Messaggio pubblicitario ISC - Workshop Janina Fisher - fino al 28 febbraio

Sogni ad occhi aperti? Allora sei efficiente e creativo!

In un recente studio, soggetti con una maggiore tendenza a distrarsi durante la giornata mostrano punteggi più alti nelle capacità intellettuali e creative

ID Articolo: 149637 - Pubblicato il: 10 novembre 2017
Sogni ad occhi aperti? Allora sei efficiente e creativo!
Messaggio pubblicitario SFU MAGISTRALE 09-2017 2
Condividi

Un nuovo studio del Georgia Institute of Technology suggerisce come sognare ad occhi aperti durante delle riunioni non sia necessariamente una cosa negativa, ma potrebbe essere un segno di intelligenza e creatività.

Francesca Fiori

 

Messaggio pubblicitario Schumacher, principale autore dello studio, e i suoi colleghi hanno misurato i modelli di attivazione cerebrale di più di 100 persone attraverso la risonanza magnetica funzionale (fMRI). Ai partecipanti era chiesto di concentrarsi su un punto di fissazione statico per cinque minuti, e nel frattempo venivano misurate le attivazioni cerebrali durante il task e durante un periodo in cui non veniva svolto alcun task (a riposo).

I partecipanti hanno inoltre compilato un questionario per misurare quanto la mente vagava durante l’arco della giornata.

Coloro che hanno riferito di sognare di più ad occhi aperti durante l’arco del giorno hanno anche ottenuto un punteggio più alto nelle capacità intellettuali e creative, e risultano avere specifici pattern di attivazione cerebrale.

La gente tende a pensare che vagare con la mente sia necessariamente qualcosa di negativo perché lo si vede come una mancanza di attenzione – riporta Schumacher – I nostri dati sono coerenti con l’idea che ciò non sia sempre vero. Alcune persone hanno menti e cervelli più efficienti, pur avendo una maggiore tendenza a vagare con la mente (mind wandering).

I nostri risultati mi ricordano il professore distratto, ovvero qualcuno che è brillante, ma fuori dal suo mondo, a volte ignaro del proprio ambiente – sostiene Schumacher – Oppure i bambini, intellettivamente più dotati degli altri, che seguono lezioni per loro facilmente comprensibili. Mentre i loro compagni possono richiedere cinque minuti per imparare qualcosa di nuovo, loro capiscono in un minuto, quindi poi hanno tempo di distrarsi.

Gli autori dello studio ritengono che questi risultati possano promuovere ulteriori ricerche per  capire meglio quando il vagare della mente è nocivo e quando può effettivamente essere utile.

Ci sono importanti differenze individuali da considerare, come la motivazione di una persona o l’intenzione di rimanere concentrati su un compito particolare – ha detto Godwin, altro autore dello studio.

 


 

Fantasticare ad occhi aperti…che stress!!

VOTA L'ARTICOLO
(voti: 1, media: 5,00 su 5)

Articolo consigliato dall'autore

Distrazione: i momenti che lasciano spazio alla creatività

Rincorrere le farfalle ovvero i benefici della distrazione

Anche la distrazione può avere dei benefici e lasciare spazio alla creatività consentendo cosi di trovare nuove info e nuove soluzioni.

Bibliografia

State of Mind © 2011-2017 Riproduzione riservata.
Condividi
Messaggio pubblicitario SCUOLA DI PSICOTERAPIA
Messaggio pubblicitario centro psicoterapia

Messaggio pubblicitario

Argomenti

Scritto da

Sono citati nel testo

Università e centri di ricerca

Categorie