Utilizzo dei social network e peggioramento del rendimento scolastico?

E' stato dimostrato che l'utilizzo dei social media da parte degli adolescenti non peggiora necessariamente lo studio scolastico.

ID Articolo: 152482 - Pubblicato il: 05 marzo 2018
Utilizzo dei social network e peggioramento del rendimento scolastico?
Messaggio pubblicitario SFU BANNE MAGISTRALE 2018-03
Condividi

I giovani che usano i social media (tra cui Snapchat, Instagram, Musically, Facebook) peggiorano nello studio scolastico rispetto a quelli che non li usano?

 

Gli studi sull’uso dei social media e lo studio

Messaggio pubblicitario Un progetto di ricerca finanziato dalla German Research Foundation (DFG) ha esaminato 59 studi (condotti su circa 30000 giovani di tutto il mondo) che affrontano la correlazione tra uso dei social media e rendimento scolastico per trovare una risposta di fronte alle preoccupazioni riguardanti le presunte conseguenze dei social network sulle prestazioni scolastiche.

Gli studi analizzati presentano dati contrastanti: alcune analisi riportano gli impatti negativi dell’uso dei social media, mentre altri studi ne riferiscono l’influenza positiva. Infine, esistono studi che non hanno trovato alcuna relazione tra utilizzo dei social network e le prestazioni scolastiche.

Nello specifico questi sono i dati emersi:

Gli alunni che usano Instagram e social network durante lo studio e lo svolgimento dei compiti tendono ad avere risultati peggiori rispetto agli altri studenti. Una possibile spiegazione può risiedere nel fatto che compiere più attività contemporaneamente diventa dispersivo anziché produttivo.

Gli alunni che utilizzano intensamente i social media per comunicare con i compagni su argomenti relativi alla scuola (compiti, verifiche, etc.) tendono ad avere voti leggermente più alti dei compagni che non lo fanno.

Un piccolo effetto è stato riscontrato nei voti degli studenti che trascorrono molto tempo sui social network, pubblicando regolarmente messaggi e/o foto: essi ottengono voti leggermente inferiori rispetto agli altri studenti.

Messaggio pubblicitario NETWORK CLINICA Gli alunni che sono molto attivi sui social media (ovvero coloro che pubblicano regolarmente contenuti sui propri profili social) non dedicano meno tempo allo studio rispetto a coloro che sono meno attivi sui social network.

In base ai risultati ottenuti, Markus Appel sostiene che “le preoccupazioni riguardanti le presunte conseguenze disastrose dei siti di social networking sulle prestazioni scolastiche sono infondate”. L’uso dei social media non sembra avere un impatto negativo significativo sui voti scolastici.

Il professor Appel consiglia comunque ai genitori di interessarsi ai social media e alle possibili attività online a cui i giovani aderiscono. Questo gli permetterà di comprendere le modalità di utilizzo dei social e di comunicare in modo più efficace con i propri figli.

VOTA L'ARTICOLO
(voti: 8, media: 5,00 su 5)

Consigliato dalla redazione

Microblogging e ansia sociale gli effetti positivi della condivisione sui social network

Social network e salute psicologica: meglio postare o star soli? Gli effetti positivi del microblogging su chi soffre di ansia sociale

Il microblogging è un utile canale di comunicazione delle emozioni per chi soffre d' ansia sociale, che spesso è solo nel gestire i propri stati emotivi

Bibliografia

State of Mind © 2011-2018 Riproduzione riservata.
Condividi
Messaggio pubblicitario DEFAULT SU NETWORK FORMAZIONE
Messaggio pubblicitario NETWORK CLINICA 2 - footer right

Messaggio pubblicitario

Argomenti

Scritto da

Sono citati nel testo

Categorie