Messaggio pubblicitario

La formazione degli insegnanti influisce sul benessere psicologico degli studenti

Secondo un recente studio, per una più efficace gestione dei contesti scolastici complessi gli insegnanti dovrebbero cercare di costruire solide relazioni con i bambini e ignorare i comportanti lievemente negativi presenti all’interno della classe per focalizzare maggiormente l’attenzione sui comportamenti corretti.

ID Articolo: 156973 - Pubblicato il: 13 settembre 2018
La formazione degli insegnanti influisce sul benessere psicologico degli studenti
Condividi

Gli insegnanti devono essere formati in maniera adeguata alla gestione di contesti scolastici oggi sempre più complessi che includono bambini e adolescenti con diversi disturbi del comportamento.

Giovanni Belmonte

 

Messaggio pubblicitario All’interno dei contesti scolastici, i bambini che presentano dei disturbi del comportamento possono rendere più complessa e impegnativa l’esecuzione delle normali attività.

In particolare, tra i bambini che presentano un elevato livello di attività all’interno delle classi, vi sono coloro che presentano:

  • Disturbo da deficit di attenzione e iperattività (ADHD): caratterizzato da inattenzione, ad esempio è facilmente distraibile dagli stimoli esterni; iperattività, in classe si alza spesso quando dovrebbe stare seduto; e impulsività, interrompe o si intromette in attività di coetanei o adulti
  • Disturbo oppositivo provocatorio: caratterizzato da umore arrabbiato o irritabile, ad esempio spesso perde il controllo; e comportamenti polemici/sfidanti o vendicativi, ad esempio, litiga spesso con adulti, bambini e adolescenti
  • Disturbo della condotta: caratterizzato da una tendenza stabile alla violazione delle regole e dei diritti altrui, come aggressione a persone o animali

Un nuovo programma di formazione per gli insegnanti per affrontare contesti scolastici complessi

In questo contesto, tutt’altro che semplice da gestire, una nuova ricerca condotta dall’Università di Exeter Medical School, pubblicata su Psychological Medicine, ha studiato l’applicazione di uno specifico programma di formazione chiamato Incredible Years Teacher Classroom Management Program.

I principi fondamentali, su cui esso si basa, includono la costruzione di solide relazioni sociali tra insegnanti e bambini e l’importanza di ignorare i comportanti lievemente negativi che spesso sono presenti all’interno delle classi, per focalizzare maggiormente l’attenzione sui comportamenti corretti.

Lo studio

Lo studio STARS (Supporting Teachers and Children in Schools) è stato finanziato dal National Institute for Health Research (NIHR) con lo scopo di promuovere un maggior benessere sociale ed emotivo, dato che precedenti ricerche mostravano che circa il 10% dei bambini presentava uno stato di salute mentale a rischio. In particolare, la condizione più comune e persistente è rappresentata dai gravi problemi comportamentali dei bambini con disturbi della condotta.

I risultati dello studio sono stati misurati tramite una combinazione di questionari compilati da insegnanti, genitori e bambini stessi; in più, una serie di osservatori indipendenti hanno partecipato alle lezioni in un quarto delle scuole incluse nella ricerca, senza sapere se gli insegnanti avessero intrapreso o meno il percorso di formazione.

Il professor Tamsin Ford, presso l’University of Exeter Medical School, ha affermato:

Dai nostri risultati è emerso che questo percorso di formazione favorisce uno stato di benessere psicologico in tutti bambini, ma è particolarmente importante aver osservato un beneficio maggiore sui bambini che inizialmente presentavano delle difficoltà comportamentali, cognitive, relazionali etc..

Messaggio pubblicitario NETWORK CLINICA Inoltre, a parte i miglioramenti della salute mentale, del comportamento e della concentrazione, gli insegnanti hanno particolarmente apprezzato il percorso di formazione e l’hanno ritenuto molto utile. Ad esempio, alcuni insegnati come Sam Scudder, presso la scuola Withycombe Raleigh di Exmouth, e Kate Holden, della scuola elementare di Ipplepen, hanno messo in evidenza che ignorare i comportamenti lievemente negativi, che interrompono spesso le attività curriculari, e lodare i comportamenti corretti come, ad esempio, i bambini che ascoltano in silenzio, generava un miglioramento del clima di classe, e permetteva anche che questi bambini non venissero ignorati dagli insegnanti, troppo spesso occupati a interrompere i comportamenti lievemente scorretti e disturbanti messi in atto da altri bambini.

VOTA L'ARTICOLO
(voti: 3, media: 5,00 su 5)

Consigliato dalla redazione

ADHD e scuola strategie e indicazioni didattiche per gli insegnanti

ADHD: strategie didattiche e consigli per gli insegnanti

Gli insegnanti che si trovano a dover gestire bambini con ADHD è opportuno che conoscano la diagnosi e strategie adeguate da utilizzare a scuola.

Bibliografia

State of Mind © 2011-2018 Riproduzione riservata.
Condividi
Messaggio pubblicitario DEFAULT SU NETWORK FORMAZIONE
Messaggio pubblicitario NETWORK CLINICA 2 - footer right

Messaggio pubblicitario

Argomenti

Scritto da

Sono citati nel testo

Riviste scientifiche

Categorie