da

Sono citati nel testo

Iscriviti alla Newsletter

Consigliaci su Facebook

Messaggio pubblicitario

Seguici su Twitter

fluIDsex – Identità & Sessualità

fluIDsex sessualità fluida

Messaggio pubblicitario

Segui il canale Youtube

Messaggio pubblicitario

Chi sta visualizzando questa pagina

1 utente