Messaggio pubblicitario

La ricerca smentisce: intimità sessuale e declino cognitivo in terza età non sembrano essere tra loro connessi – FluIDsex

Diverse ricerche hanno indagato se e come la frequenza dell'attività sessuale e il tasso di declino cogntivo possano essere correlati nelle persone anziane. A sorpresa, un recente studio sembra dimostrare che non esiste in realtà alcuna correlazione tra questi due fattori.

ID Articolo: 155399 - Pubblicato il: 06 giugno 2018
La ricerca smentisce: intimità sessuale e declino cognitivo in terza età non sembrano essere tra loro connessi – FluIDsex
Messaggio pubblicitario SFU Presentazioni Settembre 2018
Condividi

Il declino cognitivo, in particolare delle prestazioni della memoria, non sembra  essere correlato all’ attività sessuale o alla vicinanza emotiva con il proprio partner.

 

Messaggio pubblicitario La letteratura ha mostrato varie volte come le persone anziane che godono di una vita sessualmente attiva ed emotivamente stretta con il proprio partner tendono a migliorare nei test cognitivi rispetto alle persone anziane inattive sessualmente. In particolare, un precedente lavoro sperimentale aveva stabilito come l’ attività sessuale migliora la memoria episodica e la salute cognitiva di roditori, ovvero l’ attività sessuale ha stimolato la crescita dei neuroni presenti nell’ippocampo, regione cerebrale deputata alle attività mnemoniche (Andreano & Cahill, 2009; Leuner, Glasper & Gould, 2010; Wright & Jenks, 2016).

L’anno precedente era stato pubblicato sul The Journals of Gerontology (series B) uno studio della Coventry University e Oxford University su un campione umano, nel quale emergeva come un’ attività sessuale regolare fosse collegata al miglioramento della funzione cerebrale negli anziani (73 soggetti di età compresa tra i 50 e gli 83 anni), in particolare in compiti di fluidità verbale ed in compiti visuo-spaziali (Wright et al., 2017).

Esiste davvero una relazione tra attività sessuale e declino cognitivo?

Nel presente studio, condotto da Mark Allen della Wollongong University (Australia), vengono presi in considerazione i dati di 6000 adulti maggiori di 50 anni (media 66 anni, deviazione standard 8 anni) e ciò che emerge è in contrasto con quanto emerso nei precedenti studi: non esiste alcun legame tra attività sessuale e tasso di declino cognitivo.

Nonostante diversi fattori legati allo stile di vita, tra i quali livelli di istruzione, abitudini di consumo di fumo e alcol e livelli di attività fisica giochino un ruolo nella velocità e nell’estensione del declino cognitivo dell’anziano, l’ attività sessuale non sembra rientrare in questi fattori. In particolare, l’autore ha indagato se l’ attività sessuale continua e l’esperienza della vicinanza emotiva con un partner hanno qualche effetto sulla memoria e sul suo decadimento.

Messaggio pubblicitario NETWORK CLINICA I dati analizzati da Allen fanno parte degli elementi registrati durante lo studio longitudinale inglese dell’invecchiamento (ELSA) tenutosi dal 2012 al 2014. Il bagaglio di dati contenuti in questo studio include informazioni sulla salute, sulla dieta, sul benessere e sullo stato socio-economico di un gruppo di 6016 adulti inglesi, i quali hanno completato compiti di memoria episodica ed un questionario in cui hanno riportato la frequenza di attività intime (baci, contatto sessuale e rapporti sessuali).

Ciò che è emerso è stato un calo generale del punteggio al test di memoria proporzionale all’aumentare dell’età, in tutti i partecipanti. L’autore ha infatti dichiarato:

Il declino delle prestazioni della memoria nel tempo non era correlato all’ attività sessuale o alla vicinanza emotiva durante l’ attività sessuale associata.

In base ai risultati ottenuti, Allen non può riconfermare quanto emerso da precedenti studi rispetto al miglioramento cognitivo come conseguenza di un’ attività sessuale frequente.


 

HAI UNA DOMANDA? Clicca sul pulsante per scrivere al team di psicologi fluIDsex. Le domande saranno anonime, le risposte pubblicate sulle pagine di State of Mind.

La rubrica fluIDsex è un progetto della Sigmund Freud University Milano.

Sigmund Freud University Milano

VOTA L'ARTICOLO
(voti: 7, media: 5,00 su 5)

Consigliato dalla redazione

45 Anni 2015 Il tempo, la passione e il corpo nella coppia – Recensione del film

45 Anni (2015) Il tempo, la passione e il corpo nella coppia – Recensione del film

'45 Anni' diretto da A.Haigh, esplora il privato di una coppia e dei loro quarantacinque anni di vita insieme, ora alle prese con uno spettro del passato

Bibliografia

State of Mind © 2011-2018 Riproduzione riservata.
Condividi
Messaggio pubblicitario DEFAULT SU NETWORK FORMAZIONE
Messaggio pubblicitario NETWORK CLINICA 2 - footer right

Messaggio pubblicitario

Argomenti

Sono citati nel testo

Riviste scientifiche

Categorie