A casa tutti bene (2018) di Gabriele Muccino – Recensione del film

A casa tutti bene di G. Muccino confronta la coppia e la famiglia tradizionale con i nuclei famigliari di oggi. Sotto la lente d'ingrandimento finiscono anche la rigidità piuttosto che la flessibilità delle regole e dei ruoli e il modo di affrontare -o non- affrontare il confilitto

ID Articolo: 155311 - Pubblicato il: 12 giugno 2018
A casa tutti bene (2018) di Gabriele Muccino – Recensione del film
Messaggio pubblicitario SFU BANNE MAGISTRALE 2018-03
Condividi

A casa tutti bene è il titolo del nuovo film diretto da Gabriele Muccino, uscito da pochi giorni nelle sale cinematografiche italiane, forte di un cast corale che vede nomi come quello di Stefano Accorsi, Pierfrancesco Favino, Massimo Ghini, Giammarco Tognazzi, Stefania Sandrelli e Claudia Gerini.

A casa tutti bene: una famiglia costretta su un’isola

Alba e Pietro festeggiano le loro nozze d’oro e invitano figli e nipoti su questa loro isoletta volutamente a parer mio utilizzata come chiave simbolica. Il programma come per tutte quelle occasioni di festeggiamento implicitamente imposte da questa nostra società è cerimonia, pranzo e ritorno.  Il traghetto però, causa mal tempo, non riesce a riportare indietro gli invitati costringendoli a rimanere sull’isola; questo mette in moto forti emozioni e costringe gli ospiti a far fronte a scomode verità. Le buone maniere crollano, gli atteggiamenti di circostanza cedono, gli altarini si scoprono, il tutto in uno stile Mucciniano tornato finalmente alle origini. Isterico e nevrotico, ma non troppo, il tema portante del film è la famiglia ed i valori che essa rappresenta.

Messaggio pubblicitario

Paragonando la famiglia ad un palcoscenico, è facile rendersi conto di quanti ruoli è possibile giocare al suo interno, anche in funzione del suo tempo ciclico che permette l’intrecciarsi e il susseguirsi di vite diverse, nonché l’alternarsi delle generazioni.

I modi e le strategie per vivere insieme sono molteplici, ma ognuna fa capo al particolare momento di ciclo vitale che si sta vivendo: lo svincolo dalla famiglia d’origine e la decisione di crearsi una propria famiglia, la vita di coppia, la nascita dei figli, le cure per la loro crescita, l’allontanamento dei figli, di nuovo la vita di coppia ma nella condivisione della vecchiaia.

Sono tutti momenti questi in cui l’assetto di base della struttura familiare deve essere riformulato, momenti di “crisi”, dove si rende necessaria la rielaborazione delle regole e dei confini al suo interno per ripristinare l’equilibrio delle relazioni e dei ruoli.

A casa tutti bene: coppie di ieri e di oggi a confronto

Come seguire le regole del ciclo della famiglia se questo ciclo oramai è diverso? Arricchito, deprivato, svalutato, il ciclo della famiglia non segue più rigidamente queste regole, questo ciclo di vita, e nel film il tema è ampiamente trattato, da più punti di vista.

Lo stampo tradizionale è raccontato da Alba e Pietro che festeggiano le loro nozze d’oro e invitano i tre figli e i diversi nipoti. Sono benestanti, sono solidali tra loro, sono belli da vedere, mentre cercano in ogni modo di sorreggere i figli ormai adulti, ormai apparentemente formati, in quelle situazioni anomale che loro non comprendono, o meglio, che loro magari hanno affrontato diversamente, avendo vissuto con i principi della coppia tradizionale. In quelle vecchie coppie ci si rifugia, si trova certezza, conforto, forza. Coppie da ammirare, che sono state brave a tener duro insieme, a non far trapelare mai il sicuro momentaneo cedimento. Può sembrare che queste coppie non abbiano subito mai paure, rabbia, noia, tradimenti e invece certo che hanno subito, ma hanno continuato a costruire anche nelle difficoltà. Costruire richiede costanza, costruire è mettere in conto che qualche volta qualcosa si può rompere, costruire è pazienza, chi crede nel voler costruire va avanti e nei cedimenti trova risorse per migliorare, fortificare. Costruire è amare sempre e comunque quella persona, perché si sceglie di continuare a farlo, nonostante tante cose.

Carlo, Paolo e Sara invece? I tre figli che da una coppia cosi solida avrebbero dovuto trarre esempio che cosa ci raccontano? Ci raccontano la modernità generazionale portando non pochi spunti di riflessione.

Carlo con la sua doppia famiglia tutta al femminile. Paolo, artista, libertino, un po’ zingaro e dedito solo a se stesso. Sara: apparentemente inserita in un contesto famigliare tradizionale ma tradita, consapevolmente, dal marito.

A casa tutti bene: cosa offre la famiglia moderna

Messaggio pubblicitario NETWORK CLINICA

Quanto è difficile di questi tempi perseguire e mantenere un valore così importante come quello della famiglia? E’ un valore fondamentale da cui scaturiscono tutte le nostre diverse particolarità di vita, che ci condiziona, soprattutto nella costruzione della nostra identità.

Il ciclo di vita della famiglia come accennato è in continuo riassestamento. Nella famiglia tradizionale la condizione fondamentale per l’attuazione del cambiamento e il raggiungimento del nuovo equilibrio risultano essere l’elasticità, la non rigidità delle regole e delle relazioni e la facoltà di riformulare i ruoli; si tratta di armi a doppio taglio, soprattutto oggi e soprattutto in quelle famiglie dove i ruoli sono altresì fragili e confusi. Il conflitto invece? E’ un altro elemento chiave da un punto di vista evolutivo per la famiglia, gioca un ruolo cruciale. Saperlo gestire risulta più difficile del suo superamento, soprattutto nelle famiglie “modificate” che non devono cedere a sensi di colpa o all’opposto a ferrea rigidità, in quanto portatore di nuovi elementi della costruzione del sé.

Muccino descrive la famiglia e lo fa senza troppi fronzoli, siamo una generazione confusa, troppo libera, dove il venir meno di una buona e marcata definizione di ruoli ha degradato calore e conforto. Ognuno di noi proietta nel proprio desiderio di famiglia molte cose, desideri agli antipodi alle volte. Chi ha vissuto nella tradizione necessità di libertà, chi in una famiglia allargata ha desiderio di tradizione.

Paolo dice alla mamma “Vorrei solo avere una vita normale”, Alba lo conforta, gli risponde “ Le vite normali non esistono” e se la frase arriva da una figura cosi tradizionale, possiamo ancora ben sperare.

A CASA TUTTI BENE – IL TRAILER

VOTA L'ARTICOLO
(voti: 1, media: 5,00 su 5)

Consigliato dalla redazione

Wonder: un film sulla diversità, l'inclusione e la famiglia - Recensione del film

Wonder: un film sulla diversità, l'inclusione e la famiglia - Recensione del film

Wonder è un film tratto dall'omonimo romanzo che parla di diversità, inclusione ma anche di famiglia, senso di sé e adolescenza.
State of Mind © 2011-2018 Riproduzione riservata.
Condividi
Messaggio pubblicitario DEFAULT SU NETWORK FORMAZIONE
Messaggio pubblicitario NETWORK CLINICA 2 - footer right

Messaggio pubblicitario

Argomenti

Scritto da