Messaggio pubblicitario ISC - Workshop Janina Fisher - fino al 28 febbraio

Pazienti bipolari che non rispondono alla terapia con il litio potrebbero avere i geni associati alla schizofrenia

Uno studio dimostra che alcuni pazienti con disturbo bipolare che non rispondono al trattamento con il litio hanno geni identificati per la schizofrenia.

ID Articolo: 149939 - Pubblicato il: 27 novembre 2017
Pazienti bipolari che non rispondono alla terapia con il litio potrebbero avere i geni associati alla schizofrenia
Messaggio pubblicitario SFU MAGISTRALE 09-2017 2
Condividi

I pazienti affetti da disturbo bipolare che non rispondono al trattamento al litio mostrano un numero elevato di geni già identificati per la schizofrenia. Questo è quanto sostenuto da un nuovo studio internazionale condotto dall’Università di Adelaide in Australia.

Francesca Fiori

 

Nuovi dati spiegano perché alcuni pazienti con disturbo bipolare non rispondono al trattamento con il litio

Messaggio pubblicitario Il litio, comunemente prescritto sin dagli anni Cinquanta per il suo effetto di stabilizzatore dell’umore, anche oggi è considerato il trattamento d’eccellenza per i pazienti affetti da disturbo bipolare in quanto riduce sia gli episodi maniacali sia quelli depressivi e, addirittura, riduce il rischio di suicidio.
Tuttavia, circa il 30% dei pazienti bipolari sono solo parzialmente reattivi. Infatti, più di un quarto di questi non dimostra alcuna risposta clinica, e altri hanno effetti collaterali significativi al litio.

La ricerca in questione ha coinvolto un gruppo internazionale di scienziati guidato dal professor Bernhard Baune dell’Università di Adelaide che ha studiato la genetica sottostante di più di 2.500 pazienti trattati con litio per disturbo bipolare.

Abbiamo scoperto che i pazienti con disturbo bipolare che hanno mostrato una scarsa risposta al trattamento al litio hanno qualcosa in comune: un numero elevato di geni precedentemente identificati come rilevanti per l’insorgere della schizofrenia“, ha affermato Baune, titolare della cattedra di psichiatria presso l’Università di Adelaide e autore principale dello studio.

Messaggio pubblicitario Questo non significa che il paziente ha anche la schizofrenia, ma se un paziente bipolare ha un elevato numero di geni che aumentano il rischio della schizofrenia, ci sono meno probabilità che possa rispondere agli stabilizzatori dell’’umore come il litio. Inoltre, abbiamo individuato nuovi geni in grado di svolgere un ruolo biologico importante nei circuiti cerebrali utilizzati dal litio e il suo effetto sulla risposta al trattamento“, afferma Baune.

Indagare sulla biologia sottostante la risposta al trattamento del litio è una delle aree chiave della ricerca e ha inoltre urgente necessità clinica in materia di salute mentale.

Questi risultati rappresentano un notevole passo avanti per il campo della psichiatria “, ha detto Baune. “In combinazione con altri bio-marcatori e variabili cliniche, i nostri risultati contribuiranno a far avanzare la capacità necessaria di prevedere la risposta al trattamento prima di un intervento. Questa ricerca fornisce anche nuovi indizi su come i pazienti con disturbo bipolare e altri disturbi psichiatrici dovrebbero essere trattati in futuro “.

VOTA L'ARTICOLO
(voti: 4, media: 4,75 su 5)

Articolo consigliato dall'autore

Gli stabilizzatori dell’umore: il Litio

Gli stabilizzatori dell’umore: il Litio

Tra i stabilizzatori dell’umore rientra il carbonato di Litio, ad oggi uno dei più validi presidi per cura e profilassi di episodi maniacali ed ipomaniacali

Bibliografia

State of Mind © 2011-2017 Riproduzione riservata.
Condividi
Messaggio pubblicitario SCUOLA DI PSICOTERAPIA
Messaggio pubblicitario centro psicoterapia

Messaggio pubblicitario

Argomenti

Scritto da

Sono citati nel testo

Università e centri di ricerca

Categorie