Messaggio pubblicitario

Il rischio di infarto e ictus causato dall’insonnia

E' stato dimostrato che l'insonnia può causare un rischio maggiore di incorrere in disturbi cardiovascolari, infarti o ictus.

ID Articolo: 145093 - Pubblicato il: 14 aprile 2017
Il rischio di infarto e ictus causato dall’insonnia
Messaggio pubblicitario SFU MAGISTRALE 09-2017 2
Condividi

L’insonnia, secondo la ricerca pubblicata sulla rivista European Journal of Preventive Cardiology, è associata ad un aumentato rischio di infarto e ictus.

Mariagrazia Zaccaria

 

Insonnia e rischio di infarti e ictus

Secondo il Dottor Qiao Lui, il sonno è importante per il recupero biologico e occupa all’incirca un terzo del tempo della nostra vita. Nella società odierna sempre più persone si lamentano di soffrire di insonnia. Secondo alcuni dati, circa un terzo della popolazione in Germania ha affermato di soffrire di sintomi di insonnia.

Recenti ricerche hanno constatato che vi è una associazione tra i sintomi di insonnia e i disturbi cardiovascolari (infarto del miocardio, malattie coronariche, insufficienza cardiaca), ictus, o una combinazione di più di tali patologie.

I sintomi dell’insonnia includono la difficoltà ad addormentarsi, difficoltà a mantenere il sonno, e/o un risveglio mattutino precoce.

Messaggio pubblicitario Gli autori hanno intervistato circa 160.867 soggetti; dalle analisi di tali dati sono emerse significative associazioni tra i sintomi dell’insonnia e l’aumentato rischio di soffrire di malattie cardiovascolari e ictus.

In particolare sembra che chi ha difficoltà ad addormentarsi e a mantenere il sonno, corra più alti rischi di soffrire di disturbi cardiovascolari e ictus.

I meccanismi alla base di tali collegamenti non sono attualmente molto chiari. Studi precedenti hanno dimostrato che l’insonnia altera il metabolismo e le funzioni endocrine di chi ne soffre, aumentando l’attivazione sinaptica e la pressione sanguigna; e questi sono tutti fattori di rischio delle malattie cardiovascolari e ictus.

In conclusione, i disturbi del sonno sono molto comuni e a volte anche sottovalutati perché non si calcolano i rischi clinici sia a livello psicologico che prettamente somatico. Per questo una buona consapevolezza di tali fenomeni per aumentare la conoscenza e consapevolezza di tali sintomi, potrebbe incoraggiare le persone a cercare aiuto e ad attuare interventi per una adeguata igiene del sonno.

 

VOTA L'ARTICOLO
(Nessun voto)

Articolo consigliato dall'autore

Igiene del sonno: le norme da seguire per favorire il sonno

Le norme di Igiene del Sonno per la cura dell'insonnia

Per poter favorire il sonno è opportuno seguire delle norme di igiene del sonno che evitano di cronicizzare o peggiorare un eventuale disturbo del sonno.

Bibliografia

State of Mind © 2011-2017 Riproduzione riservata.
Condividi
Messaggio pubblicitario SCUOLA DI PSICOTERAPIA
Messaggio pubblicitario centro psicoterapia

Si parla di

Messaggio pubblicitario

Argomenti

Scritto da

Sono citati nel testo

Categorie