Quando buonsenso e scienza non vanno d’accordo, è il pregiudizio a guidarci

ID Articolo: 118857 - Pubblicato il: 04 marzo 2016
Quando buonsenso e scienza non vanno d’accordo, è il pregiudizio a guidarci
Messaggio pubblicitario SFU Banner 5 Agosto
Condividi

Il buonsenso è in realtà niente di più che un deposito di pregiudizi radicati nella mente prima dei diciotto anni. Il buonsenso è davvero molto comune, solo che ognuno di noi ne ha un’idea diversa.

Di Maria Laura Mele

Nel discorso di ringraziamento per il suo primo premio Oscar, Leonardo di Caprio ha ammonito che “chiunque non crede che il cambiamento climatico stia avvenendo non crede nella scienza”. Eppure, più della scienza, a influenzare maggiormente le nostre convinzioni sembra essere il cosiddetto “buonsenso”. Ne è esempio uno studio pubblicato nel 2015 dal CSIRO, secondo cui, tra i partecipanti che hanno dichiarato di non credere al cambiamento climatico, uno su tre ha attribuito questa sua convinzione al “common sense“.

 

Le credenze relative al “buonsenso”

Messaggio pubblicitario Il buonsenso è spesso chiamato in causa in presenza di temi etici e politici che stimolano una presa di posizione, come sta avvenendo in questi giorni in Italia rispetto alla maternità surrogata. Ma cosa s’intende per buonsenso? In un articolo recentemente pubblicato su theconversation.com, Peter Ellerton, docente di Pensiero critico alla University of Queensland, ci guida alla comprensione del buonsenso a partire dalle principali considerazioni che ruotano attorno al concetto.

 

“Il buonsenso è ragionevole”

Durante una discussione conflittuale siamo spesso convinti che la nostra posizione sia quella ragionevole. Eppure, se così fosse, un’attenta riflessione delle parti in conflitto porterebbe a convergere verso una posizione ragionevole e sensata per tutti. Troppo spesso questo non accade, e il buonsenso si riduce alla sensazione che la nostra posizione –solo la nostra e di chi la pensa come noi!– sia l’unica ragionevole.

Per sfatare il mito del buonsenso ragionevole, l’autore cita Albert Einstein, secondo cui:

“[…] Il buonsenso è in realtà niente di più che un deposito di pregiudizi radicati nella mente prima dei diciotto anni”.

In altre parole, sottolinea Ellerton, “il common sense è davvero molto comune, solo che ognuno di noi ne ha un’idea diversa”, fondata sui propri introietti culturali e familiari.

 

“Sembra giusto”

Si potrebbe allora asserire che il buonsenso sia semplicemente ciò che sentiamo giusto, ma questo comporterebbe ignorare che ciò che riteniamo corretto per noi potrebbe essere meno giusto per altri.

Il più delle volte il buonsenso è condiviso e si evolve con la cultura di riferimento. Tuttavia, quando importanti cambiamenti etici e culturali ci richiedono di modificare troppo velocemente il nostro punto di vista sul mondo, è più facile rifiutare il cambiamento perché “sembra giusto” farlo piuttosto che cambiare il proprio punto di vista. È qui che il pregiudizio prende il posto del ragionamento, sostiene Ellerton.

Ad avvalorare la sua tesi, l’autore cita lo psicologo e premio Nobel Daniel Kahneman nel suo libro “Pensieri lenti e veloci”, secondo cui l’essere umano non sarebbe psicologicamente “ben equipaggiato” per valutare il proprio stesso pensiero. È vero che il ragionamento euristico è uno dei motivi per cui l’uomo si è evoluto così velocemente, ma questo meccanismo di economia del ragionamento che guida verso la presa di decisione può talvolta trarci in inganno e condurci a fallacie logiche guidate da credenze e pregiudizi.

La soluzione che Ellerton consiglia per ovviare all’impossibilità di valutare da sé il proprio pensiero è la verifica sociale della conoscenza, attraverso cui possiamo sperimentare le nostre idee in modo sistematico per verificare che il buonsenso trovi fondamento anche al di fuori del nostro pensiero. L’esempio più rilevante di cognizione sociale condivisa è la scienza.

 

“La Scienza non è buonsenso”

Messaggio pubblicitario Database Terapeuti SC 2016 A questo punto del suo lavoro, Ellerton precisa che scienza e buonsenso hanno radici differenti: per la scienza la terra è “rotonda” anche laddove questa risulti piatta per il buonsenso. La scienza nasce proprio in virtù del tentativo di superare la tendenza al ‘bias’ cognitivo che è propria della natura umana. In questo senso, la scienza non riguarda il singolo individuo ma la totalità della società.

 

“Pensare bene è una competenza sociale”

L’articolo termina con questa riflessione: il modo in cui un individuo s’impegna a pensare bene riflette il grado di responsabilità verso la società cui appartiene. Secondo l’autore, il pensiero critico è di matrice sociale: “siamo più intelligenti insieme di quanto lo siamo individualmente”.

L’impegno individuale a favorire un’ecologia del pensiero critico è l’elemento che riappacifica buonsenso e scienza, proprio perché permette il rispetto delle differenze di buonsenso al di là del pregiudizio.

VOTA L'ARTICOLO
(voti: 14, media: 4,50 su 5)

Articolo consigliato dall'autore

Bias ed Euristiche

Bias ed Euristiche - Introduzione alla Psicologia Nr. 38

Le euristiche sono scorciatoie comode e rapide estratte dalla realtà, i bias cognitivi sono euristiche inefficaci e logorate, non basate su dati di realtà.

Bibliografia

State of Mind © 2011-2016 Riproduzione riservata.
Condividi
Messaggio pubblicitario Elenco italiano Psicoterapeuti
Messaggio pubblicitario Elenco italiano Psicoterapeuti

Scritto da

Sono citati nel testo

Università e centri di ricerca

Iscriviti alla Newsletter

Consigliaci su Facebook

Messaggio pubblicitario

Hai una domanda?

Chiedi agli Psicologi

Seguici su Twitter

fluIDsex – Identità & Sessualità

fluIDsex sessualità fluida

Messaggio pubblicitario

Segui il canale Youtube

Messaggio pubblicitario

Chi sta visualizzando questa pagina

1 utente