Messaggio pubblicitario

Depressione: persino i profumi non sono più gli stessi – Correlazioni tra sintomi depressivi e capacità olfattive

Pazienti depressi presentano alterazioni in strutture anatomiche implicate nei processi olfattivi, che portano al diminuire delle loro capacità olfattive

ID Articolo: 152168 - Pubblicato il: 23 febbraio 2018
Depressione: persino i profumi non sono più gli stessi – Correlazioni tra sintomi depressivi e capacità olfattive
Condividi

L’esame delle strutture cerebrali dei pazienti depressi ha messo in evidenza alcune modificazioni in strutture anatomiche implicate anche nella neurofisiologia dei processi olfattivi. Si potrebbe dunque supporre che nei pazienti depressi si verifica non solo un abbassamento del tono dell’umore, ma anche una diminuzione delle loro capacità olfattive.

 

Messaggio pubblicitario Attualmente si stima che il 15% della popolazione mondiale soffra di disturbi mentali. Si ritiene, inoltre, che una percentuale compresa fra l’8% e il 12% abbia avuto un episodio depressivo nel corso del ciclo di vita. L’esame delle strutture cerebrali dei pazienti depressi ha messo in evidenza alcune modificazioni che si riscontrano a diversi livelli nel sistema prefrontale limbico. Molte di queste strutture anatomiche sono anche implicate nella neurofisiologia dei processi olfattivi. Alla luce di ciò, si può supporre che nei pazienti depressi si verifica non solo un abbassamento del tono dell’umore, ma anche una diminuzione delle loro capacità olfattive.

Keywords: depressione, funzioni olfattive, sistema limbico

Depressione: dal sistema limbico ai processi olfattivi

Attualmente si stima che il 15% della popolazione mondiale soffra di disturbi mentali (Atasanova e al., 2008; Prince e al., 2007). Si ritiene, inoltre, che una percentuale compresa fra l’8% e il 12% abbia avuto un episodio depressivo nel corso del ciclo di vita (Croy e al., 2014). Relativamente al genere, le donne sono più a rischio rispetto agli uomini e, fra le fasce d’età, quella dei giovani adulti, con un’età compresa fra 18 e 44 anni, ha una maggiore probabilità di ammalarsi di depressione (Hischfeld e Cross, 1982).

L’esame delle strutture cerebrali dei pazienti depressi ha messo in evidenza delle modificazioni che si riscontrano a diversi livelli nel sistema prefrontale limbico, ovvero nella corteccia orbitofrontale, nella corteccia cingolata anteriore e posteriore, nell’ippocampo, nell’amigdala, nell’insula e nel talamo (Hoflich e al., 2012).

Messaggio pubblicitario NETWORK CLINICA Alcune di queste strutture anatomiche sono anche implicate nella neurofisiologia dei processi olfattivi. Infatti, le tecniche di neuroimaging hanno confermato che le emozioni e gli odori sono elaborati prevalentemente nelle stesse strutture cerebrali, quali l’ipotalamo, l’amigdala, la corteccia orbitofrontale e l’insula (Zald e Pardo, 2000). Questo è spiegato dal fatto che, a livello embriogenetico, il bulbo olfattivo dà origine al sistema limbico, che è responsabile dei processi emozionali (Kohli e al., 2016).

Nel cervello umano il bulbo olfattivo e l’ippocampo sono le uniche aree nelle quali è stata dimostrata una neuroplasticità postnatale, inclusa la neurogenesi (Altman, 1969; Boldrini e al., 2009). Relativamente agli episodi depressivi maggiori, diverse ricerche (Murray e al., 2008; Sahay e Hen, 2007; Snyder e al., 2011) hanno riscontrato che durante il loro decorso diminuisce il volume dell’ippocampo e la capacità di neurogenesi di esso. A questo riguardo, si ipotizza che l’azione di alcuni farmaci antidepressivi vada ad incrementare il volume dell’ippocampo e la sua capacità di neurogenesi (Boldrini e al., 2009).

Il bulbo olfattivo nei processi depressivi

Anche il bulbo olfattivo sembra implicato nei processi depressivi. Nei ratti, per esempio, la distruzione/rimozione del bulbo olfattivo determina una forma depressiva. Per spiegare tale fenomeno è stata avanzata l’ipotesi che la bulbectomia olfattiva crei una disfunzione nel sistema limbico (Song e Leonard, 2005). Ancora, gli studi di neuroimaging hanno dimostrato che esiste una riduzione del volume del bulbo olfattivo in pazienti che soffrono di depressione (Negoias e al., 2010). Alla luce di questo, si può ipotizzare che una disfunzione del bulbo olfattivo possa alterare non solo la funzione olfattiva, ma anche incrementare i sintomi depressivi (Negoias e al., 2010; Pause e al., 2001). Alcune ricerche, a tal proposito, hanno avanzato l’ipotesi che i trattamenti terapeutici per la depressione, sia farmacologici che psicoterapeutici, migliorano e incrementano le funzioni olfattive (Yuan e al., 2014; Naudin e al., 2012; Swiecicki e al., 2009).

In conclusione, si può supporre che nei pazienti depressi si verifica non solo un abbassamento del tono dell’umore, ma anche una diminuzione delle loro capacità olfattive (Taalman e al., 2017).

VOTA L'ARTICOLO
(voti: 6, media: 4,00 su 5)

Consigliato dalla redazione

Olfatto e stress: odorare il profumo del proprio partner abbassa i livelli di cortisolo

Portare con sé un oggetto che profuma del proprio partner aiuta a ridurre i livelli di stress

Secondo una recente ricerca, le donne che annusano un oggetto del proprio partner riportano livelli di cortisolo più bassi sia prima che dopo lo stress test

Bibliografia

  • Altman, J. (1969). Autoradiographic and histological studies of postnatal neurogenesis. IV. Cell proliferation and migration in the anterior forebrain, with special reference to persisting neurogenesis in the olfactory bulb. J Comput Neurosci, 137(4):433–57. DOI:10.1002/cne.901370404
  • Atanasova, B., Graux, J., El Hage, W., Hommet, C., Camus, V., Belzung, C. (2008). Olfaction: a potential cognitive marker of psychiatric disorders. Neurosci Biobehav Rev, 32(7):1315–25. DOI:10.1016/j.neubiorev.2008.05.003
  • Boldrini, M., Underwood, M., Hen, R., Rosoklija, G., B., Dwork, A., J., John Mann, J. (2009). Antidepressants increase neural progenitor cells in the human hippocampus. Neuropsychopharmacol J, 34:2376–89. DOI:10.1038/npp.2009.75
  • Croy, I., Symmank, A., Schellong, J., Hummel, C., Gerber, J., Joraschky, P. (2014). Olfaction as a marker for depression in humans. J Affect Disord, 160:80–6. DOI:10.1016/j.jad.2013.12.026
  • Hirschfeld, R., Cross, C. (1982). Epidemiology of affective factors. Arch Gen Psychiatry, 39:35–46. DOI:10.1001/archpsyc.1982.04290010013003
  • Hoflich, A., Baldinger, P., Savli, M., Lanzenberger, R., Kasper, S. (2012). Imaging treat-ment effects in depression. Rev Neurosci, 23:227–52. DOI:10.1515/ revneuro-2012-0038
  • Kohli, P., Soler, Z., M., Nguyen, S., A., Muus, J., S., Schlosser, R., J. (2016). The association between olfaction and depression: a systematic review. Chem Senses, 41:479–86. DOI:10.1093/chemse/bjw061
  • Murray, F., Smith, D., Hutson, P. (2008). Chronic low dose corticosterone exposure decreased hippocampal cell proliferation, volume and induced anxiety and depression like behaviors in mice. Eur J Pharmacol, 583:115–27. DOI:10.1016/j.ejphar.2008.01.014
  • Naudin, M., El-Hage, W., Gomes, M., Gaillard, P., Belzung, C., Atanasova, B. (2012). State and trait olfactory markers of major depression. PLoS One, 7(10): e46938. DOI:10.1371/journal.pone.0046938
  • Negoias, S., Croy, I., Gerber, J., Puschmann, S., Petrowski, K., Joraschky, P. (2010). Reduced olfactory bulb volume and olfactory sensitivity in patients with acute major depression. Neuroscience, 169(1):415–21. DOI:10.1016/j. neuroscience.2010.05.012
  • Pause, B., M., Miranda, A., Goder, R., Aldenhoff, J.,B., Ferstl, R. (2001). Reduced olfactory performance in patients with major depression. J Psychiatr Res, 35(5):271–7. DOI:10.1016/S0022-3956(01)00029-2
  • Prince, M., Patel, V., Saxena, S., Maj, M., Maselko, J., Phillips, M., R. (2007). No health without mental health. Lancet, 370(9590):859–77. DOI:10.1016/ S0140-6736(07)61238-0
  • Sahay, A., Hen, R. (2007). Adult hippocampal neurogenesis in depression. Nat Neurosci, 10:1110–5. DOI:10.1038/nn1969
  • Snyder, J., Soumier, A., Brewer, M., Pickel, J., Cameron, H., A. (2011). Adult hippocampal neurogenesis buffers stress responses and depressive behavior. Nature, 476:458–61. DOI:10.1038/nature10287
  • Song, C., Leonard, B., E. (2005). The olfactory bulbectomised rat as a model of depression. Neurosci Biobehav Rev, 29(4–5):627–47. DOI:10.1016/j. neubiorev.2005.03.010
  • Swiecicki, L., Zatorski, P., Bzinkowska, D., Sienkiewicz-Jarosz, H., Szyndler, J., Scinska, A. (2009). Gustatory and olfactory function in patients with unipolar and bipolar depression. Prog Neuropsychopharmacol Biol Psychiatry, 33(5):827–34. DOI:10.1016/j.pnpbp.2009.03.030
  • Taalman, H., Wallace, C., Milev, R. (2017). Olfactory Functioning and Depression: A Systematic Review. Front. Psychiatry, 8:190. DOI: 10.3389/fpsyt.2017.00190
  • WHO (2010). ICD 10 International Statistical Classification of Disease and Related Health Problems. 10th ed. Geneva: World Health Organization.
  • Yuan, T., F., Slotnick, B., M. (2014). Roles of olfactory system dysfunction in depression. Prog Neuropsychopharmacol Biol Psychiatry, 54:26–30. DOI:10.1016/j. pnpbp.2014.05.013
  • Zald, D., H., Pardo, J., V. (2000). Functional neuroimaging of the olfactory system in humans. Int J Psychophysiol, 36:165–81. DOI:10.1016/S0167-8760(99)00110-5
State of Mind © 2011-2018 Riproduzione riservata.
Condividi
Messaggio pubblicitario DEFAULT SU NETWORK FORMAZIONE
Messaggio pubblicitario NETWORK CLINICA 2 - footer right

Messaggio pubblicitario