Messaggio pubblicitario ISC - Workshop Janina Fisher - fino al 28 febbraio

La Schema Therapy con i bambini e gli adolescenti (2017) – Recensione

Il Libro “La Schema Therapy con i Bambini e gli Adolescenti”, estende il campo di applicazione del modello all’età evolutiva.

ID Articolo: 150782 - Pubblicato il: 08 gennaio 2018
La Schema Therapy con i bambini e gli adolescenti (2017) – Recensione
Messaggio pubblicitario SFU MAGISTRALE 09-2017 2
Condividi

Il Libro “La Schema Therapy con i Bambini e gli Adolescenti”, di Loose, Graaf e Zarbock, estende all’età evolutiva il campo di applicazione di uno dei più recenti ed efficaci modelli di intervento cognitivo-comportamentale (Young, 1990-1999; Young, Klosko & Weishaar, 2007).

Terenzi Stefano, Claudio Paloscia, Rosario Capo

 

L’adattamento della Schema Therapy all’età evolutiva

Messaggio pubblicitario L’adattamento della Schema Therapy (ST) a questa fascia di età rappresenta, infatti, un ulteriore step nel processo di graduale e costante diffusione di questa terapia nel trattare problematiche di natura psicologica e i disturbi psichiatrici.

La base concettuale, che si adatta bene alla formulazione dei casi in età evolutiva, deriva da differenti orientamenti psicologici e psicoterapici (Cacioppo, Berntson, Larsen, Poehlmann, & Ito, 2000; Cacioppo, Klein, Berntson, & Hatfield, 1993): la Teoria dell’Attaccamento (Ainsworth, 1969), l’Approccio Psicodinamico (Mayer, & Merckelbach, 1999; Wiser, & Goldfried, 1998; Terenzi et al., 2017b), la Terapia Cognitivo-Comportamentale (Beck et al, 1979; Mahoney, 1993), l’Analisi Transazionale (Berne, 1961) e la Psicoterapia della Gestalt (Field, & Horowitz, 1998; Horowitz, & Znoj, 1999).

I costrutti alla base della Schema Therapy

Lo studio dei costrutti e delle metodologie terapeutiche alla base della Schema Therapy è in continua evoluzione (Lavergne et al,2015; Dadomo et al, 2016) e sono sempre più rilevanti i dati a supporto della sua efficacia e validità clinica in un ampio spettro di condizioni cliniche (Terenzi et al., 2017a). Numerose ricerche hanno ormai confermato l’efficacia della Schema Therapy nel trattamento di pazienti adulti con Disturbi di Personalità (DP) del cluster B e nei pazienti resistenti ad altre terapie (McGinn, & Young, 1997; McGinn, Young, & Sanderson, 1995; Young, Beck, & Weinberger, 1993; Young, & Behary, 1998; Young, & Brown, 1991; Young, & Gluhoski, 1996; Arntz, 1999). Altri condizioni su cui la Schema Therapy si è mostrata efficace sono: i DP del Cluster C (Weinbrecht et al., 2016; Hoffard Lunding et al, 2016), i disturbi d’ansia, la depressione cronica (Renner et al., 2015), i disturbi del comportamento alimentare (McIntosh et al, 2016), i problemi di coppia e i disturbi sessuali (Derby et al, 2015), le ricadute nel disturbo da uso di sostanze, le psicosi (Stowkowy et al, 2016) e il Disturbo Ossessivo-Compulsivo (Hopwood, Thomas, 2016).

Il libro “La Schema Therapy con i Bambini e gli Adolescenti”

Gli autori di questo volume hanno messo al servizio del lettore sia i loro studi sulla Schema Therapy sia la loro lunga esperienza di clinici esperti di sviluppo, riuscendo a mostrare in modo chiaro come i principi della Schema Therapy possano essere utilizzati in età evolutiva.

Uno degli autori, Christof Loose, lavora presso l’Istituto di Psicologia Sperimentale – Sezione di Psicologia Clinica dell’Università Heinrich-Heine di Dusseldorf e da diversi anni utilizza la Schema Therapy con i bambini (ST-BA) sperimentandone la sua utilità nel lavoro con i genitori e con i piccoli pazienti. Proprio la caratteristica di questi autori, di essere terapeuti in prima linea, rende “La Schema Therapy con i Bambini e gli Adolescenti” un “libro dalla clinica per la clinica” e lo caratterizza come un “work in progress”.

Il libro si propone, infatti, di diffondere i principi, le tecniche e le procedure della Schema Therapy nel lavoro con i bambini, in modo che i lettori possano sperimentarle nella loro attività clinica e sottoporle a verifica scientifica nel lavoro di ricerca. Nello specifico, il volume si struttura in una prima parte, utile per la comprensione del razionale, in quanto presenta gli aspetti dello sviluppo psicologico nella prospettiva della Schema Therapy (compiti evolutivi, fattori protettivi e di rischio) e il suo modello teorico di base (bisogni primari, schemi, coping e mode). Negli altri capitoli, vengono suggerite tecniche e procedure caratteristiche della ST-BA per gruppi di età.

In particolare, il secondo capitolo è specifico per i neonati e i bambini piccoli; il terzo per l’età pre-scolare; il quarto per l’età scolare; il quinto per gli adolescenti; il sesto per i giovani adulti. Questa suddivisione denota l’attenzione degli autori nell’individuare le strategie di intervento più adeguate alle diverse fasi di sviluppo. Infine, nei capitoli 7 e 8, vengono descritte in modo più dettagliato le procedure utilizzate. Oltre alla presentazione delle due tecniche principali della Schema Therapy (Tecnica delle Due Sedie e Imagery with Rescripting), Loose e coll. ci aiutano a comprendere come il largo uso di pupazzi, burattini, carte da gioco e materiali scenografici possa facilitare la messa in scena delle dinamiche relazionali interpersonali e intrapsichiche dei giovani pazienti. Le tecniche esposte sono spiegate chiaramente e inserite puntualmente nelle diverse fasi del processo terapeutico. Nel capitolo 8, vengono descritte le modalità di lavoro che la ST-BA prevede con i genitori, in particolare, il “coaching” con il papà e la mamma è considerato non solo essenziale nella terapia di bambini con disturbi psichiatrici, ma rappresenta un’importante forma di prevenzione primaria nel modificare le traiettorie evolutive psicopatologiche di bambini a rischio.

Nel capitolo nove, viene descritta la normativa che in Germania regola il pagamento delle psicoterapie da parte delle assicurazioni sanitarie. In particolare, vengono pagate solo le terapie a orientamento psicodinamico-psicoanalitico e le terapie comportamentali. La ST-BA rientra tra le seconde, come terapia comportamentale orientata agli schemi.

Messaggio pubblicitario Attualmente, in Italia, la situazione è diversa. La psicoterapia, indipendentemente dall’orientamento teorico-pratico, viene coperta solo in base al tipo di polizza che la compagnia di assicurazione può offrire. Il capitolo però ci proietta in un probabile scenario futuro dove le polizze probabilmente svolgeranno un ruolo significativo nella nostra professione.

Infine, l’ultimo capitolo offre una panoramica sullo sviluppo e la diffusione della Schema Therapy oltre che sul suo utilizzo come terapia personale e di gruppo. Il metodo della ST-BA è ancora nella sua fase embrionale, ma alcuni gruppi di ricerca hanno iniziato a sperimentarlo in diversi contesti e con più popolazioni cliniche. A riguardo, gli autori invitano altri terapeuti a testare la ST-BA e a far parte del network di clinici che utilizza questo intervento innovativo per l’età infantile e adolescenziale.

Nel complesso il libro appare chiaro, approfondito e di facile lettura. Gli autori spiegano in modo dettagliato il modello e accompagnano il lettore nell’esplorazione dei materiali, delle strategie e delle tecniche con particolare attenzione alle diverse fasi dello sviluppo. In tutto il libro, traspare la passione di Loose e coll. per l’applicazione della Schema Therapy in età evolutiva oltre al desiderio di condividere e confrontare il loro lavoro con gli altri clinici. Il loro invito è di provare il modello, le tecniche e di coinvolgere più clinici nella crescita della ST-BA. Considerati i risultati della Schema Therapy negli adulti e il buon adattamento effettuato dal gruppo di Loose, la ST-BA appare una terapia promettente in ambito evolutivo.

 

VOTA L'ARTICOLO
(voti: 3, media: 5,00 su 5)

Articolo consigliato dall'autore

EABCT 2016

L'efficacia della Schema Therapy e il problema dell'adesione ai protocolli per la CBT

Psicoterapia Cognitivo-Comportamentale: il 46eismo Congresso della Società Europea a Stoccolma 

Bibliografia

  • Arntz, A. (1999). Do personality disorders exist? On the validity of the concept and its cognitive-behavioral. Psychological Review, 19(5), 571-590. doi:10.1016/s0272-7358(98)00060-9.
  • Beck, A. T., Rush, J., Shaw, B., & Emery, G. (1979). Cognitive therapy of Depression. New York: Guilford Press. doi:10.1017/s0033291700055161.
  • Berne, E. (1961). Analisi transazionale e psicoterapia. Roma: Astrolabio-Ubaldini, ISBN 978-88-340-0019-9.
  • Cacioppo J. T., Berntson G. G., Larsen J. T., Poehlmann K. M., Ito T. A. (2000). The psychophysiology of emotion. In: Lewis R, Haviland-Jones JM, editors. The handbook of emotion, 2nd. Edition. New York: Guilford Press;. pp. 173–191.
  • Cacioppo, J. T., Klein, D. J., Berntson, G. G., & Hatfield (1993). The psychophysiology of emotion. In M. Lewis & J. Haviland (eds.), Handbook of emotions. New York: The Guilford press.oi:10.1017/ cbo 978051 15463 96.0 2 5.
  • Dadomo H., Grecucci A., Giardini I., Ugolini E., Carmelita A., Panzeri M. (2016). Schema Therapy for Emotional Dysregulation: Theoretical Implication and Clinical Applications. Front. Psychol. 7:1987. doi: 10.3389/fpsyg.2016.01987.
  • Derby D. S., Peleg-Sagy T. & Doron G. (2015). Schema Therapy in Sex Therapy: A Theoretical Conceptualization, Journal of Sex & Marital Therapy, DOI: 10.1080/0092623X.2015.1113586.
  • Field, N. P., & Horowitz, M. J. (1998). Applying an empty-chair monologue paradigm to examine unresolved grief. Psychiatry, 61(4), 279-287. formulation and treatment. Behaviour Research and Therapy, 37, S97–S134. doi:10.1016/s0005-7967 (99)00052-2.
  • Hoffart Lunding S., Hoffart A. (2014). Perceived Parental Bonding, Early Maladaptive Schemas and Outcome in Schema Therapy of Cluster C Personality Problems. Clin Psychol Psychother. 23(2):107-17.
  • Hopwood C.J., Thomas K.M.(2014). Schema therapy is an effective treatment for avoidant, dependent and obsessive-compulsive personality disorders. Evid Based Ment Health. 17(3):90-1.
  • Horowitz, M., & Znoj, H. (1999). Emotional control theory and the concept of defense: A teaching document. Journal of Psychotherapy Practice and Research, 8(3), 213-224.
  • Lavergne F., Marie N., Mehran F. (2015) The 5 mental dimensions identified in early maladaptive schemas statistical analysis of Young’s schema questionnaire (YSQ-s3). Encephale.;41(4):314-22
  • Mahoney, M. J. (1993). Theoretical developments in the cognitive psychotherapies. Journal of Consulting and Clinical Psychology, 2, 187-193.
  • Mayer, B., & Merckelbach, H. (1999). Unconscious processes, subliminal stimulation, and anxiety. Clinical Psychology, 66(4), 634-640. doi:10.1037/0022-006x.66.4.634.
  • McGinn, L. K., & Young, J. E. (1997). Schema-focused therapy. In P.M. Salkovskis (Ed.), Frontiers of Cognitive Therapy (pp. 182-207). New York: Guilford Press.
  • McGinn, L. K., Young, J. E., & Sanderson, W. C. (1995). When and how to do longer-term therapy without feeling guilty. Cognitive and Behavioral Practice, 2, 187-212. doi:10.1016/s1077-7229(05)80010-0.
  • McIntosh V.V., Jordan J., Carter J.D., Frampton C.M., McKenzie J.M., Latner J.D., Joyce P.R.(2016). Psychotherapy for transdiagnostic binge eating: A randomized controlled trial of cognitive-behavioural therapy, appetite-focused cognitive-behavioural therapy, and schema therapy. Psychiatry Research. 240:412-20.
  • Renner F., Arntz A., Peeters F.P., Lobbestael J., Huibers M.J. (2016). Schema therapy for chronic depression: Results of a multiple single case series. Journal of Behavior Therapy Exp Psychiatry. 51:66-73.
  • Stowkowy J., Liu L., Cadenhead K.S., Cannon T.D., Cornblatt B.A., McGlashan T.H., Perkins D.O., Seidman L.J., Tsuang M.T., Walker E.F., Woods S.W., Bearden C.E., Mathalon D.H., Heinssen R., Addington J. (2015). Core Schemas in Youth at Clinical High Risk for Psychosis. Behav Cogn Psychother. 44(2):203-13.
  • Terenzi S., Carmelita A., Capo R. (2017a) Schema Therapy: Ricerca e Sviluppo. L’altro. Roma. Anno XX. N.1.
  • Terenzi S., Carmelita A., Capo R. (2017b). Schema Therapy ed elementi di psicologia dinamica. Il modello e la sua evoluzione. Elementi di psicoterapia psicodinamica. Cultura e Professione: la Rivista della Psicologia Italiana. Editoriale Anicia. Roma (In Publ.).
  • Weinbrecht A., Schulze L., Boettcher J., Renneberg B. (2016). Avoidant Personality Disorder: a Current Review. Current Psychiatry Rep. 18(3):29.
  • Wiser, S., & Goldfried, M. R. (1998). Therapist interventions and client emotional experiencing in expert psychodynamic-interpersonal and cognitive-behavioral therapies. Journal of Consulting and Clinical.
  • Young, J. E., & Behary, W. T. (1998). Schema-Focused Therapy for personality disorders. In N. Tarrier, A. Wells, & G. Haddock (Eds.), Treating complex cases: The cognitive behavioural therapy approach (pp. 340–376). hicester: Wiley. doi:10.1017/s1352465801233128.
  • Young, J. E., & Brown, G. (1991). Young Schema Questionnaire (2nd ed.). In J. E. Young (1994), Cognitive therapy of personality disorders: A schema-focused approach (pp. 63–77). Sarasota, FL: Professional Resource. doi:10.1037/029667.
  • Young, J. E., & Gluhoski, V. L. (1996). Schema-focused diagnosis for personality disorder. In F. W. Kaslow (Ed.), Handbook of relational diagnosis and dysfunctional family patterns (pp. 300-321). New York: Wiley. doi: 10.1017/S1352465804211869.
  • Young, J. E., Beck, A.T., & Weinberger, A. (1993). Depression. In D. H. Barlow (Ed.), Clinical handbook of psychological disorders (2nd ed., pp. 240–277). New York: Guilford. doi:10.1002/cpp.5640010408.
  • Young, J.E. (1990). Cognitive therapy for personality disorder. Sarasota, FL: Professional Resources Press. Young, J.E. (1993). The Schema Diary. New York: Cognitive Therapy Center of New York.
  • Young, J.E. (1994). Young Parental Inventory. New York: Cognitive Therapy Center of New York.
  • Young, J.E. (1995). Young Compenatory Inventory. New York: Cognitive Therapy Center of New York.
  • Young, J.E. (1999). Cognitive Therapy for personality disorder: A Schema-focused approach (rev.ed.) Sarasota, FL: Professional Resources Press.
  • Young, J.E., Klosko, J.S., Weishaar, M.E. (2007). Schema Therapy. La terapia cognitivo-comportamentale integrata per i disturbi della personalità. Edizione italiana a cura di A. Carrozza, N. Marsigli e G. Melli. Editore Eclipsi: Firenze.
State of Mind © 2011-2018 Riproduzione riservata.
Condividi
Messaggio pubblicitario SCUOLA DI PSICOTERAPIA
Messaggio pubblicitario centro psicoterapia

Messaggio pubblicitario

Argomenti

Università e centri di ricerca

Categorie