Messaggio pubblicitario

Vittime di stupro: quando la mancata ribellione va sotto processo. L’ignoranza della legge sui vissuti traumatici di chi subisce un’aggressione sessuale.

Le sentenze assolutorie verso gli abusanti non solo non rendono giustizia alle vittime di stupro, ma peggiorano l’impatto dell’episodio traumatico, amplificando emozioni di colpa e vergogna intrinsecamente connesse all’aggressione subita.

ID Articolo: 154572 - Pubblicato il: 07 maggio 2018
Vittime di stupro: quando la mancata ribellione va sotto processo.  L’ignoranza della legge sui vissuti traumatici di chi subisce un’aggressione sessuale.
Messaggio pubblicitario SFU Presentazioni Settembre 2018
Condividi

Qualche giorno fa, in Spagna, è stata emessa una sentenza che ha indignato il Paese provocando un’ondata di proteste. Nel 2016 un gruppo di cinque uomini violentò in branco una diciottenne durante la festa di San Firmino, a Pamplona (Ciai, 2018). Dato che la legge spagnola distingue fra abuso sessuale e stupro, dove nel primo caso si esclude violenza o intimidazione, la corte ha condannato gli imputati alla pena più lieve, adducendo come motivazione la mancata reazione della ragazza, che non si è ribellata, ma ha subito il drammatico evento stando ferma con gli occhi chiusi per tutto il tempo.

 

Messaggio pubblicitario Un episodio analogo accadde a Torino nel 2017, quando l’imputato fu assolto dall’accusa di violenza sessuale proprio a causa della mancata reazione della vittima (Muntoni, 2017). La legge italiana, a differenza di quella spagnola, riconosce lo status di vittima a chi subisce un’aggressione sessuale, di qualunque natura: ogni atto sessuale non consenziente è considerato una violenza. E lo è, senza dubbio.

Tuttavia, l’applicazione della pena è ancora troppo suscettibile d’interpretazioni che rivelano la necessità di fare maggiore chiarezza, e forse anche maggiore cultura, sul trauma e i vissuti che lo accompagnano e sui comportamenti che ne conseguono, in questo caso l’immobilità e il silenzio. La vittima non reagisce perché sta subendo un trauma, non perché l’impatto dell’evento sia minimo.

Per chiunque si occupi di trauma è infatti evidente come questo genere di sentenze siano l’espressione di un enorme gap fra ciò che clinica e ricerca in ambito traumatologico hanno rivelato negli ultimi decenni e ciò che si riscontra nelle aule di tribunale, dove chi, peritus peritorum, emette le sentenze, ignorando ciò che avviene davvero nel cervello di una vittima di aggressione.

Che cosa succede, dunque, durante un’aggressione sessuale? Che cosa vive in quel momento chi la subisce?

La teoria polivagale di Stephen Porges (2014) ci aiuta a comprendere reazioni che a volte appaiono incomprensibili, incluse quelle che si notano in molte vittime di stupro. Quando ci si sente in pericolo, nel nostro cervello si attiva immediatamente il sistema di difesa. Immediatamente nel senso letterale del termine: questa reazione repentina, infatti, non è mediata dalle zone corticali, dalle funzioni superiori, ma si sviluppa nella parte evolutivamente più antica del cervello, il tronco encefalico, in cui hanno sede gli istinti che ci accomunano con gli altri animali.

Questo significa che le reazioni di difesa non sono il frutto di una decisione volontaria e razionale, ma sono automatiche, non controllabili e producono il comportamento che il cervello in quel momento ritiene più utile alla sopravvivenza. Quattro sono le possibili risposte del sistema di difesa: freezing, fight, flight e faint.

Il freezing, o congelamento, è immobilità tonica: è quello che succede al cervo in mezzo alla strada, che s’immobilizza quando arriva un’auto. In quel momento il corpo è bloccato, ma i muscoli sono in tensione, pronti a scattare non appena il cervello, sempre a livello automatico e involontario, avrà valutato il comportamento più utile alla sopravvivenza da mettere in atto. Nel frattempo l’immobilità consente di essere meno visibili ai predatori. Poi ci sono le reazioni di attacco (fight) o fuga (flight).

Faint, immobilità ipotonica

Messaggio pubblicitario NETWORK CLINICA L’ultima, e più importante in relazione a questi casi di aggressione sessuale, è l’immobilità ipotonica (faint): quando nessuna delle reazioni precedenti pare utile a fronteggiare il pericolo, l’unica risposta possibile è la brusca riduzione del tono muscolare, accompagnata da una ridotta percezione di ciò che sta accadendo in quel momento, un distacco dall’esperienza. I centri inferiori si disconnettono da quelli superiori (Liotti e Farina, 2011). Come l’opossum pare morto sotto attacco del predatore, la vittima di aggressione perde il controllo del proprio corpo che collassa per l’attivazione del sistema dorso-vagale, a volte fino allo svenimento. Molte vittime di stupro raccontano proprio questo tipo di esperienza: si subisce l’aggressione senza avere più il controllo del proprio corpo, senza poter muovere un muscolo, senza poter nemmeno parlare o gridare. In alcuni casi l’esperienza dissociativa è talmente forte che ci si vede da fuori nella scena, come se stesse capitando a qualcun altro.

Questo è molto più frequente negli stupri di gruppo, dove il senso di pericolo per la propria vita e l’impotenza sono ancora più estremi. Ecco perché la giovane spagnola non ha gridato, non si è ribellata ai suoi aggressori. Non perché fosse consenziente, ma perché il suo sistema di difesa ha stabilito che restare immobile e non reagire fosse il modo migliore per sopravvivere in quella situazione.

Purtroppo il sistema giudiziario non tiene conto di tutto ciò e giudici e avvocati non sono sufficientemente informati sul trauma e i vissuti ad esso correlati. E’ un problema molto serio quello sollevato da certi casi di cronaca, che dovrebbero costringere a riflettere sulla necessità di lavorare alla costruzione e diffusione di una cultura del trauma che tuteli le vittime e, riconoscendone il danno, le aiuti ad affrontare il difficile cammino di superamento ed elaborazione del trauma stesso. Le sentenze assolutorie verso gli abusanti, infatti, non solo non rendono giustizia alle vittime, ma peggiorano l’impatto dell’episodio traumatico, amplificando emozioni di colpa e vergogna intrinsecamente connesse all’aggressione subita.

VOTA L'ARTICOLO
(voti: 5, media: 4,60 su 5)

Consigliato dalla redazione

Gli aspetti psicologici della violenza sessuale: perché il silenzio? Il senso di colpa nelle vittime di violenza

Gli aspetti psicologici della violenza sessuale: perché il silenzio? Il senso di colpa nelle vittime di violenza

Spesso le vittime di violenza sessuale vivono nel silenzio: vergogna e senso di colpa possono portare alla decisione di non denunciare lo stupro subito

Bibliografia

 

 

 

 

State of Mind © 2011-2018 Riproduzione riservata.
Condividi
Messaggio pubblicitario DEFAULT SU NETWORK FORMAZIONE
Messaggio pubblicitario NETWORK CLINICA 2 - footer right

Messaggio pubblicitario

Scritto da

Sono citati nel testo

Categorie