Abuso di sostanze e conseguenze nel post-partum

E' stato dimostrato che fare uso di alcol o droghe nella propria vita espone ad un rischio maggiore di sviluppare disturbi nel post partum.

ID Articolo: 142142 - Pubblicato il: 09 gennaio 2017
Abuso di sostanze e conseguenze nel post-partum
Messaggio pubblicitario SFU Banner 5 Agosto
Condividi

Una nuova ricerca della North Carolina State University e della University of British Columbia ha evidenziato che, conoscere i quantitativi di consumo di droga di una donna incinta permette di capire se la donna avrà problemi con la gestione dello stress e dell’ansia dopo il parto. La scoperta è utile in quanto permetterebbe agli operatori sanitari di comprendere meglio la problematica e quindi di fornire un aiuto migliore e più specifico.

Mariagrazia Zaccaria

 

Abuso di droghe e conseguenze dopo il parto

Sarah Desmarais, professore associato di psicologia presso la NC State University ha affermato che negli ultimi anni si sta ponendo più attenzione alla salute mentale delle donne in gravidanza, soprattutto concentrandosi su quelle donne che sono a rischio di depressione post-partum.

Lo studio non è stato progettato per concentrarsi sul consumo di droga, ma è stato pensato con lo scopo di rispondere ad una domanda più ampia, ovvero se l’uso di alcol o droghe nella donna in qualsiasi momento della sua vita, possa causare problemi di salute mentale dopo il parto.

Ricerche precedenti si sono focalizzate sull’utilizzo di sostanze solo durante la gravidanza. Questi dati sono poco affidabili perché le donne sono meno disposte ad ammettere le loro dipendenze durante la gravidanza per paura di perdere la custodia dei loro figli o di essere emarginate socialmente.

 

Lo studio

Messaggio pubblicitario Per esaminare questi problemi, i ricercatori hanno utilizzato i dati ottenuti intervistando 100 donne al British Columbia che avevano partorito negli ultimi tre mesi, la maggior parte di esse con un background socio-economico a rischio di problemi di salute mentale. I partecipanti allo studio sono stati reclutati per entrare a far parte di un progetto sulla salute e benessere generale, che non si focalizza esclusivamente sul consumo di sostanze.

Nelle interviste fatte alle partecipanti, è stato chiesto loro di raccontare il consumo di alcool e droghe. Quello che è emerso, è stato utile a prevedere una eventuale situazione di scompenso mentale dopo il parto.

La Prof.ssa Desmarais afferma che comunque il miglior modo per predire problemi di salute mentale, è scoprire se vi sia una certa familiarità per queste patologie, ma il consumo di droghe può aumentarne i rischi.

 

VOTA L'ARTICOLO
(voti: 1, media: 5,00 su 5)

Articolo consigliato dall'autore

Fumo in gravidanza - Immagine: © Alexei Nastoiascii - Fotolia.com

Fumo in Gravidanza: i danni sempre più evidenti.

secondo un recente studio pubblicato sul Journal of Human Capital, il fumo in gravidanza provocherebbe dei danni allo sviluppo neurologico del neonato ancora più importanti di quanto già si pensasse:

Bibliografia

State of Mind © 2011-2017 Riproduzione riservata.
Condividi
Messaggio pubblicitario SCUOLA DI PSICOTERAPIA
Messaggio pubblicitario centro psicoterapia

Argomenti

Scritto da

Sono citati nel testo

Categorie

Iscriviti alla Newsletter

Consigliaci su Facebook

Messaggio pubblicitario

Hai una domanda?

Chiedi agli Psicologi

Seguici su Twitter

fluIDsex – Identità & Sessualità

fluIDsex sessualità fluida

Messaggio pubblicitario

Segui il canale Youtube

Messaggio pubblicitario

Chi sta visualizzando questa pagina

1 utente