Atleti uomini e donne a confronto: gli uomini falliscono di più sotto pressione

E' stato dimostrato che durante le prestazioni sportive quando si è sotto pressione le performance degli uomini peggiorino maggiormente rispetto alle donne

ID Articolo: 141551 - Pubblicato il: 21 dicembre 2016
Atleti uomini e donne a confronto: gli uomini falliscono di più sotto pressione
Messaggio pubblicitario SFU Banner 5 Agosto
Condividi

E’ stato rilevato che tutti gli atleti hanno in media la tendenza a fallire sotto la pressione della gara, ma nonostante le donne mostrino in media un calo di performance nelle fasi cruciali, esso rimane inferiore a quello degli uomini del 50%.

Marianna Bottiglieri 

 

Gli esiti delle prestazioni sportive “sotto pressione”

Le prestazioni sportive rappresentano delle vere e proprie “sfide” in cui i soggetti mettono in atto una serie di risorse volte al raggiungimento di alcuni obiettivi legati al compito che siano essi personali o riguardanti l’esito del match. Più il livello sportivo è alto, più gli obiettivi si arricchiscono e sale la “pressione” per una buona prestazione e per una vittoria.

I ricercatori della “Ben-Gurion University of Negev” (BGU), hanno condotto uno studio allo scopo di verificare in che modo atleti uomini o donne reagiscano di fronte a questa pressione e usare i risultati per capire il funzionamento del mercato del lavoro maschile e femminile.

In altri termini, si è cercato di capire se in alcuni lavori, come quelli consistenti in una prestazione sportiva, gli uomini guadagnassero di più delle donne a causa della capacità superiore di riuscire a portare a termine le proprie mansioni sotto pressione.
In particolare, sono state analizzate le prestazioni di giocatori di tennis, uomini e donne, che partecipavano ai tornei del Grande Slam.

 

Lo studio

Messaggio pubblicitario Lo studio ha esaminato le competizioni riguardanti questi atleti di alto livello considerando il match come “un unico scenario in cui due professionisti competono in un contesto di vita reale che prevede un compenso monetario molto alto”.
I ricercatori hanno analizzato i dati dei primi set di tutti e quattro i tornei del Grande Slam del 2010, comparandoli con i dati di 4.127 partite femminili e 4.153 partite maschili di minore importanza rispetto ai 4 tornei del Grande Slam.

E’ stato rilevato che tutti gli atleti hanno in media la tendenza a fallire sotto la pressione di una partita più importante delle altre, ma nonostante le donne mostrino in media un calo di performance nelle fasi cruciali, esso rimane inferiore a quello degli uomini del 50%.

I nostri risultati non supportano l’ipotesi che gli uomini guadagnino più delle donne in lavori ad alto livello di stress e pressione per il fatto di rispondere meglio delle donne alla pressione lavorativa
sostiene il Dr. Danny Cohen Zada del Dipartimento di Economia della BGU.

 

Discussione e conclusioni

I ricercatori sostengono che bisognerebbe prestare attenzione a generalizzare i risultati direttamente al mercato del lavoro, per diverse motivazioni: in primo luogo è stato analizzato il modo in cui le tenniste rispondono alla pressione in un contesto omogeneo riguardo al genere, mentre nel mercato del lavoro alle donne è richiesto di rispondere alla pressione della competizione in setting differenti, in cui, ad esempio, esse sarebbero chiamate a competere con uomini; in secondo luogo il campione di tennisti non è rappresentativo del modo in cui i soggetti rispondono generalmente alle pressioni lavorative, poiché esso potrebbe essere caratterizzato da persone aventi differenti caratteristiche rispetto alla popolazione generale.

Messaggio pubblicitario centro psicoterapia Tuttavia, l’aver evidenziato che le donne possano rispondere meglio degli uomini alle pressioni di una gara, potrebbe fungere da spunto per ulteriori investigazioni in altri contesti di vita.

In accordo con i ricercatori, lo stress influenzato da un iniziale aumento di livelli di cortisolo, potrebbe essere uno dei possibili colpevoli del calo della prestazione sportiva, come sottolineato da altri studi che hanno dimostrato che livelli elevati di cortisolo correlano con secondi servizi deboli nel tennis e performance peggiori nel golf.

Le ricerche indicano che in risposta alle sfide per il risultato, aumentano i livelli di cortisolo e questo avviene più rapidamente negli uomini che nelle donne; gli alti livelli di cortisolo possono inficiare le abilità mentali rilevanti al momento
afferma il co-autore Offer Moshe Shapir (Centre for Business Education and Research alla NYU di Shanghai).

VOTA L'ARTICOLO
(voti: 2, media: 5,00 su 5)

Articolo consigliato dall'autore

Open Andre Agassi - Recensione

Open - La mia vita, di Andre Agassi (2011) - Recensione

Open: Adesso che ho vinto, so qualcosa che a pochissimi al mondo è concesso sapere. Una vittoria non è così piacevole quant’è dolorosa una sconfitta.

Bibliografia

  • Cohen-Zada, D., Krumer, A., Rosenboim, M., Shapir O.,M. (2016). Choking Under Pressure and Gender. Working Paper submitted to Research Gate, DOI: 10.13140/RG.2.2.19742.74561.  DOWNLOAD
State of Mind © 2011-2017 Riproduzione riservata.
Condividi
Messaggio pubblicitario SCUOLA DI PSICOTERAPIA
Messaggio pubblicitario centro psicoterapia

Argomenti

Scritto da

Sono citati nel testo

Università e centri di ricerca

Categorie

Iscriviti alla Newsletter

Consigliaci su Facebook

Messaggio pubblicitario

Hai una domanda?

Chiedi agli Psicologi

Seguici su Twitter

fluIDsex – Identità & Sessualità

fluIDsex sessualità fluida

Messaggio pubblicitario

Segui il canale Youtube

Messaggio pubblicitario

Chi sta visualizzando questa pagina

1 utente