Messaggio pubblicitario ISC - Workshop Janina Fisher - fino al 28 febbraio

L’utilizzo dell’ Emotional Awareness and Therapy Expression nel trattamento della fibromialgia

L' Emotional Awareness and Therapy Expression ridurrebbe la percezione del dolore, l'ansia e la depressione nei pazienti affetti da fibromialgia

ID Articolo: 148821 - Pubblicato il: 05 ottobre 2017
L’utilizzo dell’ Emotional Awareness and Therapy Expression nel trattamento della fibromialgia
Messaggio pubblicitario SFU MAGISTRALE 09-2017 2
Condividi

L’ Emotional Awareness and Therapy Expression, ovvero la psicoterapia che incoraggia i pazienti ad affrontare le esperienze emotive relative ai traumi, ai conflitti e ai problemi di relazione è risultata utile per le persone affette da fibromialgia.

Francesca Fiori

 

Messaggio pubblicitario Nello studio clinico randomizzato eseguito dall’University of Detroit, 230 adulti con fibromialgia hanno ricevuto uno nuovo trattamento chiamato Emotional Awareness and Therapy Expression (EAET).

La Emotional Awareness and Therapy Expression si focalizza sulla consapevolezza del dolore e degli altri sintomi fibriomialgici che sono anche influenzati dalle emozioni, spiegano i ricercatori. La terapia EAET mira ad aiutare i pazienti a sperimentare ed esprimere le proprie esperienze emotive, come ad esempio la rabbia e la tristezza, ma anche la gratitudine, la compassione e il perdono, focalizzandosi anche sulle relazioni interpersonali dei pazienti.

L’intervento Emotional Awareness and Therapy Expression è stato confrontato sia con un intervento educativo, sia con l’approccio psicologico standard usato nel caso di diagnosi di fibriomialgia, ovvero la terapia cognitiva comportamentale. Sei mesi dopo la fine dei trattamenti, i pazienti sono stati valutati per la gravità e il grado del loro dolore riportato.

Fibromialgia: gli effetti dell’intervento Emotional Awareness and Therapy Expression

Messaggio pubblicitario I pazienti che hanno ricevuto l’intervento Emotional Awareness and Therapy Expression avevano risultati migliori – riducendo la percezione del dolore diffuso, i disturbi fisici, i problemi di attenzione e di concentrazione, l’ansia e la depressione, nonché riportando emozioni più positive – rispetto ai pazienti che hanno ricevuto l’intervento educativo.

I pazienti sottoposti al nuovo trattamento EAET hanno riferito di stare “molto meglio” rispetto ai trattamenti educativi precedenti.

Un importante riscontro aggiuntivo è che la nuova terapia emozionale sembra avere avuto un vantaggio maggiore anche rispetto alla terapia cognitiva comportamentale standard nel ridurre la percezione del dolore diffuso.

Molte persone con fibromialgia hanno un trascorso di vita che crea emozioni importanti, le quali vengono spesso soppresse o evitate – ha affermato Mark A. Lumley, Ph.D., professore di psicologia – Abbiamo sviluppato e testato un approccio che cerca di aiutare le persone a superare questi problemi emotivi e di relazione riducendo i loro sintomi, piuttosto che aiutare le persone a gestire o accettare la loro fibromialgia. Anche se questo trattamento non aiuta tutte le persone affette da fibromialgia, molti pazienti hanno trovato che è molto utile, e alcuni hanno avuto miglioramenti nella loro vita e nella loro salute.

I ricercatori del Wayne State hanno collaborato con un team di ricercatori dell’Università del Michigan Medical Center guidato da David A. Williams, Ph.D., professore di anestesiologia.

Lo studio è stato pubblicato sulla rivista PAIN.

VOTA L'ARTICOLO
(voti: 2, media: 5,00 su 5)

Articolo consigliato dall'autore

L'elaborazione emotiva nella sindrome fibromialgica - Immagine: 86338060

Fibromialgia: l'elaborazione emotiva nella sindrome fibromialgica

Obiettivo della ricerca è studiare le difficoltà psicologiche dei pazienti fibromialgici e verificare se vi è difficoltà nel riconoscere le emozioni altrui

Bibliografia

State of Mind © 2011-2017 Riproduzione riservata.
Condividi
Messaggio pubblicitario SCUOLA DI PSICOTERAPIA
Messaggio pubblicitario centro psicoterapia

Messaggio pubblicitario

Argomenti

Scritto da

Sono citati nel testo

Università e centri di ricerca

Riviste scientifiche

Categorie