Messaggio pubblicitario ISC - Workshop Janina Fisher - fino al 28 febbraio

La caffeina può alleviare i sintomi motori del Morbo di Parkinson?

Contrariamente ad uno studio precedente, è stato dimostrato come la caffeina non comporti una riduzione dei sintomi motori del morbo di Parkinson.

ID Articolo: 148930 - Pubblicato il: 09 ottobre 2017
La caffeina può alleviare i sintomi motori del Morbo di Parkinson?
Messaggio pubblicitario SFU MAGISTRALE 09-2017 2
Condividi

Contrariamente alle ricerche precedenti, un recente studio dichiara che la caffeina non può alleviare i sintomi motori presenti nelle persone affette da morbo di Parkinson.

Francesca Fiori

 

La caffeina non genera una riduzione dei sintomi motori del morbo di Parkinson

Messaggio pubblicitario Uno studio precedente, pubblicato nel 2012, ha suggerito che la caffeina può contribuire a ridurre i sintomi motori nelle persone con malattia di Parkinson. Questo studio era composto da un campione esiguo ed è stato svolto in sole sei settimane, di conseguenza i risultati necessitavano di maggiori approfondimenti.

La caffeina è stata legata a un rischio ridotto di sviluppare il Parkinson“, ha detto l’autore Ronald B. Postuma, membro dell’Accademia Americana di Neurologia. “Quindi è stato emozionante pensare che la caffeina potrebbe aiutare le persone già affette dalla malattia”.

Lo studio ha coinvolto 121 persone con un’età media di 62 anni alle quali era stata diagnosticata la malattia di Parkinson da almeno quattro anni.
Di questo campione, alla metà è stata somministrata una capsula di caffeina da 200 milligrammi due volte al giorno, una volta al mattino e una volta dopo pranzo, equivalente a tre tazze di caffè al giorno, mentre all’altra metà è stata somministrato un placebo. Per aiutarli ad adattarsi, la dose è stata aumentata lentamente, fino a raggiungere 200 milligrammi alla nona settimana. I partecipanti allo studio sono stati seguiti per circa 18 mesi.

Messaggio pubblicitario I ricercatori hanno scoperto che non c’era miglioramento nei sintomi di movimento per le persone che avevano assunto le capsule di caffeina rispetto a coloro che avevano assunto il placebo. Non c’era inoltre alcuna differenza in termini di qualità della vita.

Il nostro precedente studio ha mostrato un possibile miglioramento dei sintomi, però lo studio è stato più breve, quindi è possibile che la caffeina possa avere avuto un beneficio a breve termine che si sia poi dissolto a medio termine“, ha detto Postuma.

Una limitazione di questo studio è stata che i ricercatori non hanno misurato la caffeina nel sangue delle persone durante la ricerca. Inoltre, la dose scelta è stata basata su studi precedenti ed è possibile che una dose più alta possa avere effetti diversi.

VOTA L'ARTICOLO
(voti: 1, media: 3,00 su 5)

Articolo consigliato dall'autore

State of Mind - Il Giornale delle Scienze Psicoogiche - Flash News

Cannella: può arrestare la progressione del morbo di Parkinson?

I ricercatori hanno scoperto come la cannella possa invertire i cambiamenti biochimici, cellulari ed anatomici nel cervello di topi con morbo di Parkinson.

Bibliografia

  • Ronald B. Postuma, Julius Anang, Amelie Pelletier, Lawrence Joseph, Mariana Moscovich, David Grimes, Sarah Furtado, Renato P. Munhoz, Silke Appel-Cresswell, Adriana Moro, Andrew Borys, Douglas Hobson, Anthony E. Lang. Caffeine as symptomatic treatment for Parkinson disease (Café-PD). Neurology, 2017; 10.1212/WNL.0000000000004568 DOI: 10.1212/WNL.0000000000004568
State of Mind © 2011-2017 Riproduzione riservata.
Condividi
Messaggio pubblicitario SCUOLA DI PSICOTERAPIA
Messaggio pubblicitario centro psicoterapia

Messaggio pubblicitario

Argomenti

Scritto da

Sono citati nel testo

Categorie