Messaggio pubblicitario

La Vita di Galileo nell’opera di Brecht: l’importanza della ricerca della verità

Nell'opera teatrale Vita di Galileo di Brecht è centrale il tema della ricerca della verità nella scienza, nonostante le resistenze della società.

ID Articolo: 151633 - Pubblicato il: 02 febbraio 2018
La Vita di Galileo nell’opera di Brecht: l’importanza della ricerca della verità
Condividi

La ricerca della verità è uno dei temi chiave della Vita di Galileo, l’opera teatrale di Bertold Brecht, che forse molti ricordano grazie alla magnifica messa in scena di Giorgio Strehler.

Diletta Bufo

 

Le resistenza del mondo ecclesiastico alle scoperte di Galileo Galilei

Messaggio pubblicitario Siamo nel 1610. Galilei, docente di matematiche a Padova, scopre che in Olanda è stato inventato il telescopio. Lo scienziato pisano non perde tempo: perfeziona lo strumento e, per la prima volta, lo punta verso il cielo. Servendosi dell’arnese, scopre fenomeni celesti che confermano il sistema copernicano. Galileo, colto dall’entusiasmo, si presenta al Collegio romano, la più alta istituzione scientifica dell’epoca, per dimostrare la fondatezza delle sue ricerche. Con l’amico Sagredo, pochi giorni prima, ironizza: “Li agguanterò per il collarino e li pianterò davanti al mio telescopio […] Io chiederò loro soltanto di credere ai loro occhi.”

Le speranze dello studioso svaniscono presto. Monaci ed aristotelici rifiutano di guardare il cielo con il cannocchiale. La verità, così evidente per Galilei, non la è altrettanto per l’autorità religiosa. Per emergere ha bisogno di conoscenza. Ma soprattutto, una volta esplicitata, la verità porta con sé conseguenze e responsabilità. Il Collegio non può credere al sistema eliocentrico, che spazzerebbe via un’idea radicata nella società fino al Seicento: l’uomo – la Terra – è al centro del mondo.

Fino a quel momento essere scienziato voleva dire essere prima teologo. Laddove per anni ha dominato la fede, oggi – grazie a Galilei, l’inventore del metodo scientifico – domina il dubbio. L’elemento alla base delle ricerche attuali, nel campo della medicina, della fisica, della chimica dove si procede per tentativi, e dove ogni cosa è vera fino a prova contraria.

La ricerca della verità esaltata dell’opera teatrale di Brecht

Il Galileo di Brecht se la prende, non tanto con Aristotele, ma con gli aristotelici: Aristotele non ce l’aveva il telescopio! Il filosofo di Stagira non poteva arrivare a tali conclusioni, perché non esistevano ancora gli strumenti. Non a caso, nella quarta scena, Galilei pronuncia queste parole: “La verità è figlia del tempo. La verità non sempre è assoluta, talvolta è in fieri, in perenne divenire, muta a seconda del periodo storico.”

In questo caso non è accettata, tanto che, nell’undicesima scena del testo di Brecht, Galileo è convocato a Roma dall’Inquisizione. E’ il 22 giugno 1633: lo scienziato, non appena l’autorità gli mostra gli strumenti di tortura, rinnega la sua dottrina della rotazione della Terra. Dopotutto, è un essere umano con debolezze e paure. Vive fino alla morte in una villa nei dintorni di Firenze, prigioniero dell’Inquisizione. Quando Andrea, il suo studente prediletto, lo va a trovare, forse un po’ deluso dall’abiura del maestro, scopre qualcosa.

Messaggio pubblicitario NETWORK CLINICA Lo scienziato continua le sue ricerche, ma ha il dovere di consegnare tutto ciò che scrive alla Chiesa. Dove sta il colpo di scena? Di ogni pagina che scrive fa una copia, che da tempo aspetta di consegnare ad Andrea, che esclama: “Avete nascosto la verità contro il nemico!”. La scienza, risponde lo studioso, non ha che un imperativo: contribuire alla scienza.

Andrea partirà per l’Olanda, dove le ricerche di Galileo potranno essere finalmente pubblicate. Anche negli ultimi momenti del testo teatrale riaffiora il concetto da cui siamo partiti: ciò che è chiaro ed evidente, come la verità, spesso non si vede. Il giovane viene fermato dalle guardie, che controllano tutto il bagaglio, senza prestare attenzione all’unico libro che Andrea tiene in mano. Se non lo nasconde significa che non c’è da preoccuparsi, pensano scioccamente le autorità. Naturalmente, si tratta del saggio che il ragazzo ha appena ricevuto in dono dal grande scienziato. Così, i Discorsi delle nuove scienze di Galileo Galilei oltrepassano i confini d’Italia.

VOTA L'ARTICOLO
(voti: 4, media: 5,00 su 5)

Consigliato dalla redazione

Lucia dilammermoor di Gaetano Donizetti

La follia d'amore in Lucia di Lammermoor, l'opera lirica di Gaetano Donizetti - Psicologia a Teatro

Un amore femminile capace di deformare la realtà in modo delirante: La lirica di Donizetti ci racconta perchè l'Amore non può stare senza Follia
State of Mind © 2011-2018 Riproduzione riservata.
Condividi
Messaggio pubblicitario DEFAULT SU NETWORK FORMAZIONE
Messaggio pubblicitario NETWORK CLINICA 2 - footer right

Messaggio pubblicitario

Argomenti

Scritto da