Binge eating: abbuffarsi fino a scoppiare

Il binge eating disorder è un disturbo alimentare molto diffuso che consiste in frequenti abbuffate senza comportamenti compensatori. 

ID Articolo: 122620 - Pubblicato il: 12 luglio 2016
Binge eating: abbuffarsi fino a scoppiare
Messaggio pubblicitario Università di Psicologia Milano - SFU 01-2017
Condividi

Tra i disturbi del comportamento alimentare è il più diffuso ma anche il meno noto: parliamo del Binge Eating Disorder (BED) – le abbuffate compulsive.

Articolo tratto da La Repubblica del 14 giugno 2016

 

 

Una patologia da poco inserita nel DSM – il manuale diagnostico degli psichiatri americani – e che colpisce negli USA il 2,6% della popolazione contro l’1,7%  complessivo di anoressia e bulimia.

Ne parliamo con uno dei massimi esperti mondiali, Carlos Grilo dell’Università di Yale, incontrato a Verona, dove ha tenuto la lettura magistrale al convegno dell’AIDAP.

Spesso anche i sanitari non sono addestrati a riconoscere e affrontare il Binge Eating e a distinguerlo dalla bulimia: nel Binge Eating Disorder nn ci sono comportamenti compensatori come il vomito o l’uso di lassativi per controllare il peso.

Spesso chi ne soffre è giudicato goloso o mangione. Ma a chiunque può capitare di prendere due tartine in più dal buffet, o fare il bis di dolce per poi dirsi che non avrebbe dovuto.

Qui stiamo parlando di persone che magari cenano in compagnia e poi tornano a casa e ricominciano a mangiare, ingurgitando quantità anomale di cibo.

Un malessere che ha poco a che vedere con la ghiottoneria, e molto con la perdita di controllo. I binge eaters mangiano in solitudine, provano vergogna e sensi di colpa ma quando cominciano non riescono a fermarsi anche a costo di stare male. Per fortuna non tutti gli episodi sono così acuti.

Per il DSM-5 si può diagnosticare il binge eating se il paziente fa abbuffate di questo tipo una volta alla settimana per almeno 3 mesi, accompagnate da un profondo malessere.

Messaggio pubblicitario Master - Positive Press Il BED è piuttosto diffuso anche tra i maschi e l’età media in cui insorge è intorno ai 21 anni.

Quando chi ne soffre prende a sopravvalutare la propria immagine corporea: In una società come la nostra, ossessionata dalla forma fisica tutti siamo più o meno insoddisfatti. Queste sono persone per cui il peso, la forma del corpo è una preoccupazione costante, è quello che definisce la loro identità.

E’ questo il vissuto di circa la metà dei binge eaters, quelli che soffrono di più, che rispondono meno alle terapie e che spesso soffrono: oltre il 50% di depressione, il 40% di ansia, l’abuso di sostanze è frequente.

Tanto che la perdita di controllo, caratteristica del BED ha portato i ricercatori a metterlo in relazione con la dipendenza:

Qualche affinità c’è perchè nel disturbo c’è una componente genetica (la presenza di familiari binge eaters è un fattore di rischio) e gli studi di imaging cerebrale mostrano delle peculiarità nel circuito della gratificazione. Stiamo cercando di capire se ci sia un’iperreattività al cibo e non è escluso che ci siano affinità con chi soffre di dipendenza da sostanze o dal gioco.

Ad essere una droga non è il cibo in sè, ma gli alimenti molto processati, ricchi di sale, zucchero e grassi così come i dolcificanti artificiali, potrebbero indurre una dipendenza.

 

Il binge eating - Articolo tratto da La Repubblica

VOTA L'ARTICOLO
(voti: 2, media: 3,00 su 5)

Articolo consigliato dall'autore

Controllo del peso ed eccessiva valutazione del peso nei DCA

Eccessiva valutazione del peso e della forma del corpo e adozione di comportamenti di controllo del peso nei disturbi alimentari

Uno studio ha indagato l’eccessiva valutazione del peso e la presenza di comportamenti di controllo del peso in pazienti con disturbi alimentari.
State of Mind © 2011-2017 Riproduzione riservata.
Condividi
Messaggio pubblicitario SCUOLA DI PSICOTERAPIA
Messaggio pubblicitario centro psicoterapia

Scritto da

Università e centri di ricerca

Iscriviti alla Newsletter

Consigliaci su Facebook

Messaggio pubblicitario

Hai una domanda?

Chiedi agli Psicologi

Seguici su Twitter

fluIDsex – Identità & Sessualità

fluIDsex sessualità fluida

Messaggio pubblicitario

Segui il canale Youtube

Messaggio pubblicitario

Chi sta visualizzando questa pagina

1 utente