Messaggio pubblicitario

Il Baby Schema: anche bambini di etnie diverse elicitano accudimento e affetto

Nonostante le discriminazioni razziali, è stato dimostrato che i bambini anche di etnie diverse sono in grado di elicitare affetto e accudimento.

ID Articolo: 145896 - Pubblicato il: 18 maggio 2017
Il Baby Schema: anche bambini di etnie diverse elicitano accudimento e affetto
Messaggio pubblicitario Università di Psicologia Milano - SFU 01-2017
Condividi

Alice Mado Proverbio e Valeria De Gabriele, della Bicocca di Milano, hanno pubblicato su Neuropsychologia un esperimento che offre una risposta: vince il “baby schema”. Diciassette studenti caucasici erano automaticamente attratti dalle facce dei bambini, di età tra sei mesi e tre anni, non importa a quale etnia appartenessero.

 Un articolo di Giancarlo Dimaggio pubblicato su Il Corriere della Sera del 29 aprile 2017

 

Riconosciamo più velocemente le facce della nostra etnia. Per quanto si teorizzi, la tendenza alla discriminazione razziale è connaturata negli umani, e si attiva rapidamente. Negarla non aiuta a superarla. Un altro dato confligge con questo: riconosciamo i neonati come creature tenere, di cui prenderci cura. Gli psicologi lo chiamano “baby schema” e fonda il comportamento innato, e evoluzionisticamente indispensabile, di accudimento. A quel punto i ricercatori si sono chiesti: se presentiamo ai soggetti di un esperimento le facce di neonati di altre etnie, quale meccanismo vince? Caratterizzano quei volti come: “stranieri” o “bambini teneri di cui prendersi cura?”.

Messaggio pubblicitario Alice Mado Proverbio e Valeria De Gabriele, della Bicocca di Milano, hanno pubblicato su Neuropsychologia un esperimento che offre una risposta: vince il “baby schema”. Diciassette studenti caucasici erano automaticamente attratti dalle facce dei bambini, di età tra sei mesi e tre anni, non importa a quale etnia appartenessero.

La ricerca effettuata è preliminare, diciassette studenti caucasici non sono sufficienti per generalizzare i risultati, ma il dato è di rilievo. Da un lato ricorda che percepire volti di etnie diversa dalla nostra comporta attivazione automatica di pregiudizio. Dall’altro suggerisce che se mettiamo in contatto adulti con bambini di un’altra etnia, di meno di tre anni, non c’è confine che tenga, la tendenza è a volergli bene. Dopo i tre anni non sappiamo, mentre dopo i sette va sparendo la tendenza a considerare una faccia come ‘da bambino’. Chi si occupa di adozione internazionale può trarre vantaggio da questo studio: sbrigatevi quando c’è da affidare un bimbo. La velocità della pratica può favorire un legame più solido in cui l’affetto prevale sulla differenza.

VOTA L'ARTICOLO
(voti: 8, media: 5,00 su 5)

Articolo consigliato dall'autore

-Rassegna Stampa - State of Mind: Il Giornale delle Scienze Psicologiche - anteprima

Pregiudizi sociali e senso di appartenenza nei bambini.

Sovrastimare la positività del proprio gruppo sociale è normale e funzionale alla costruzione dell'identità e del senso di appartenenza.
State of Mind © 2011-2017 Riproduzione riservata.
Condividi
Messaggio pubblicitario SCUOLA DI PSICOTERAPIA
Messaggio pubblicitario centro psicoterapia

Messaggio pubblicitario

Argomenti

Università e centri di ricerca

Riviste scientifiche