Messaggio pubblicitario

Festa in onore del Prof. Ezio Sanavio

In occasione della chiusura della carriera accademica del Prof. Ezio Sanavio, la festa in suo onore all'Università di Padova

ID Articolo: 154880 - Pubblicato il: 15 maggio 2018
Festa in onore del Prof. Ezio Sanavio
Messaggio pubblicitario SFU Presentazioni Settembre 2018
Condividi

È stata una bella celebrazione quella del 9 maggio in onore di Ezio Sanavio che chiudeva la sua carriera accademica. La festa è avvenuta nell’aula magna “Cesare Musatti” dell’Università di Padova dove il prof. Sanavio ha insegnato fino a quest’anno.

Di fronte alla platea sono sfilati amici e colleghi del professore, ora professori illustri e ora clinici dediti all’artigianato del lavoro sul campo. Tutti hanno raccontato sia ricordi personali, ora commossi e ora divertenti, che i risultati scientifici e clinici di un lavoro pluridecennale. Dagli inizi della psicoterapia cognitiva e comportamentale italiana ai giorni nostri, tutto è stato narrato senza risparmiare nulla.

Abbiamo così appreso che malgrado il grande successo internazionale del Padua Inventory- uno dei pochi questionari non provenienti da un paese anglo-sassone diventati un golden standard dell’accertamento cognitivo comportamentale- il prof. Ezio Sanavio detesta i test e non tiene in gran conto questo che è il suo prodotto scientifico più famoso. Un po’ come Petrarca, se ci perdonate la sorridente ironia di paragonare il prof. Sanavio al grande poeta, che sottovalutava il suo capolavoro, il Canzoniere, a favore di altre opere meno note. E però è bene anche dare ascolto al professore e porre attenzione a questi suoi figli meno noti, prima di tutti il CBA (cognitive behavioural assessment), il pacchetto di valutazione e accertamento cognitivo di cui è così orgoglioso (Sanavio, 2002). Oppure il manuale del 1991, una delle opere più esaustive sulla psicoterapia cognitiva e comportamentale.

Lo raccontano Davide Dettore, Paolo Moderato e Sandra Sassaroli, tra i colleghi più noti a festeggiarlo. Lo raccontano anche le colleghe del suo staff clinico Susanna Pizzo e Silvana Cilia, e infine i suoi allievi più giovani, Davide Coradeschi, o i colleghi clinici come Emilio Franceschina. E anche quelli anziani che hanno condiviso con lui perfino gli anni di università, come Cesare Cornoldi, suo coinquilino negli anni di studio.

Una carriera compiuta insomma, fondamentale nell’introdurre in Italia i concetti prima del funzionalismo comportamentale e poi della terapia cognitiva e comportamentale, attenta a custodire i principi più rigorosi di questo approccio ma anche ad aprirsi alle integrazioni nel senso migliore del termine o ai nuovi sviluppi di scuola processuale.


Sandra Sassaroli intervista il Prof. Ezio Sanavio per State of Mind:

 

VOTA L'ARTICOLO
(voti: 8, media: 4,75 su 5)

Consigliato dalla redazione

Nasce la Consulta delle Scuole di Psicoterapia cognitivo-comportamentali: Intervista a Ezio Sanavio - Immagine: 74362160

Nasce la Consulta delle Scuole di Psicoterapia cognitivo-comportamentale: Intervista a Ezio Sanavio

State of Mind intervista il prof. EzioSanavio che parla della nascita della Consulta delle scuole di Psicoterapia cognitivo-comportamentale - Psicoterapia

Bibliografia

  • Sanavio, E. (1991). Psicoterapia Cognitiva e Comportamentale. Roma: Carocci.
  • Sanavio, E. (2002). Le Scale CBA. Milano: Cortina.
State of Mind © 2011-2018 Riproduzione riservata.
Condividi
Messaggio pubblicitario DEFAULT SU NETWORK FORMAZIONE
Messaggio pubblicitario NETWORK CLINICA 2 - footer right
Diventare Psicoterapeuta

Messaggio pubblicitario

Argomenti

Sono citati nel testo