Messaggio pubblicitario

Chi siamo? Da dove veniamo? – Evitare le domande esistenziali può minare la nostra salute mentale

La paura di affrontare tensioni causate da domande esistenziali mina la nostra salute mentale, traducendosi in depressione, ansia, sintomatologia somatica

ID Articolo: 142249 - Pubblicato il: 11 gennaio 2017
Chi siamo? Da dove veniamo? – Evitare le domande esistenziali può minare la nostra salute mentale
Messaggio pubblicitario Università di Psicologia Milano - SFU 01-2017
Condividi

Secondo un recente studio, la paura di affrontare le tensioni e i conflitti causati da domande esistenziali – le “grandi domande” della vita – mina la nostra salute mentale.

 

La paura di affrontare le tensioni e i conflitti causati da domande esistenziali – le “grandi domande” della vita – mina la nostra salute mentale, traducendosi in livelli più elevati di depressione, ansia, sintomatologia somatica e in una maggiore difficoltà di regolazione emotiva, secondo un nuovo studio della Case Western Reserve University (Cleveland, Ohio).

I dilemmi religiosi e spirituali – Dio o la religione, le domande difficili sulla fede, la morale e il senso della vita – sono spesso argomenti tabù e la tentazione di spingerli via, accantonandoli, è spesso forte – ha detto Julie Exline, professore di Psicologia alla Case Western Reserve e co-autore della ricerca. – Quando le persone evitano queste lotte interiori, i sentimenti di ansia e depressione tendono a manifestarsi in modo più intenso rispetto a quando li si affronta a testa alta.

Pertanto le persone che fanno fronte a queste lotte con salde credenze e valori fondamentali tendono a riferire  una salute mentale migliore rispetto alle persone che non lo fanno.

Messaggio pubblicitario Me.Dia.Re - Master Mediazione 2017-2018

Porsi domande esistenziali e salute mentale: lo studio di J. Exline

Lo studio, basato su un sondaggio che ha interrogato 307 adulti sulle recenti esperienze di vita, è stato pubblicato sul Journal of Contextual Behavioral Science

La mancanza di volontà nell’accettare e affrontare dilemmi spirituali e domande esistenziali, potrebbe contribuire a importanti malattie sociali, portando le persone a perdere importanti opportunità di interazione con persone provenienti da diversi background culturali e aderenti a differenti credo religiosi, poiché percepite come una minaccia.

Questo evitamento può portare al rifiuto di interi gruppi di persone sulla base della loro differente religione o dell’incongruenza, ad esempio, tra la loro sessualità o l’identità di genere e gli insegnamenti religiosi ricevuti – ha detto Exline.

Gli addetti ai lavori nell’ambito della salute mentale possono trovare utile aiutare i clienti con le loro lotte spirituali suggerendo loro di affrontare tali difficoltà in modo più proattivo.

Le persone sembrano essere più sane, da un punto di vista emotivo, se si dimostrano in grado di accettare i pensieri preoccupanti – ha detto Exline – Guardare i dilemmi spirituali in modo oggettivo sembra aiutare. Si può o non si può lavorare su di loro, ma almeno si può imparare a tollerare la loro presenza.

Messaggio pubblicitario centro psicoterapia

L’evitamento di per sé non è un problema; piuttosto, il comportamento diventa problematico quando l’evitare diventa dannoso o contrastante con gli obiettivi personali e imposta un modello rigido di fare esperienza, di approcciarsi e rispondere al mondo.

L’evitamento spirituale sistematico può rendere difficile l’identificazione, la manipolazione o l’esperienza di tutte quelle qualità che conferiscono un senso di scopo alla vita.

Utilizzare attivamente energia emotiva e cognitiva per respingere i pensieri, o le domande esistenziali nella fattispecie, non impedisce loro di continuare a intromettersi nella propria vita. Essere continuamente invasi da questi pensieri può creare forti tensioni e minare la salute emotiva, soprattutto se la persona in questione vede questo tipo di interrogarsi come moralmente inaccettabile e pericoloso.

 

VOTA L'ARTICOLO
(voti: 2, media: 5,00 su 5)

Articolo consigliato dall'autore

Paura di morire? Basta aumentare la propria creatività

Paura di morire? Basta aumentare la propria creatività

Dai risultati di un recente studio emerge come i soggetti con livelli più alti di creatività e ambizione creativa, fanno meno pensieri collegati alla morte

Bibliografia

State of Mind © 2011-2017 Riproduzione riservata.
Condividi
Messaggio pubblicitario SCUOLA DI PSICOTERAPIA
Messaggio pubblicitario centro psicoterapia

Messaggio pubblicitario

Argomenti

Scritto da

Sono citati nel testo

Categorie