Messaggio pubblicitario ISC - Workshop Janina Fisher - fino al 28 febbraio

Depressione

Depressione: che cos'è la depressione, quali sono i trattamenti più efficaci e le modalità di cura. Sintomi e diagnosi per la depressione

Leggi tutti gli articoli che parlano di Depressione
Condividi

DEFINIZIONE DI DEPRESSIONE

La Depressione è un disturbo dell’umore. Generalmente chi presenta i sintomi della depressione mostra e prova frequenti e intensi stati di insoddisfazione e tristezza e tende a non provare piacere nelle comuni attività quotidiane. Le persone che soffrono di depressione vivono in una condizione di costante malumore e con pensieri negativi e pessimisti circa sé stessi e il proprio futuro.

DEPRESSIONE: LEGGI TUTTI GLI ARTICOLI

Spesso la depressione nasce dall’incapacità di accettare una perdita o il non raggiungimento di un proprio scopo (che viene vissuto come un fallimento insuperabile). Si tratta per esempio di tutte le forme depressive che nascono da lutti personali piuttosto che dalla perdita del lavoro o dalla rottura di un’importante relazione affettiva.

La sintomatologia tipicamente è più intensa al mattino e migliora nel corso della giornata, ma vi sono delle eccezioni. La depressione può manifestarsi con diversi livelli di gravità.

Alcune persone presentano sintomi della depressione di bassa intensità, legati ad alcuni momenti di vita, mentre altre si sentono cosi depresse da non riuscire a svolgere le normali attività quotidiane.

Si può soffrire di depressione in modo acuto (con fasi depressive molto intense ed improvvise) oppure soffrirne in modo cronico e continuo, anche se in forma leggera, con alcuni improvvisi momenti di peggioramento.

Spesso i parenti spronano chi ne soffre a reagire. Questo avviene naturalmente in buona fede, ma può generare sentimenti di colpa nella persona con disturbo depressivo. In circa il 15% dei casi la depressione diventa un disturbo cronico con una durata di oltre 3 anni. Si hanno ricadute nel 50% dei casi. Dopo una prima ricaduta la probabilità di ricadere aumenta fino al 75%.

 

QUANTO E’ DIFFUSA LA DEPRESSIONE

Messaggio pubblicitario ASPIC FINO A 11 MARZO 2018 Molte persone sperimentano emozioni e sensazioni fortemente negative nell’arco della propria vita. Nel mondo si stima che circa 340 milioni di persone soffrano di depressione. La fascia di età più colpita è quella compresa tra 30 e 49 anni. Il disturbo depressivo è circa due volte più frequente tra le donne. Nel corso degli ultimi anni la prevalenza della depressione è aumentata costantemente e allo stesso tempo l’età di insorgenza è diminuita. Attualmente la depressione è considerata  dall’Organizzazione Mondiale della Sanità la seconda causa di disabilità nel panorama delle malattie fisiche e psicologiche, seconda solo all’infarto.

 

QUALI SONO I SINTOMI DELLA DEPRESSIONE?

Sentirsi depressi significa vedere il mondo attraverso degli occhiali con le lenti scure: tutto sembra più opaco e difficile da affrontare, anche alzarsi dal letto al mattino o fare una doccia. Molte persone depresse hanno la sensazione che gli altri non possano comprendere il proprio stato d’animo e che siano inutilmente ottimisti.

I sintomi della depressione più comuni sono la perdita di energie, senso di fatica, difficoltà nella concentrazione e memoria, agitazione motoria e nervosismo, perdita o aumento di peso, disturbi del sonno (insonnia o ipersonnia), mancanza di desiderio sessuale e dolori fisici. Le emozioni tipiche sperimentate da chi è soffre di disturbo depressivo sono la tristezza, l’angoscia, disperazione, insoddisfazione, senso di impotenza, perdita della speranza, senso di vuoto.

I sintomi cognitivi sono la difficoltà nel prendere decisioni e nel risolvere i problemi, la ruminazione mentale (restare a pensare al proprio malessere e alle possibili ragioni), autocriticismo e autosvalutazione, pensiero catastrofico e pensiero pessimista. I comportamenti che contraddistinguono la persona depressa sono l’evitamento delle persone e l’isolamento sociale, i comportamenti passivi, frequenti lamentele, la riduzione dell’attività sessuale e i tentativi di suicidio.

 

QUALI SONO LE CAUSE DELLA DEPRESSIONE?

La depressione può colpire chiunque. Le cause della depressione possono essere molteplici e diverse da persona a persona (ereditarietà, ambiente sociale, lutti familiari, problemi di lavoro,…). Le ricerche mostrano tuttavia la presenza di due fattori di rischio principali come cause della depressione:

  • il fattore biologico: alcune persone nascono con una maggiore predisposizione genetica verso la depressione;
  • il fattore psicologico: le esperienze e i comportamenti appresi nel corso della propria storia di vita (es: la ruminazione mentale) possono rendere vulnerabili alla depressione.

 

QUALI SONO LE CONSEGUENZE DELLA DEPRESSIONE?

Le conseguenze della depressione possono rappresentare importanti ripercussioni sulla vita di tutti i giorni. L’attività scolastica o lavorativa della persona può diminuire in quantità e qualità soprattutto a causa dei problemi di concentrazione e di memoria che tipicamente presentano le persone depresse. Questo disturbo, inoltre, porta al ritiro sociale e con il tempo danneggia le relazioni con il/la partner, figli, amici e colleghi. L’umore della persona depressa condiziona anche il rapporto con sé stessi e il proprio corpo. Tipicamente, infatti, chi è depresso ha difficoltà a curare il proprio aspetto, mangiare e dormire in modo regolare.

Depressione - Immagine: 69125527

FA PARTE DEI DISTURBI DELL’UMORE:

Articoli

Recensione di Terapia Metacognitiva dei disturbi d’Ansia e della Depressione. (A. Wells)

Recensione di Terapia Metacognitiva dei disturbi d’Ansia e della Depressione. (A. Wells)

Psicoterapia e Scienza: Recensione del saggio Terapia Metacognitiva dei disturbi d’ansia e della depressione, di Adrian Wells

La relazione tra Grassi “cattivi” e l’insorgere di sintomi depressivi

La relazione tra Grassi “cattivi” e l’insorgere di sintomi depressivi

Lo studio ha indagato il possibile legame tra l’assunzione di differenti sottotipi di grassi e lo sviluppo di sintomi depressivi.

Precario il Lavoro, Stabile l’Ansia – Il Ritratto Psicologico di una Generazione

Precario il Lavoro, Stabile l’Ansia – Il Ritratto Psicologico di una Generazione

Lavoro Precario: non solo condizione lavorativa priva delle sicurezze economiche e contrattuali, ma anche uno stato psicologico ed emotivo.

Vivere da Soli Aumenta il Rischio di Depressione

Vivere da Soli Aumenta il Rischio di Depressione

Il rischio di depressione è quasi l’80% in più per chi vive da solo rispetto a chi vive in qualsiasi tipo di gruppo sociale o familiare.

Storie di Terapie #4 – Marco nelle canne

Storie di Terapie #4 – Marco nelle canne

CASI CLINICI DI PSICOTERAPIA #4 – ..Marco lavora tutto il giorno e, quando torna la sera, si chiude in una nuvola di cannabis e videogiochi.

Memorie Traumatiche e Ruminazione

Memorie Traumatiche e Ruminazione

Ruminazione: pensare in modo ripetitivo astratto, giudicante e focalizzato sui “perché” è dannoso per il recupero da un evento traumatico.

Mario Monti come e perché…

Mario Monti come e perché…

Riuscite a immaginare Mario Monti che dice: “Solo in questo paese succede che…”, “Solo in Italia…”, “L’Italia non è un paese normale…”?

Psicologia e Tecnologia: nuova App per Smartphones contro la Depressione

Psicologia e Tecnologia: nuova App per Smartphones contro la Depressione

Un App per smartphone in grado di avvisarti che sei depresso: terapisti virtuali e nuove tecnologie per trattare la depressione.

Nuovo trattamento per la Depressione: Transcranial Direct Current Stimulation.

Nuovo trattamento per la Depressione: Transcranial Direct Current Stimulation.

Nuovo studio: stimolare il cervello con una debole corrente elettrica sarebbe un trattamento sicuro ed efficace per la depressione.

Mangia la cipolla che ti passa

Mangia la cipolla che ti passa

Perfino il cervello trae benefici dalla cipolla: sembra infatti che funga da antidepressivo, ipotesi confermata da uno studio giapponese.

Addestramento al “Pensiero concreto” come auto-cura per la depressione.

Addestramento al “Pensiero concreto” come auto-cura per la depressione.

I sintomi depressivi possono essere trattati “semplicemente” attraverso l’addestramento ad uno stile di pensiero orientato per obiettivi.

Mamma triste in gravidanza e dopo il parto: una concordanza vantaggiosa?

Mamma triste in gravidanza e dopo il parto: una concordanza vantaggiosa?

Sorprendenti gli esiti di un nuovo studio su maternità e depressione pubblicato da Psychological Science.

Lavorare per più di 11 ore al giorno predispone a un episodio di depressione maggiore

Lavorare per più di 11 ore al giorno predispone a un episodio di depressione maggiore

Lavorare per 11 ore o più al giorno non solo affatica l’individuo ma lo espone a un maggior rischio di sviluppare episodi di depressione maggiore.

REFRAMED: Dialectical Behaviour Therapy per il trattamento della depressione refrattaria.

REFRAMED: Dialectical Behaviour Therapy per il trattamento della depressione refrattaria.

“REFRAMED” (REFRActory Depression: Mechanisms and Efficacy of Dialectical Behaviour Therapy) è il primo trial clinico finalizzato a verificare l’estendibilità dei principi della DBT al trattamento della depressione refrattaria.

L’impronta della violenza sul nostro cervello

L’impronta della violenza sul nostro cervello

La violenza subita in famiglia sembra aumentare la sensibilità e la capacità dei bambini di intercettare potenziali stimoli minacciosi nell’ambiente. “Assistere a violenze” o “esserne vittima” poco importa, entrambe mettono in scacco la speranza di sopravvivere e facilitano il rapido incremento della capacità di captare indizi pericolosi.

“Dottore, ora ho paura di non ruminare più come prima…”

“Dottore, ora ho paura di non ruminare più come prima…”

Bene, questo paziente stava chiedendo al terapeuta di aiutarlo a scoprire altre strategie più funzionali da sostituire al ruminare. Ma stava anche chiedendo, a mio parere, di dargli il tempo di abituarsi a “stare” con un po’ di paura, a tollerare un po’ di incertezza e ad “accettare” quel “nuovo

Le basi biologiche della depressione maggiore
Neuroscienze

Le basi biologiche della depressione maggiore

la ricerca ha sviluppato anche altri sistemi per descrivere le basi biologiche della depressione, come l’osservazione delle alterazioni strutturali e funzionali del cervello, misurate con la risonanza magnetica, l’individuazione di schemi di espressione genica nelle cellule bianche del sangue e l’analisi post-mortem del tessuto cerebrale in di persone depresse.

Perchè Why è meglio di How nei problemi quotidiani dei pazienti depressi?

Perchè Why è meglio di How nei problemi quotidiani dei pazienti depressi?

Effetti disfunzionali del pensiero ripetitivo e effetti negativi della focalizzazione sul depressive mood (Ingram & Smith, 1984; Carver & Scheier, 1990; Watkins & Teasdale, 2001; Watkins, 2004)

Messaggio pubblicitario ECO - Master 2018 - Fino a 31 marzo
Messaggio pubblicitario centro psicoterapia

Messaggio pubblicitario