Messaggio pubblicitario

Mancanza di coordinazione tra aree cerebrali? Possibile causa di disturbi dell’attenzione

Secondo un recente studio, la mancanza di sincronizzazione tra corteccia prefrontale e ippocampo può portare a disturbi seri, tra cui il disturbo dell’attenzione.

ID Articolo: 154283 - Pubblicato il: 24 aprile 2018
Mancanza di coordinazione tra aree cerebrali? Possibile causa di disturbi dell’attenzione
Messaggio pubblicitario SFU Presentazioni Settembre 2018
Condividi

I disturbi da deficit dell’attenzione potrebbero derivare da una compromissione della coordinazione tra alcune aree cerebrali.

Lucia Marangia

 

I ricercatori del Case Western Reserve University School of Medicine, hanno scoperto che due regioni del cervello, la corteccia prefrontale e l’ippocampo, lavorano normalmente insieme per mantenere l’ attenzione. Contrariamente, la mancanza di sincronizzazione tra queste regioni cerebrali può portare a disturbi seri, tra cui il disturbo dell’attenzione , il disturbo bipolare e la depressione maggiore.

Messaggio pubblicitario Le persone con deficit dell’attenzione hanno difficoltà a focalizzare e spesso mostrano comportamenti compulsivi.

Il nuovo studio suggerisce che questi sintomi potrebbero essere dovuti ad una disfunzione del gene ErbB4. L’attività di questo gene è già stata correlata, in ricerche precedenti, a diversi disturbi psichiatrici ma ora, secondo questo nuovo studio, si afferma che il gene ErbB4 sia necessario alla coordinazione di una cascata di segnali cerebrali indispensabili per sincronizzare la corteccia prefrontale e l’ippocampo.

Lo studio pubblicato su Neuron è stato condotto su topi ed ha coinvolto i processi di attenzione selettiva top-down. L’ attenzione può essere o “bottom-up” (dal basso verso l’alto), e si verifica quando alcuni input ambientali ci catturano indipendentemente dalla volontà, o al contrario “top-down” (dall’alto verso il basso), quando utilizziamo la capacità di selezionare determinati stimoli per un probabile vantaggio o premio.

L’ attenzione top-down è orientata quindi al raggiungimento dell’obiettivo e collegata alla messa a fuoco: le persone che non dispongono di un’ attenzione top-down efficiente sono ad alto rischio per il disturbo da deficit dell’ attenzione.

 

 

VOTA L'ARTICOLO
(voti: 4, media: 4,00 su 5)

Consigliato dalla redazione

State of Mind - Il Giornale delle Scienze Psicoogiche - Flash News

Fattori genetici implicati nelle capacità attentive e nello sviluppo di ADHD

Specifici deficit delle capacità attentive sono risultati associati in varia misura ad un cluster di geni collegato con il fattore di rischio per l’ADHD.

Bibliografia

State of Mind © 2011-2018 Riproduzione riservata.
Condividi
Messaggio pubblicitario DEFAULT SU NETWORK FORMAZIONE
Messaggio pubblicitario NETWORK CLINICA 2 - footer right

Messaggio pubblicitario

Argomenti

Scritto da

Riviste scientifiche

Categorie